HOME   
             
Usa le frecce, click su colonne o sfoglia su pad    Paesi BRICS mete per le aziende che vogliono crescere   Sommario

SOMMARIO

Magazine di Febbraio2012



Paesi BRICS
mete per le aziende
che vogliono crescere

Per superare la crisi le imprese italiane volano verso Brasile, Russia, India, Cina e Sudafrica



Per superare la crisi del mercato nazionale nel 2011 le imprese italiane con i loro manager, dipendenti o capi azienda hanno cercato nuovi sbocchi nei Paesi B.R.I.C.S. (Brasile, Russia, India, Cina, Sudafrica).
Secondo la Business Travel Survey di Uvet Amex, societa' specializzata nei viaggi d'affari del Gruppo Uvet (polo distributivo del turismo con un giro d'affari di 1,65 miliardi di euro), le trasferte dei manager italiani sono aumentate soprattutto verso il Brasile: +30% rispetto al 2010. Continua la crescita della Cina (+27%) anche se oltre alle mete classiche (Pechino, Hong Kong e Shangai) ce ne sono di nuove (Canton, Najing e Whan). I movimenti verso Sudafrica e India si sono incrementati quasi del 20%. Verso la Russia, che rimane primo Paese BRICS per numero di trasferte, i viaggi d'affari sono cresciuti del 9%.
L'indagine viene compiuta sui dati relativi a un campione di 700 aziende clienti di Uvet American Express con spese di viaggio comprese tra 20mila e 15 milioni di euro all'anno e caratterizzate da una continuita' del rapporto nel corso del periodo considerato. L'analisi riguarda tutte le piu' importanti voci di spesa del Business Travel (biglietteria aerea e ferroviaria, hôtellerie e rent a car).
''Tanti imprenditori italiani – afferma Luca Patane', presidente del gruppo Uvet – hanno ormai metabolizzato che il mercato locale, oltre alle sue difficolta' endemiche e congiunturali, e' troppo ristretto per aziende che vogliono crescere a ritmi piu' sostenuti''.


Leggi il prossimo articolo
In tempo di crisi il web è un aiuto prezioso





Se l'articolo ti è piaciuto, condividilo con gli amici e colleghi su:

Stampalo


Iscriviti alla newsletter di Business Community








Torna al sommario