Usa il mouse, frecce o sfoglia se touch
   numero di Luglio_2013
Finanza e investimenti

Oltre l’austerity: le priorità dell’FMI per rilanciare la crescita in Italia
Il report integrale della missione del Fondo Monetario Internazionale sulla situazione del nostro Paese che fa molto discutere

Le autorità hanno compiuto passi coraggiosi dalla crisi della fine del 2011 per rafforzare le finanze pubbliche e trasformare l'economia. Le difficili riforme erano necessarie per ripristinare la fiducia e portare l'Italia lontano dal baratro. Ma le prospettive di crescita rimangono deboli, la disoccupazione è inaccettabilmente alta, e il sentiment del mercato è ancora fragile, sottolineando che il compito è tutt'altro che completo. Il nuovo governo ha iniziato a costruire sulle misure già adottate per affrontare i problemi strutturali dell'Italia. Accelerare lo slancio per le riforme sarà essenziale per la crescita e per creare posti di lavoro. L'Europa dovrà anche fare la sua parte con azioni per affrontare la frammentazione finanziaria e rafforzare ulteriormente l'unione monetaria.

UN DIFFICILE RECUPERO 
1. L'economia sta mostrando segnali di stabilizzazione, ma forti venti contrari ancora frenano la ripresa. La fiducia di imprese e famiglie è risalita, ma devono ancora sollevarsi le attività e l'occupazione. E mentre le pressioni sui titoli del tesoro e il ritmo di aggiustamento fiscale hanno facilitato quest’anno, le condizioni finanziarie restano strette, con il contenimento della spesa privata. In prospettiva, quest’anno la crescita dovrebbe raggiungere il -1,8%, per poi risalire al +0,7% il prossimo anno. La ripresa è prevista per la fine del 2013, sostenuta dalle esportazioni e da una modesta inversione di tendenza degli investimenti guidata in parte dal pagamento dei debiti pubblici arretrati.

2. I rischi per le prospettive sono orientati al ribasso. Slittamenti politici, anche a livello europeo, potrebbero minare la fiducia del mercato nei bond sovrani, intensificare le pressioni di finanziamento sulle banche, e stringere il credito. Una recessione prolungata aumenterebbe ulteriormente i prestiti in sofferenza delle banche (NPL), soprattutto per il settore delle costruzioni e le PMI deboli, e solleverebbero preoccupazioni circa la posizione fiscale del Paese. Fuori dall’'Italia, un rallentamento delle economie dei mercati emergenti o turbolenze di mercato potrebbero mettere a rischio una ripresa trainata dalle esportazioni e spingere verso l'alto i tassi di interesse pubblici e privati.

3. Le prospettive di crescita dell'Italia nel medio termine si rafforzeranno solo con l'attuazione delle riforme globali. La crisi della zona euro ha colpito duramente l'Italia, ma i segni di una bassa crescita in Italia c’erano già, a seguito dalla sua produttività stagnante, del difficile contesto economico e del settore pubblico sovraindebitato. Accelerare le riforme per affrontare queste carenze strutturali sarà cruciale per limitare i rischi di una disoccupazione di lunga durata, in particolare per i giovani, e per aumentare la tendenza di crescita.

I - RIFORME STRUTTURALI PER MIGLIORARE IL CONTESTO IMPRENDITORIALE 
4. Occorre intensificare gli sforzi per incrementare la bassa produttività del sistema economico e la competitività in declino. La debole ripresa dell'economia dopo la crisi mette in luce anche la sua mancanza di flessibilità nel rispondere alla crisi e al cambiamento globale. Sono fattori che includono le elevate barriere all'ingresso e ostacoli normativi che hanno aumentato i margini, soprattutto nei servizi, e l'alto costo di energia elettrica (fino al 40% maggiore rispetto a Francia e Germania) che hanno minato la competitività in Italia. Il sistema di una giustizia lunga e inefficiente è stato collegato anche al costo elevato di fare business, bassi investimenti stranieri, così come la piccola dimensione delle imprese e dei mercati dei capitali. Sebbene siano stati compiuti progressi nella riforma del mercato del lavoro, aprendo il settore del gas, e liberalizzando alcuni servizi professionali, l'agenda non è completa, e l'attuazione sarà la chiave:
I mercati del prodotto. Devono essere completate rapidamente la nomina dei regolatori dei trasporti, l’aumento della concorrenza nel settore dell'energia elettrica, e la riforma della professione legale.
Servizi pubblici. Il programma di privatizzazione, soprattutto a livello locale, e le revisioni di spesa per migliorare l'efficienza della pubblica amministrazione dovrebbero essere attuate rapidamente. La nuova legge anti-corruzione è un miglioramento, e il rafforzamento del quadro giuridico e l'efficace attuazione saranno cruciali.
Le riforme giudiziarie. Il governo ha compiuto passi importanti per riorganizzare il sistema giudiziario, come introdurre la mediazione obbligatoria, e affrontare il notevole arretrato. Una revisione completa di tutte le spese giudiziarie e l'ulteriore allineamento dei motivi di appello con la prassi internazionale miglioreranno l'efficienza.

