Usa il mouse, frecce o sfoglia se touch
   Magazine del _Marzo2013
Sport Business

Con Ericsson le gare automobilistiche Nascar sono più social
I tweet di Keselowski nella 500 miglia di Daytona hanno dimostrato le infinite possibilità di interazione tra fan, tecnici e piloti

Le gare automobilistiche Nascar attraggono oltre 200.000 spettatori ad ogni evento e oggi i circuiti sono sempre più connessi. I fan inviano messaggi di testo, twittano, condividono foto e spesso seguono dal proprio dispositivo mobile anche la comunicazione tra piloti e tecnici. Questo mette la rete sotto pressione e l’operatore telefonico Sprint ha scelto Ericsson per fornire al pubblico presente alle gare la migliore esperienza possibile.
In occasione di grandi eventi, gli organizzatori devono ora prendere in considerazione l’aumento di carico sulle reti di telecomunicazione, dovuto a un numero sempre crescente di persone che si riuniscono in un luogo relativamente piccolo.
A questo proposito, Sprint, operatore telefonico statunitense e sponsor delle gare Nascar, ha siglato un accordo con Ericsson per far fronte all’aumento del traffico di rete durante i giorni delle 38 corse del circuito.
Il progetto ha visto la creazione di una rete mobile temporanea per ogni gara, in grado di ampliare la capacità di traffico grazie a una combinazione di 3G, 4G e Wi-Fi. Questa soluzione può essere installata e rimossa in breve tempo e quindi facilmente trasferibile in un altro circuito automobilistico per la corsa successiva.
Il processo ha previsto una fase iniziale di analisi delle reti esistenti, volta a capire le necessità di ogni singolo circuito. Sulla base dei bisogni di capacità e una serie di test i giorni prima delle corse, Ericsson è riuscita a ottimizzare la rete, attraverso l’implementazione delle COWs (Cells on Wheels), stazioni base mobili complete di antenna, trasmettitore radio elettronico e backhaul collocate su camion. Occorrono solo 3 giorni per assemblare questa rete temporanea e la soluzione ha consentito di aumentare fino a 3,5 volte la capacità di rete durante una gara della NASCAR Sprint Cup.
Di recente, Brad Keselowski è stato il primo pilota a twittare durante una gara. La 500 miglia di Daytona era stata interrotta e i piloti si sono trovati sotto bandiera rossa. Keselowski ha preso il suo telefono in attesa della ripartenza, e ha cominciato a pubblicare aggiornamenti di stato su Twitter.

Il tweet iniziale di Keselowski si è diffuso a macchia d'olio: è stato retweettato oltre 5.000 volte e la sua base di follower è triplicata in 24 ore. I suoi aggiornamenti di stato in diretta non sarebbero stati possibili senza la capacità di rete aggiuntiva e copertura fornita sul campo di gara.



Sport Business

numero di _Marzo2013
SOMMARIO di questa settimana

Condividi su LinkedIn




Sfoglia il prossimo articolo -->

*/ ?>