Usa il mouse, frecce o sfoglia se touch
   numero di Luglio_2013
Idee e opinioni

Ragazze e tecnologia: la nuvola rosa dell'entusiasmo
Cocco (Microsoft): Formazione, competenze e una rivoluzione silenziosa. Occorre colmare il divario di genere

Le ragazze frequentano poco le facoltà scientifiche, ma la ricerca di occupazione è un driver importante. Esiste comunque un gender gap, ma non è una questione solamente italiana. In Italia è donna uno studente su 5, eppure non ci sono assolutamente limitazioni. Un'indagine Ocse ha mostrato che ragazzi e ragazze a 15 anni hanno le stesse attitudini verso la scienza e la tecnologia. ma poi cosa succede? Microsoft, nella figura di Roberta Cocco, ha realizzato un'iniziativa davvero unica, in incontro tra studenti, università, imprese e istituzioni per sensibilizzare l'opinione pubblica, ma soprattutto le ragazze, sulla necessità di colmare il divario di genere nella scienza, nella tecnologia e nella ricerca.
"Non solo un convegno - ha dichiarato Cocco -, ma sono stati tre giorni a Firenze davvero intensi. Si respirava energia, una forza dirompente. Abbiamo ricevuto un segnale davvero positivo per il futuro. Abbiamo cercato di raccontare quanto importante sia il percorso tecnologico per entrare in modo migliore nel mondo del lavoro. Le ragazze hanno potuto accogliere suggerimenti concreti e idee rigurdanti la tecnologia e il lavoro, sia con la formazione, che non era solo una questione di tecnologia; per esempio, come aumentare la propria autostima e come interagire con i propri manager e come chiedere le cose. Con Fondazione Adecco abbiamo insegnato come si scrive un curriculum o farsi conoscere sulla rete e come affrontare i primi colloqui di lavoro. Entusiasmanti i feedback ricevuti, e abbiamo lanciato un'iniziativa. Il Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, ci ha conferito una medaglia per la Nuvola Rosa. Ebbene, questa medaglia non la terremo nei nostri uffici a fare bella mostra di se, ma andrà a una delle ragazze che hanno frequentato la tre giorni fiorentina che ci racconterà la propria esperienza in modo più appassionato, emozionato ed emozionante".
Ci si rivolgeva alle ragazze dell’ultimo biennio delle scuole superiori e delle università, offrendo possibilità di colloqui e di confrontarsi con aziende multinazionali per accedere a stage e percorsi di formazione. "L'idea è nata lo scorso settembre - ha proseguito Cocco -, quando quando ho partecipato ad un evento a New York con le Nazioni Unite proprio su questo tema. Il problema è mondiale, non solo italiano.

"Per noi, con questa incertezza del contesto economico e produttivo, la tecnologia continua a rappresentare una leva di crescita economica e occupazionale senza paragoni e le opportunità di lavoro offerte dalle tecnologie informatiche sono enormi. Si stima che entro il 2015 il 90% delle professioni in tutti i settori richiederà competenze tecnologiche. Percio' è fondamentale che questa domanda trovi una risposta nella nostra società e che non manchino le persone qualificate per ricoprire i ruoli richiesti dal mercato".



Idee e opinioni

numero di Luglio_2013
SOMMARIO di questa settimana

Condividi su LinkedIn




Sfoglia il prossimo articolo -->

*/ ?>