5. La priorità dovrebbe essere data anche per aumentare la bassa occupazione, in particolare dei giovani e delle donne. Colmando la metà del divario occupazionale con il resto d'Europa (circa il 4,5 punti percentuali) potrebbe alzare il livello del PIL di ben il 2,5% entro il 2018. Per sostenere l'occupazione, la priorità dovrebbe essere data a migliorare il coordinamento e l'efficienza delle politiche attive del lavoro e dei servizi per l'impiego a livello locale, che consentirà di sostenere il programma di garanzia per i giovani a partire dal prossimo anno. Il passaggio a un unico contratto, più flessibile per i nuovi lavoratori, che gradualmente aumenta la protezione dei posti di lavoro con l’anzianità, potrebbe abbassare il costo delle nuove assunzioni e supportare l’apprendistato. Incoraggiando le imprese e i lavoratori per impostare i contratti a livello aziendale si potrebbe meglio corrispondere salari legati alla produttività. Abbassare l'aliquota fiscale marginale per gli sposati, quelli con la seconda fonte di reddito potrebbe anche far crescere la partecipazione al lavoro, specialmente per le donne che, con un tasso al 50%, è una delle più basse dell'OCSE.

II - UNA POLITICA DI BILANCIO PER RIDURRE LE VULNERABILITA' E SOSTENERE LA CRESCITA 
6. L’Italia è impostata per raggiungere il suo obiettivo di saldo strutturale di quest'anno. L'aggiustamento di bilancio consistente nel 2012 ha pesato molto sulla crescita, ma è stato fondamentale per uscire dalla procedura per disavanzo eccessivo dell'Unione Europea. Il raggiungimento di uno dei più elevati avanzi primari nella zona euro dello scorso anno è stato un fattore chiave per rafforzare la credibilità politica e la fiducia. Questo permetterà alla politica fiscale di indirizzare un saldo strutturale per quest'anno che fornirà la flessibilità automatica al ciclo economico, se necessario.

7. Un riequilibrio di aggiustamento fiscale è urgentemente necessario per sostenere la crescita. L'effettiva attuazione degli sforzi del governo per accelerare il pagamento degli arretrati, fino all'importo di 40 miliardi di euro nell'arco dei prossimi 12 mesi, potrebbe facilitare notevolmente i vincoli di credito delle imprese. I rinnovati sforzi per mettere a punto la Delega Fiscale sono i benvenuti e dovrebbero migliorare l'efficienza del sistema fiscale. Ma si può e si deve fare in fretta per sostenere la crescita, riequilibrando la composizione dell'aggiustamento verso tagli alla spesa e meno tasse:
Spending Review. Negli ultimi anni, la spesa primaria è diminuita di quasi il 2% in termini nominali. Gli sforzi per ridurre la spesa dovrebbero continuare con il bilancio del 2014, mediante l'attuazione di una revisione della spesa più completa, mirata a migliorare l'efficienza della spesa pubblica e la ricerca di ulteriori risparmi per abbassare le tasse.
Ampliamento della base imponibile. Le revisioni di spesa dovrebbero essere intraprese congiuntamente con una revisione sistemica delle spese fiscali. La tassa di proprietà sulla prima casa dovrebbe essere mantenuta per ragioni di equità e di efficienza, e la revisione dei valori catastali accelerata per garantire l'equità. Intensificare gli sforzi per combattere l'evasione fiscale, anche attraverso un migliore utilizzo degli strumenti di lotta al riciclaggio di denaro, e l'aumento della tassa di successione, sarebbero utili anche per aumentare le entrate e a una più equa distribuzione del carico fiscale.
Abbassare i tassi marginali d'imposizione sul lavoro e sul capitale. I risparmi derivanti dalle misure di cui sopra dovrebbero servire a raggiungere l'obiettivo del governo di ridurre l'elevato peso fiscale sul lavoro (4 punti percentuali del PIL superiore alla media dell'area euro) per rilanciare l'occupazione e aumentare l'indennità dei rendimenti azionari aziendali (ACE) per stimolare gli investimenti.
Gli investimenti pubblici. Sono state adottate misure per accelerare gli investimenti in infrastrutture pubbliche. Se lo spazio lo consente, un modesto aumento di ben mirati investimenti in infrastrutture pubbliche potrebbe catalizzare la spesa privata.

