Usa il mouse, frecce o sfoglia se touch
   Magazine del _Marzo2013
Fare Business

iMIX: la vera innovazione nel mondo del cocktail
Renna (Club Seven): Brevetti italiani per cocktail monodose “buoni come al bar”, grazie a uno speciale contenitore unico a livello internazionale

iMIX è una start-up tutta italiana, che scommette sull'innovazione di prodotto con un rivoluzionario packaging nel segmento dei cocktail Ready-to-drink. iMIX è un cocktail alcolico fresco da miscelare, buono e appealing come al bar. Per far qualche esempio: Cosmopolitan, Margarita o Daiquiri. Ma sono allo studio anche altri cocktail tra i più famosi a livello internazionale.
Tre anni fa a Milano nasce Club Seven, azienda creata per sviluppare e lanciare un prodotto innovativo nel mondo dei superalcolici, in particolare nel segmento in forte espansione dei Ready-to-drink. Il prodotto è iMIX, un cocktail alcolico, con una promessa forte: “Buono come al bar”.
La promessa viene mantenuta grazie al rivoluzionario packaging brevettato a livello internazionale. Questo consente di stockare e conservare singolarmente gli ingredienti del cocktail all’interno di uno speciale contenitore a forma di shaker (che poi funge anche da bicchiere), per poi essere miscelati da parte dell'utente con un semplice rotazione della parte superiore di questo packaging intelligente.
"L'innovazione di prodotto, vero punto di forza dei brevetti dell’azienda creano, di fatto, un nuovo mercato. La nostra è l'unica arma competitiva e vincente in questo segmento che sta crescendo esponenzialmente nel mondo. E non solo quello occidentale. L’innovazione la chiave fondamentale, soprattutto oggi, dove le imprese operano in uno scenario di competizione globale, sempre più appiattito sul fattore costo e alle prese con la concorrenza spesso sleale di prodotti “me-too”, ben oltre il limite della semplice emulazione o ispirazione", afferma Egidio Renna, Direttore Marketing di Club Seven.
"Il nostro prodotto in particolare – continua Renna - offre dei vantaggi funzionali reali al consumatore. Innanzitutto, gusto e freschezza. La peculiarità di mantenere separati e perfettamente conservati i singoli ingredienti del cocktail fa sì che, al momento della sua apertura e shakeraggio, la fragranza della bevanda sia equivalente a quella del cocktail bevuto al bar e preparato al momento. Anzi, forse meglio, perchè le dosi di ogni singolo ingrediente sono "esattamente" quelle stabilite dai guru della mixology".
Ed è proprio il numero 1 dei mixologist internazionali, l'italo-inglese Peter Dorelli, che collabora fin dall’inizio con Club Seven per selezionare e dosare perfettamente il top degli ingredienti. La sua esperienza e conoscenza di ingredienti e prodotti, sono fondamentali per consentire ad iMIX di sfruttare al meglio le caratteristiche uniche del brevetto tutto italiano.
Un altro aspetto molto interessante di questo rivoluzionario packaging, è l'interazione del prodotto con il consumatore: con un semplice "push&twist" effettuato sulla parte superiore, i liquidi si uniscono tra loro e il cosumatore, dopo aver inserito sue cubetti di ghiaccio, potrà poi fare il classico movimento di shakeraggio per avere un perfetto blend: diventa lui il barman. Infatti, la capsula con gli ingredienti è la parte superiore di un bicchiere, da cui si potrà tranquillamente gustare il cocktail.
Questo lascia intendere tutte le potenzialità di iMIX anche per l’acquisto presso la grande distrubuzione per una fruizione domestica o outdoor.
“Attualmente, continua Renna – stiamo affrontando l'aspetto non secondario dei canali di vendita. Su tutti, ci stiamo concentrando su quello di Hotel e Hospitality nel senso più ampio della categoria, dove stiamo valutando l'ingresso in alcune grandi catene. Pensate che bello trovare in camera d'albergo, nel vostro frigo-bar, un fantastico cocktail pronto da essere semplicemente "shakerato e versato. La GDO è un passo che pensiamo di fare più avanti".

“Dopo la fiera del Distil a Londra, tra le più importanti al mondo, con un incredibile successo ed interesse da parte di buyer internazionali delle principali catene di distribuzione, ci siamo resi conto che le potenzialità del business sono enormi. Decisamente troppe per una piccola azienda come la nostra. E' per questo che da qualche mese stiamo attivamente cercando dei partner finanziari e con una rodata organizzazione produttiva, per affrontare competitivamente i mercati internazionali. E le prime risposte ci rendono fiduciosi, su un progetto nato da brevetti tutti Made in Italy”, conclude Renna.

Per maggiori informazioni:
http://www.imixcocktails.eu



Fare Business

numero di _Marzo2013
SOMMARIO di questa settimana

Condividi su LinkedIn




Sfoglia il prossimo articolo -->

*/ ?>