Usa il mouse, frecce o sfoglia se touch
   numero di Maggio2013
Finanza e investimenti

Investitori globali meno esuberanti ma ancora positivi sul futuro
Hartnett (BofA Merrill Lynch): La propensione verso l’azionario sempre più concentrata sugli Stati Uniti e Giappone

Gli investitori globali stanno moderando l’esuberanza degli ultimi tempi di fronte a una minor convinzione sulla crescita globale, pur rimanendo positivi verso i mercati azionari in generale. E’ quanto emerge dalla BofA Merrill Lynch Fund Manager Survey di aprile.
Il 49% degli intervistati si aspetta che l'economia globale si rafforzi nei prossimi 12 mesi. Si tratta di un calo di ben 12 punti percentuali rispetto al mese di marzo. Mentre la minaccia di una crisi fiscale degli Stati Uniti è in gran parte rientrata, l'ansia per la zona euro e nuovi rischi - in particolare il potenziale conflitto con la Corea - si è intensificata. Anche un "atterraggio duro" in Cina rimane un fattore di preoccupazione.
Un atteggiamento più cauto degli investitori si riflette nella loro crescente liquidità, ora al livello più alto riportato dal sondaggio negli ultimi sei mesi (4,3%).
I gestori di fondi hanno mostrato preferenze regionali più nitide rispetto al passato. Sono sempre più positivi verso gli Stati Uniti e il Giappone, dove le previsioni a 12 mesi hanno raggiunto il loro punto più rialzista da sette anni. La propensione per l'esposizione al dollaro USA rimane al livello più alto nella storia del sondaggio.
Allo stesso tempo, sono cresciuti i partecipanti con visioni negative sui mercati emergenti e la zona euro. Una piccola maggioranza ora guarda ai mercati emergenti sottopeso, la più debole lettura del sondaggio su questo fattore in oltre due anni, dopo un calo di 30 punti in soli due mesi. La fiducia nella crescita della zona euro è scesa bruscamente questo mese. Solo il 19% degli investitori regionali si aspettano un rafforzamento della regione per quest’anno, in calo dal 40% di marzo.
"Le Abenomics indicano che i politici giapponesi si stanno unendo nela lotta contro la deflazione. Questo rafforza la nostra aspettativa di una Grande Rotatione verso le azioni dal reddito fisso", ha dichiarato Michael Hartnett, Chief Investment Strategist di BofA Merrill Lynch Global Research. "Le aspettative europee e la propensione al rischio stanno moderando come cautela globale sulla regione", ha aggiunto John Bilton, Investment Strategist per l'Europa.

Diminuisce la fiducia nell’Eurozona
Una minore confidenza sulla crescita dell'Eurozona si riflette nel movimento degli investitori globali, con l’8% sottopeso. Gli investitori regionali questo mese tagliano drasticamente le esposizioni cicliche come l'edilizia (-38 punti percentuali), risorse di base (-22 punti), e Oil & Gas (-17 punti), mentre aumentano giochi difensivi come la Sanità/Farma (fino a 20 punti percentuali in sovrappeso).
In una nuova domanda per il sondaggio, ai gestori di fondi è stato chiesto quale evento sarebbe più positivo per la propensione al rischio europeo. Più della metà degli intervistati ha identificato nei passi in avanti verso un’unione bancaria regionale e un accordo sulle riforme strutturali nelle economie periferiche le tematiche chiave. Data l'interconnessione tra le banche e debiti sovrani della zona euro, questo rafforza i rischi regionali individuati nel sondaggio.


Il Giappone supera la Cina
La fiducia nella nuova politica espansionistica del Giappone è evidente nel sondaggio. Ogni gestore di fondi regionali intervistato si aspetta che l'economia si rafforzi nel corso dei prossimi 12 mesi. Gli investitori globali si aspettano anche che il cambiamento di politica indebolisca lo yen. La loro propensione per la moneta è ora la più bassa dal febbraio 2002. Al contrario, la tendenza al rialzo sulla Cina sta “evaporando”. Solo il 13% degli investitori regionali ora si aspetta che l'economia del Paese si rafforzi nei prossimi 12 mesi, in netta discesa dal 71% del mese di gennaio.



Finanza e investimenti

numero di Maggio2013
SOMMARIO di questa settimana

Condividi su LinkedIn




Sfoglia il prossimo articolo -->

*/ ?>