Eurostat: Superbonus 2024 non pagabile. Impatto sul deficit pubblico diluito
Eurostat: Superbonus 2024 non pagabile. Impatto sul deficit pubblico diluito


Uno dei temi più discussi nella politica italiana degli ultimi anni, il Superbonus, torna sotto i riflettori dopo il parere dell'Eurostat che lo considera 'non pagabile'. Questo cambiamento riguarda il credito d'imposta maturato dalla riforma del 2024, incidendo significativamente sui conti pubblici.



copertina magazine Business Community di questa settimana
Sfoglia il MAGAZINE (gratis)

Le nostre partnership

BusinessCommunity.it

La valutazione dell'Eurostat è arrivata come un fulmine a ciel sereno, mettendo in difficoltà il governo di Giorgia Meloni, che aveva spesso posto il Superbonus al centro del dibattito politico. Secondo l'Eurostat, il credito d'imposta maturato dopo la riforma contenuta nel decreto legge di marzo, convertito in legge a maggio, deve essere registrato nei conti pubblici come 'credito d'imposta non pagabile nel 2024', salvo eccezioni previste dalla legge.

Questo aspetto è stato il punto focale del parere inviato all'Istat sulla contabilizzazione dei crediti italiani. Per quanto riguarda il passato, l'Eurostat ha confermato la classificazione del Superbonus attivato tra il 2020 e il 2023 come 'credito d'imposta dovuto'.

L'adozione delle ultime norme implica che l'effetto del Superbonus sul deficit sarà distribuito nel corso degli anni a venire, una soluzione già prevista dal governo. L'approccio adottato dall'istituto italiano viene quindi confermato.

Fino alla fine del 2023, la spesa relativa a tutti gli incentivi edilizi al 110% garantiti è stata contabilizzata nei conti pubblici come 'pagabile'. Dal 2024, invece, il parere cambia e il Superbonus viene valutato come 'non pagabile', permettendo di spalmare la spesa su più anni. Questo significa un impatto minore sul deficit pubblico immediato, ma un prolungamento dei tempi per il rientro.

BusinessCommunity.it

BusinessCommunity.it

BusinessCommunity.it


Questa decisione si inserisce nel quadro delle regole del Patto di stabilità europeo, tornate in vigore dal 1° gennaio 2024, che impongono criteri stringenti per il rientro dei deficit pubblici. La legge di maggio sul Superbonus prevede che le spese sostenute dal 1° gennaio 2024 possano essere portate in detrazione in 10 anni anziché 4.

L'Eurostat ha precisato che per le spese 2024 relative alle deroghe, il Superbonus maturato sarà ancora contabilizzato come 'credito d'imposta pagabile'. Per il periodo 2020-23, l'ufficio di statistica aveva basato la sua valutazione sul presupposto che gli importi dei crediti d'imposta eventualmente persi in futuro sarebbero stati trascurabili.

Queste nuove valutazioni pongono una sfida significativa per il governo italiano, che dovrà gestire l'impatto diluito del Superbonus sui conti pubblici, cercando di rispettare al contempo le rigide norme europee sul deficit.

Eurostat: Superbonus 2024 non pagabile. Impatto sul deficit pubblico diluito
Clicca per ingrandire l'immagine

BusinessCommunity.it





Feed RSS



marketing - retail - ecommerce - intelligenza artificiale - AI - IA - digital transformation - pmi - high yield - bitcoin - bond - startup - pagamenti - formazione - internazionalizzazione - hr - m&a - smartworking - security - immobiliare - obbligazioni - commodity - petrolio - brexit - manifatturiero - sport business - sponsor - lavoro - dipendenti - benefit - innovazione - b-corp - supply chain - export - - punto e a capo -

Iscriviti alla nostra newsletter e resta in contatto con Business Community