Usa il mouse, frecce o sfoglia se touch
   numero di 21/05/2014
Sport Business

Real Madrid e Barcellona le squadre economicamente piu’ forti al mondo
La classifica di Forbes sulle squadre più ricche vede, dopo le due spagnole, Manchester United, Bayern e Arsenal. Milan ottavo seguito dalla Juventus

Per la prima volta da quando Forbes ha iniziato a stilare la classifica in merito alle squadre di calcio più economicamente importanti del mondo, dieci anni fa, due team spagnoli, Real Madrid e Barcellona, sono ai primi due posti. Durante la stagione 2012-13 il Real Madrid ha generato un fatturato di 675 milioni di dollari, più di qualsiasi squadra e in qualsiasi sport nella storia, e ha raggiunto un valore di 3,44 miliardi dollari, il 4% in più di un anno fa. Il Barcellona ha generato il secondo fatturato (627 mln di dollari), che consente alla squadra di raggiungere un valore di 3,2 miliardi di dollari, in crescita del 23% rispetto allo scorso anno.
Da notare che né il Real Madrid o il Barcellona hanno raggiunto la vetta garanzie al loro gioco sul campo, sia a livello nazionale e in Champions League, ma soprattutto a livello commerciale. Il Real Madrid è quest'anno in finale di Champions League dopo aver travolto la vincitrice della competizione dello scorso anno, il Bayern Monaco. Come risultato, gli introiti di Champions League del Real Madrid supereranno i 62 milioni di dollari che hanno portato a casa l'anno scorso, quando erano stati eliminati in semifinale dal Borussia Dortmund. Il successo e la forza del Real Madrid, come marchio globale hanno contribuito a firmare un accordo da 52 milioni di dollari l'anno con adidas e una sponsorizzazione di maglia da 39 milioni di dollari all'anno, con Emirates.
Prima di essere spodestato dal rivale spagnolo Atletico Madrid nei quarti di finale di quest'anno di Champions League, il Barcellona aveva fatto almeno le semifinali ogni anno dal 2007-08. La corsa stellare sul più grande palcoscenico d'Europa, alimentata in gran parte dalle reti di Lionel Messi, ha permesso a Barcellona di monetizzare il proprio marchio con un accordo da 45 milioni di dollari all'anno con il Qatar per la sponsorizzazione della maglia e di 44 milioni dollari all'anno con Nike, come sponsor tecnico.
Il Manchester United è la terza squadra per valore, toccando i 2,8 miliardi di dollari. Il valore della squadra inglese è diminuito dell'11% rispetto allo scorso anno grazie al suo rendimento scadente in questa stagione in Premier League, che si tradurrà nella mancata partecipazione alla prossima Champions League. Ma grazie al contratto settennale da 559 milioni di dollari per avere il brand Chevrolet sulla maglia, che inizia questa estate, la perdita netta della squadra senza la Champions League sarà solo di circa 35 milioni di dollari invece di 55 milioni.
Nonostante la condanna per evasione fiscale di Uli Hoeness, presidente del Bayern Monaco, club vincitore Champions League dello scorso anno, la fortissima squadra tedesca ha visto aumentare del 41% il proprio valore, a 1,85 miliardi di dollari. Il Bayern Monaco ha già vinto il 24° titolo nazionale ed è anche squadra più popolare della Germania, con più di 3.100 FC Bayern Fan Club di tutto il mondo, tra cui oltre 225.000 fans iscritti. Nel 2012, il Bayern Monaco ha esteso fino al 2017 il suo accordo di sponsorizzazione per il brand sulla maglia con Deutsche Telekom, per una media di 42 milioni di dollari all'anno, più di qualsiasi altra squadra tedesca.
Al quinto posto troviamo l’Arsenal, con un valore di 1,3 miliardi di dollari, seguito dal Chelsea (868 mln di dollari), Manchester City (863 mln). All’ottavo e nono posto troviamo le prime due italiane: l’AC Milan (valore 856 mln) e Juventus (850 mln). Per il Milan vale il discorso fatto per il Manchester United, poichè la stagione disastrosa di quest’anno non gli consentirà di disputare la Champions League, fonte di gran parte del fatturato, ma non ha uno sponsor di valore importante a compensare le perdite.
Al decimo posto troviamo il Liverpool con un valore di 691 milioni di dollari.
Due nuovi arrivati nella top 20: Il Paris Saint-Germain, attestati al 15° posto, con un valore di 415 milioni di dollari, e il Galatasaray (347 mln), 16° classificato.
Da quando la Qatar Sports Investment ha acquistato la partecipazione di controllo dei campioni di Francia tre anni fa, il braccio di investimento del fondo sovrano del Qatar ha riversato una fortuna nel team, tra cui un innovativo contratto da 260 milioni di dollari per la partnership con l'Autorità del Turismo del Qatar. Inoltre, la firma di David Beckham per la stagione 2012-13 ha avuto un notevole impatto economico immediato sulla squadra, permettendogli sponsorizzazioni con marchi globali come McDonald e Panasonic.
Il Galatasaray ha vinto il suo secondo titolo consecutivo nazionale nel 2012-13 e ha disputato i quarti di finale di Champions League, che fatto guadagnare alla squadra turca 32 milioni di dollari. E anche quest’anno la squadra si è assicurata il suo di 19° titolo turco, monetizzando sul suo successo in campo con nuove sponsorizzazioni con Opel, W Collection e HCL Infosystems.

Mentre i premi della Champions League e le sponsorizzazioni delle maglie spesso determinano la gerarchia della ricchezza all'interno di ogni rispettivo paese, la rappresentanza di ogni campionato nella Top 20 di Forbes considera anche le dimensioni dei suoi accordi di broadcasting nazionali. Cinque delle prime 10 squadre di calcio più importanti appartengono alla Premier League, che ottiene 2,6 miliardi dollari all'anno dai suoi diritti televisivi nazionali ed internazionali. Il secondo contratto più ricco è quello da 1,3 miliardi dollari all'anno per la Serie A italiana, che ha cinque squadre tra le prime 20 (Inter al 14° posto, Roma 19° e Napoli 20°).
Le cifre espresse dalla classifica sono ottenute tenendo conto dei valori dell'impresa (capitale più debito), sulla base delle offerte attuali dello stadio (a meno che un nuovo stadio sia in arrivo). I ricavi e proventi operativi (utile prima di interessi, tasse, ammortamenti, compravendita di giocatori) sono per la stagione 2012-13, convertiti in dollari sulla base di esercizi di cambio di fine esercizio. Tutti i dati sono calcolati di Forbes, tranne i ricavi, la maggior parte dei quali provengono del report Deloitte Football Money League.



Sport Business

numero di 21/05/2014
SOMMARIO di questa settimana

Condividi su LinkedIn




Sfoglia il prossimo articolo -->

*/ ?>