BusinessCommunity.it settimanale per imprenditori e manager
BusinessCommunity.it

25/05/2022

economia

Bassi rendimenti e inflazione: le obbligazioni possono ancora aggiungere valore al portafoglio?

Bert Flossbach (Flossbach von Storch): in termini reali (cioè dopo l'aggiustamento per l'inflazione) diventa sempre più difficile usare i bond per mantenere il valore. Questo è particolarmente vero per l'eurozona


Le condizioni per gli investitori obbligazionari non sono mai state difficili come oggi, soprattutto nell'eurozona.
I bassi rendimenti obbligazionari hanno fatto sì che i rendimenti fossero modesti anche in tempi in cui i tassi d'interesse erano stabili.
Quando i tassi d'interesse salgono, e i rendimenti obbligazionari salgono con loro, gli investitori subiscono anche perdite di prezzo.

Bassi rendimenti e inflazione: le obbligazioni possono ancora aggiungere valore al portafoglio?

Un Bund tedesco a 10 anni con cedola zero e rendimento di mercato zero aveva un prezzo di 100 alla fine di gennaio.
Da allora il rendimento di mercato è salito a circa lo 0,6% e per fornire un rendimento in linea con il mercato, il prezzo dell'obbligazione a cedola zero è recentemente sceso a 94.
Se il rendimento di mercato continuasse a salire, per esempio al 2%, il prezzo dell'obbligazione scenderebbe a soli 82,30.
Ciò significa che le obbligazioni con scadenze lunghe e cedole basse generano grandi perdite se i rendimenti salgono, anche solo leggermente.
Le perdite diventano gravi se i tassi d'interesse salgono significativamente e disastrose per le obbligazioni a lunghissima scadenza, come dimostra il titolo di stato austriaco a 100 anni emesso nel giugno 2020 con una modesta cedola dello 0,85%.
A dicembre 2020 il prezzo era salito a 139, per rendimento di circa lo 0,4%.

Seguici: 

Da allora il rendimento è salito all'1,7% e il prezzo è sceso a 58, che equivale a una perdita di quasi il 60%.
Se il rendimento dovesse salire al 3%, il prezzo scenderebbe a 32.
Anche se l'obbligazione è una fonte a basso costo di finanziamento a lungo termine per l'Austria, è un disastro per gli obbligazionisti.
Anche lo stato tedesco della Renania Settentrionale-Vestfalia ha approfittato dell'opportunità e ha emesso 10,5 miliardi di euro in obbligazioni a 100 anni durante il periodo di bassi tassi di interesse degli anni precedenti.

I tassi cedolari da 0,95 a 2,15% sono apparsi generosi all'epoca e c'è stata una forte domanda per le obbligazioni.
Con l'eccezione dell'obbligazione con un tasso cedolare del 2,15%, queste obbligazioni sono ora scambiate significativamente al di sotto del prezzo di emissione di 100.
L'obbligazione emessa nel gennaio 2021 con una cedola dello 0,95% ha subito la perdita maggiore, scendendo a un prezzo di 60 un anno buono dopo la sua data di emissione.
Le obbligazioni di alta qualità possono quindi essere anche molto rischiose.
Va notato, tuttavia, che i titoli hanno temporaneamente registrato significativi guadagni in termini di prezzo, in un caso addirittura raddoppiando il prezzo in soli 12 mesi.
Ciò significa che, anche durante i periodi di bassi tassi d'interesse, titoli come questi possono offrire opportunità di guadagno temporanee per gli investitori opportunisti che comprendono i rischi e le opportunità di questi titoli e possono stimare relativamente bene le variazioni dei tassi d'interesse.

Lo stesso vale per le obbligazioni societarie la cui qualità è stata valutata male dal mercato e per le obbligazioni in valuta estera che, oltre a tassi d'interesse più alti, possono anche fornire guadagni in valuta.
Anche le obbligazioni indicizzate all'inflazione possono essere interessanti se l'investitore si aspetta un'inflazione superiore alle aspettative riflesse nel prezzo dell'obbligazione, che sono mostrate dallo sconto sul rendimento rispetto alle obbligazioni normali.
Queste obbligazioni possono, tuttavia, subire cali di prezzo anche durante i periodi di aumento dei tassi di interesse.
Un ambiente di bassi rendimenti e inflazione crescente pone un dilemma per gli investitori con portafogli misti, perché i titoli di stato sicuri hanno in gran parte perso la loro funzione di cuscinetto contro il rischio.
In precedenza fornivano un buon contrappeso alle azioni, e le loro perdite potevano essere almeno parzialmente compensate dal reddito da interessi e dai guadagni di prezzo in caso di correzioni del mercato.

la copertina di BusinessCommunity.it

Recentemente, tuttavia, questi paradisi sicuri hanno registrato perdite più grandi del mercato azionario.
L'uso delle obbligazioni ha aumentato il rischio del portafoglio invece di ridurlo.
Tuttavia, poiché molti investitori privati e la maggior parte degli investitori istituzionali vogliono o possono investire solo una parte - spesso limitata - del loro capitale in azioni, la parte obbligazionaria di un portafoglio deve essere finalizzata a limitare le perdite e a trarre vantaggio da opportunità temporanee.
Potrebbe quindi essere possibile guadagnare uno o due punti percentuali e generare almeno un rendimento nominale positivo prima di dedurre l'inflazione.
In termini reali (cioè dopo l'aggiustamento per l'inflazione), tuttavia, diventa sempre più difficile usare le obbligazioni per mantenere il valore di un portafoglio.
Questo è particolarmente vero per la zona euro, dove il livello dei tassi d'interesse è ancora estremamente basso dato il rischio d'inflazione.

Coloro che vogliono andare sul sicuro e lasciare tutto in contanti possono aspettarsi che i tassi di deposito negativi finiscano presto, ma nel lungo periodo questa sarà una vittoria di Pirro per via dell'inflazione.
Anche un tasso d'inflazione di appena il 3% farebbe perdere a un portafoglio più di un quarto del suo valore reale in un periodo di 10 anni.
Questo aumenterebbe a circa il 40% con un'inflazione del 5%, e quasi la metà con il 7%.
Bert Flossbach, co-fondatore di Flossbach von Storch



Se l'articolo ti è piaciuto, condividilo con gli amici e colleghi


ARGOMENTI: marketing - retail - ecommerce - digital transformation - pmi - high yield - bitcoin - bond - startup - pagamenti - formazione - internazionalizzazione - hr - m&a - smartworking - security - immobiliare - obbligazioni - commodity - petrolio - brexit - manifatturiero - sport business - sponsor - lavoro - dipendenti - benefit - innovazione - b-corp - supply chain - export - - punto e a capo -

> Vai al sommario < - > Guarda tutti gli arretrati < - > Leggi le ultime news <

Copyright © 2009-2022 BusinessCommunity.it.
Reg. Trib. Milano n. 431 del 19/7/97
Tutti i Diritti Riservati. P.I 10498360154
Politica della Privacy e cookie

BusinessCommunity.it - Supplemento a G.C. e t. - Reg. Trib. Milano n. 431 del 19/7/97
Dir. Responsabile Gigi Beltrame - Dir. Editoriale Claudio Gandolfo


Copertina BusinessCommunity.it