8. Le vulnerabilità di alto debito pubblico sottolineano l'importanza di un elevato avanzo primario. Nonostante il forte sforzo di bilancio nel 2012, il tasso di debito pubblico è destinato a essere significativamente più alto di un anno fa, principalmente a causa della debole congiuntura e anche il pagamento degli arretrati pubblici. Per ridurre la vulnerabilità di uno shock economico e supportare la fiducia nella sostenibilità delle finanze pubbliche, le autorità potrebbero prendere in considerazione gradualmente la costruzione di un buffer di avanzo strutturale di bilancio nelle nuove regole fiscali dopo il 2014, una volta che la ripresa economica sarà consolidata.

9. Forti istituzioni di bilancio rafforzeranno la credibilità dell’ancoraggio fiscale e miglioreranno l'efficienza della spesa. In particolare, tetti di spesa vincolanti pluriennali saranno più efficacemente nel guidare la pianificazione di bilancio da parte dei ministeri e dei governi subnazionali e miglioraranno la disciplina. L'istituzione di un nuovo Ufficio Budget parlamentare indipendente, con i membri del consiglio professionalmente qualificati dal gennaio 2014, sarà cruciale.

III. SETTORE BANCARIO - Rafforzamento di Bilancio e prestiti
10. La recessione ha eroso la qualità degli asset delle banche italiane e la redditività. L'incidenza dei crediti in sofferenza è quasi triplicata dal 2007, mentre la copertura provisioning è diminuita. I rendimenti dei titoli sovrani minori hanno incrementato gli utili di negoziazione delle banche, ma la redditività di base rimane debole, come l'aumento delle perdite sui crediti hanno assorbito quasi tutti i profitti operativi. A differenza di altri grandi Paesi europei, il credito bancario continua ad esser contratto e i tassi di prestito rimangono elevati, in particolare per le PMI.

11. Accelerare le svalutazioni di crediti inesigibili servirebbe a ripulire i bilanci delle banche e sostenere i crediti. L'elevato stock di sofferenze riflette sia un aumento dei flussi sia la lentezza delle svalutazioni (6 anni in media). Ridurre il peso delle sofferenze migliorerebbe la fiducia nelle banche italiane e rilascierebbe le risorse di sostegno al credito. Le politiche per aiutare le banche nelle strategie di sviluppo per la vendita, smaltimento, oppure scrivendo “crediti deteriorati” dovrebbero cercare di:
Migliorare il provisioning/cancellazioni. La Banca d'Italia ha adottato le opportune misure, affermando che intende continuare a rafforzare il provisioning, attraverso la sua ispezione lo scorso autunno di 20 gruppi bancari grandi e di medie dimensioni, arrestando il calo di provisioning a copertura dall'inizio della crisi. Occorre ampliare le ispezioni di Bankitalia per coprire i prestiti più deteriorati e in bonis, così come le banche più piccole rafforzerebbero ulteriormente il provisioning. Questo aiuterà le banche essere pronte per la prossima revisione BCE/EBA sulla qualità delle attività e le prove di stress. La pubblicazione dei risultati generali delle ispezioni, comprese le indicazioni sul provisioning, incoraggerebbe le banche a convergere sulle migliori prassi e rafforzare la fiducia del mercato. