15/09/2021

editoriale

Bene, ma non benissimo la crescita del Pil

L'Italia cresce, per fortuna. Ma quanto crescerà nel 2021? Il Ministro Franco a Cernobbio si è lanciato in un possibile +5,8% con un +15% di investimenti. L'OCSE ha previsto un +5,9% per quest'anno e un +4,1% nel 2022. Se il COVID-19 e le sue varianti non giocano brutti scherzi, l'Italia avrà un tasso di crescita tra i più elevati a livello mondiale, almeno tra i Paesi del G20. C'è da gioirne, certamente, ma ci sarebbe una osservazione da fare. Nel 2020 il nostro PIL è calato di un catastrofico 8,9%, una percentuale che ci riporta agli anni più bui delle guerre mondiali. Qualora raggiungessimo i dati previsionali, saremmo comunque circa 3 punti percentuali lontano dai dati del 2019, quando eravamo già in crisi. E se ha ragione l'OCSE, avremo assorbito i danni da pandemia in circa due anni e mezzo, visto che è partita a marzo 2020. Non sarà così per gli altri Paesi, compresi quelli dell'Eurozona, visto che è vero che cresceranno meno nel 2021, ma hanno sperimentato cali di PIL molto inferiori al nostro (Spagna esclusa), e hanno già colmato o quasi il gap.

Seguici: 

Se anche riuscissimo a riportare le lancette dell'economia sul 2019, ricordiamo però che i consumi interni - vero motore della crescita italiana dal dopoguerra fino al 2009 - stagnavano da anni, l'export cresceva ma soprattutto perché calava l'import e gli investimenti pubblici erano ridotti al lumicino. Certo, ora con i fondi del Recovery Fund (prima tranche di quasi 25 mld) si presenta l'occasione di finanziare progetti per ammodernare il Paese, e questo dovrebbe rappresentare un volano per l'economia. Vedremo se avremo la capacità di spenderli bene e di far realizzare all'Italia quel balzo in avanti da molti auspicato, ricordandoci però che gran parte sono a debito. E sempre tenendo conto che non è continuando con la compressione salariale che si producono ricchezza e benessere diffuso. Infine un'ultima questione: qualcuno sa spiegare perché il Tesoro ha oltre 110 miliardi di euro di disponibilità liquide (record) e non li impiega?  



Claudio Gandolfo


BusinessCommunity.it - Supplemento a G.C. e t. - Reg. Trib. Milano n. 431 del 19/7/97
Dir. Responsabile Gigi Beltrame - Dir. Editoriale Claudio Gandolfo

Tutti i Diritti Riservati. P.I 10498360154
Politica della Privacy e cookie
Sommario di questo numero