Quantcast

Commercio estero extra UE: a ottobre export +1,5% e import +3,2% su mese. Cala il surplus
Commercio estero extra UE: a ottobre export +1,5% e import +3,2% su mese. Cala il surplus


Finalmente a ottobre torna a crescere, dopo due mesi consecutivi di flessioni, l’export verso i Paesi extra UE registra un aumento su base mensile. Nel complesso del trimestre agosto-ottobre 2021, la dinamica congiunturale delle esportazioni verso i Paesi extra Ue risulta in lieve calo. Su base annua, la crescita dell’export rallenta (+3,9%, da +5,2% di settembre). Tale dinamica è tuttavia influenzata dalle movimentazioni occasionali di elevato impatto (vendite di mezzi di navigazione marittima) registrate a ottobre dello scorso anno, al netto delle quali l’aumento tendenziale delle esportazioni è più ampio (+5,4%). La crescita, sia congiunturale sia tendenziale, dell’import è in larga misura dovuta all’aumento degli acquisti di prodotti energetici. Ma entriamo più in profondità nei dati.
Secondo quanto comunicato dall’Istat, ad ottobre 2021 si stima per l’interscambio commerciale con i Paesi extra UE27, un aumento congiunturale per entrambi i flussi, più ampio per le importazioni (+3,2%) rispetto alle esportazioni (+1,5%).
L’aumento su base mensile dell’export interessa tutti i raggruppamenti principali di industrie, a esclusione di beni intermedi (-0,7%), ed è dovuto in particolare all’aumento delle vendite di beni di consumo, durevoli (+5,6%) e non durevoli (+3,8%). Dal lato dell’import, la crescita congiunturale è determinata principalmente da energia (+12,2%) e beni intermedi (+3,9%). Diminuiscono gli acquisti di beni di consumo durevoli (-7,0%) e beni strumentali (-5,4%).




Sfoglia il MAGAZINE (gratis)

Le nostre partnership




Nel trimestre agosto-ottobre 2021, rispetto al trimestre precedente, l’export diminuisce dello 0,4%, per effetto del calo delle vendite di beni strumentali (-6,0%) ed energia (-3,5%). Nello stesso periodo, l’import registra un incremento congiunturale del 9,9%, cui contribuiscono soprattutto energia (+15,0%), beni intermedi (+7,1%) e beni di consumo non durevoli (+11,5%).
A ottobre 2021, l’export cresce su base annua del 3,9%. L’aumento – diffuso a tutti i raggruppamenti, a eccezione di beni strumentali (-3,0%) – è particolarmente elevato per energia (+108,7%). L’import segna una crescita tendenziale del 30,0%, anch’essa estesa a tutti i raggruppamenti, a esclusione di beni strumentali (-0,2%), e particolarmente intensa per energia (+132,8%).
La stima del saldo commerciale (surplus) a ottobre 2021 è pari a +3.587 milioni, in calo rispetto a ottobre 2020 (+6.996). Diminuisce anche l’avanzo nell’interscambio di prodotti non energetici (da +8.624 milioni per ottobre 2020 a +7.468 milioni per ottobre 2021).
A ottobre 2021 si rilevano aumenti su base annua dell’export verso la maggior parte dei principali Paesi partner extra UE27; i più ampi riguardano Turchia (+12,5%), Giappone (+10,0%) e Cina (+4,4%). Sono in diminuzione le vendite verso Svizzera (-13,6%), Russia (-12,8%), Regno Unito (-6,1%) e Paesi MERCOSUR (-4,0%).
Gli acquisti da India (+150,4%) e Russia (+102,1%) registrano incrementi tendenziali molto più ampi della media delle importazioni dai Paesi extra UE27. Le importazioni dal Regno Unito (-14,0%) risultano in calo.


Clicca per ingrandire l'immagine

Scritto da Claudio C. Gandolfo il 25 Nov 2021 11:09


marketing - retail - ecommerce - digital transformation - pmi - high yield - bitcoin - bond - startup - pagamenti - formazione - internazionalizzazione - hr - m&a - smartworking - security - immobiliare - obbligazioni - commodity - petrolio - brexit - manifatturiero - sport business - sponsor - lavoro - dipendenti - benefit - innovazione - b-corp - supply chain - export - - punto e a capo -

Iscriviti alla nostra newsletter e resta in contatto con Business Community