Usa il mouse, frecce o sfoglia se touch
   Magazine del _Marzo2013
Finanza e investimenti

Che cosa comporta il “Sequestro” per gli investitori?
Koesterich (BlackRock): I tagli al bilancio USA non vedranno i loro effetti subito, ma colpiranno nel secondo trimestre, obbligando la FED a continuare nel QE

Dopo l’entrata in vigore dei tagli lineari al bilancio USA, denominato the Sequester (il sequestro), in molti si chiedono quali implicazioni questo possa avere.
Ora che il sequestro ha colpito, molti investitori si chiedono che cosa comporterebbero gli 85 miliardi di dollari di tagli alle spese federali per l'economia degli Stati Uniti e per i mercati. Nel brevissimo termine, la risposta è: non molto. Per il secondo trimestre, tuttavia, la storia sarà diversa. Perché? Il sequestro non è la stessa cosa del fiscal cliff che aveva preoccupato tutti all'inizio di quest'anno. Se gli Stati Uniti fossero passati sopra il fiscal cliff, tutto il peso degli aumenti delle tasse avrebbe colpito il reddito immediatamente disponibile, e, per estensione, i consumi. Al contrario, il sequestro relativo ai tagli alla spesa non avverrà immediatamente, o tutto in una volta.

La stangata arriva nel secondo trimestre
Supponendo che il sequestro non sia invertito nel corso dei negoziati di bilancio a marzo, i tagli alla spesa aumenteranno gradualmente nel corso dei prossimi mesi. Come tali, essi mostreranno i loro primi impatti sull'economia nel mese di aprile, divenendo visibili nei dati economici di maggio.
Se i tagli non saranno evitati o mitigati, noi vediamo il sequestro come un fatto negativo modesto per l'economia e, in una certa misura, sull’azionario per i prossimi 3-6 mesi. In totale, il sequestro rappresenta circa lo 0,5% del prodotto interno lordo (PIL), che si aggiunge al fiscal drag di circa il 1,5% del precedente esercizio. Alla luce del contesto economico attuale, l'impatto reale potrebbe essere addirittura superiore. Come abbiamo sottolineato recentemente, ci sono prove che tagli alla spesa e aumenti delle tasse hanno un impatto maggiore sulla crescita quando i tassi di interesse sono bloccati a zero. La linea di fondo? Crediamo che il sequestro non sia suscettibile di avere un grande impatto economico immediato, ma i tagli alla spesa aumentano il rischio di delusioni economiche e sugli utili, come entreremo nel secondo trimestre.

Il sequestro dovrebbe tenere la Fed in modalità di allentamento
Una conseguenza del sequestro è che probabilmente manterrà una già accomodante Fed sulle posizioni di allentamento monetario (QE), almeno per il primo semestre dell'anno. Con il sequestro che rappresenta un altro vento contrario, la Fed ha ancora più probabilità di prendere il suo tempo prima di rinunciare o frenare la sua politica monetaria accomodante. Questo è stato reso evidente dalle recenti osservazioni del suo presidente Ben Bernanke. Nell’illustrare la sua visione politica monetaria semestrale al Congresso, l'assenza di qualsiasi vera discussione su una exit strategy della Fed è stata notevole. Interessante poi notare che questo ha rassicurato gli investitori, che diventavano sempre più nervosi a causa della possibilità di una rapida fine del quantitative easing (QE). Il fatto che la Fed possa mantenere il suo programma di acquisto di asset, almeno fino alla prima metà dell'anno, contribuirà a mitigare gli effetti di un’economia più lenta ed è di supporto ai risky asset.

I mercati, forse incoraggiati dai commenti di Bernanke, hanno ignorato il potenziale del sequestro e gli indici di borsa hanno raggiunto il loro record dal 2007, anno di inizio di questa crisi.

Russ Koesterich, Global Chief Investment Strategist di BlackRock



Finanza e investimenti

numero di _Marzo2013
SOMMARIO di questa settimana

Condividi su LinkedIn




Sfoglia il prossimo articolo -->

*/ ?>