HOME   
             
Usa le frecce, click su colonne o sfoglia su pad    Un mondo a due velocita'    Sommario

SOMMARIO

Magazine di Febbraio2012



Un mondo
a due
velocita'

Outlook Fidelity sui comparti azionario e obbligazionario



Il 2011 sara' ricordato come un anno particolarmente complesso. Si sono, infatti, verificati numerosi eventi esterni ai mercati in grado di influenzarne l'andamento, come lo tsunami in Giappone e le rivolte in Nord Africa, eventi spesso giudicati a priori come assai poco probabili, e altri di carattere piu' endogeno rispetto ai mercati, quale ad esempio la perdita della tripla A da parte degli Stati Uniti. Dogmi prima indiscutibili come la possibilita' che uno Stato membro lasci l'Eurozona sono diventati temi centrali che continueranno a essere di attualita' anche nel 2012. In particolare, la crisi del debito sovrano nell'Eurozona si sta evolvendo con rapidita', spingendo periodicamente i mercati a forzare la mano dei policy maker. Probabilmente questo meccanismo si confermera' anche nei primi mesi del 2012 nel corso dei quali i mercati potrebbero continuare a mettere alla prova le debolezze a livello politico, anche se e' difficile credere che si possano verificare casi di uscita dall'Euro.
Da tempo Fidelity parla esplicitamente di un ''mondo a due velocita''', nel quale vi e' uno spostamento della ricchezza dai Paesi sviluppati verso quelli emergenti e il contesto attuale ha reso questo processo ancora piu' marcato ed evidente. Si assiste di fatto a una crescente polarizzazione tra le economie dei Paesi piu' sviluppati, altamente indebitate e con una crescita lenta, e quelle dei Paesi emergenti, che hanno fondamentali solidi ed elevati ritmi di crescita. In un'ottica di lungo termine i Paesi emergenti rimangono infatti particolarmente interessanti e la coesistenza di due mondi che procedono a velocita' diverse sara' sempre piu' evidente. La volatilita' nel 2011 ha portato a una penalizzazione di diverse tipologie di investimenti, senza che cio' fosse sempre supportato dai fondamentali economici. Questa dicotomia implica delle interessanti opportunita' di investimento di medio termine.

Outlook azionario per il 2012 di Dominic Rossi, Direttore Investimenti Azionari
La crisi del debito sovrano sta probabilmente entrando nella sua fase conclusiva e una manovra di quantitative easing (QE), con il conseguente aumento di massa monetaria, avrebbe l'effetto di erodere il valore dei debiti nell'Eurozona e dunque di fornire una boccata di ossigeno utile a intraprendere la strada della ripresa e raggiungere un accordo sul tema dell'integrazione fiscale. Considerando gli eventi che si sono succeduti in Europa, la moneta unica ha tenuto straordinariamente bene. Il pessimismo riguardo all'Euro non e' pero' superato e sembra destinato a raggiungere un punto critico oltre il quale si intravede gia' un periodo di debolezza della divisa europea.
Nonostante la debolezza economica in Europa influenzi negativamente la crescita globale, le probabilita' di una recessione negli Stati Uniti restano basse e anche l'impatto sulla crescita dei mercati emergenti non risulta particolarmente preoccupante poiche' questi ultimi si trovano ad affrontare pressioni inflazionistiche la cui risoluzione passa anche attraverso una crescita piu' moderata. La politica monetaria dei mercati emergenti potrebbe dunque diventare in futuro piu' accomodante. Per quanto concerne i mercati sviluppati, infine, e' probabile che gli Stati Uniti e il Regno Unito intraprendano ulteriori manovre di QE.
Per quanto riguarda il settore azionario per il 2012, la contrapposizione fra mercati emergenti e sviluppati diventera' maggiormente evidente rispetto al 2011. Gli investitori dovrebbero cogliere opportunita' di acquisto nei mercati emergenti che consentano di aumentare l'esposizione a prezzi allettanti. In un'ottica di lungo termine i Paesi emergenti rimangono infatti particolarmente interessanti e la coesistenza di due mondi che procedono a velocita' diverse sara' sempre piu' evidente.
Durante le fasi di volatilita' esasperata anche i mercati emergenti potrebbero risentirne nel breve termine, poiche' le correlazioni azionarie tendono a convergere. Tuttavia riteniamo che nel corso del 2012 gli investitori inizieranno ad apprezzare gli ottimi fondamentali economici dei Paesi emergenti e la loro migliore capacita' di ripresa dalla fase di rallentamento dell'economia globale. Le turbolenze in questi mercati sono, infatti, di natura ciclica piuttosto che strutturale e, pertanto queste realta' continuano a rappresentare un investimento con prospettive allettanti nel medio-lungo periodo. Questi mercati nel 2012 sono, infatti, destinati a registrare performance economiche e azionarie migliori dei mercati sviluppati, penalizzati da una bassa crescita e da un eccessivo indebitamento.
Per quanto riguarda il mercato azionario europeo gli investitori dovrebbero concentrarsi sui titoli di societa' difensive qualitativamente eccellenti, con utili stabili e affidabili e in grado di offrire dividendi elevati e sostenibili. In Europa i dividend yield si attestano decisamente al di sopra della loro media a 15 anni e l'orientamento alla generazione di reddito, anche in ambito azionario, potra' dare buone soddisfazioni, tenuto anche conto della fase di bassa crescita economica. Le Societa' in grado di distribuire dividendi elevati in maniera sostenibile nel tempo sono tipicamente aziende di grandi dimensioni con marchi solidi, che possono dimostrarsi particolarmente interessanti nell'attuale contesto di mercato.

Outlook obbligazionario per il 2012 di Andrew Wells, Direttore Investimenti Obbligazionari
L'eventualita' di default del debito sovrano continuera' a catalizzare l'attenzione anche nel corso del nuovo anno. Tuttavia riteniamo che sui mercati obbligazionari il 2012 portera' anche tante opportunita', dalle quali gestori dinamici potranno trarre vantaggio se sapranno identificare correttamente le situazioni nelle quali il sentiment degli investitori non segue i fondamentali.
Riteniamo che aumentera' ancora l'interesse per i fondi obbligazionari ''strategici'' che bilanciano il rapporto rischio/rendimento attraverso la gestione attiva. Fortunatamente l'asset class del reddito fisso e' ampia e profonda e non mancano ottime opportunita' di ottenere un ritorno interessante evitando i titoli di Stato maggiormente sotto pressione. L'analisi per singole asset class evidenzia scenari e opportunita' differenti. Nel mercato dei titoli di Stato il concetto di ''investimento sicuro'' sta evolvendo verso nuove definizioni. È aumentata, infatti, la domanda di debito pubblico emesso da Governi considerati ultrasicuri come Stati Uniti, Regno Unito, Canada e Australia. Questi Paesi hanno la possibilita' di stampare denaro nella propria valuta nazionale e le loro obbligazioni sono, quindi, ritenute meno esposte a rischi di default. Tuttavia gli yield attualmente bassi ne riducono l'interesse tra gli investitori.
Le obbligazioni societarie di alta qualita', invece, presentano in taluni casi diverse caratteristiche un tempo associate alle emissioni sovrane. I timori generalizzati a livello macroeconomico hanno spinto al rialzo i rendimenti delle obbligazioni corporate in tutta la gamma di merito creditizio, mentre i fondamentali societari sono rimasti essenzialmente solidi. Non e' infatti eccessivo affermare che molte societa' si trovano attualmente in condizioni migliori dei loro stessi governi.
Anche le obbligazioni societarie ad alto rendimento (high yield) sono un segmento molto interessante per gli investitori. Attualmente gli spread sul credito scontano tassi di default elevati in un contesto nel quale, al contrario, i fallimenti sono ben al di sotto della media storica. Analizzando le prospettive future delle Societa' di questo segmento riteniamo che gli spread non rispecchino i fondamentali societari. La maggior parte delle Societa', infatti, arriva al 2012 in una situazione di gran lunga migliore rispetto a quella in cui versava nel 2008/2009. Le imprese hanno tenuto i costi sotto controllo, hanno accesso al credito bancario - anche se a condizioni piu' restrittive - e negli ultimi due anni hanno dimostrato di sapere gestire attivamente il proprio fabbisogno di rifinanziamento per proteggersi dalla volatilita'. Questi fattori dovrebbero mantenere i tassi di default su livelli piu' contenuti rispetto a quanto il mercato sembra aspettarsi. I titoli high yield possono, inoltre, offrire flussi di reddito particolarmente solidi. Sara', pero', indispensabile una buona selezione dei titoli per riuscire a evitare le emissioni peggiori, che potrebbero invece danneggiare i rendimenti dei portafogli.
Dato il persistere della crisi, il quantitative easing e il conseguente aumento della massa monetaria risultano essere opzioni plausibili e, di conseguenza, un possibile aumento dell'inflazione andrebbe preso in considerazione. Le obbligazioni indicizzate all'inflazione sono, quindi, convenienti soprattutto in questa fase, durante la quale - fintanto che non saranno varate misure di QE - l'inflazione continua ad apparire lontana. Qualora venissero attuate manovre di QE sarebbe invece tardi per proteggersi efficacemente, in quanto le aspettative di inflazione si rifletterebbero nelle quotazioni. E' proprio in questa fase, dunque, che e' possibile trovare maggiore valore nei titoli indicizzati all'inflazione, soprattutto se le emissioni con le migliori prospettive di apprezzamento vengono efficacemente selezionate a livello globale.
Riteniamo, infine, che il nuovo anno vedra' aumentare notevolmente anche l'interesse per le obbligazioni dei mercati emergenti in un'ottica di investimenti di lungo periodo. Le economie emergenti, infatti, dovrebbero registrare tassi di crescita piu' elevati a livello globale e questo potrebbe contribuire a sostenere l‘affidabilita' dei loro titoli di stato. Il debito pubblico e i bilanci di molti Paesi emergenti sono di gran lunga migliori rispetto alla maggior parte di quelli sviluppati e possono contare su fondamentali solidi, indebitamenti ridotti e politiche fiscali responsabili offrendo, quindi, interessanti opportunita' di investimento.


Leggi il prossimo articolo
Verso una nuova recessione?





Se l'articolo ti è piaciuto, condividilo con gli amici e colleghi su:

Stampalo


Iscriviti alla newsletter di Business Community








Torna al sommario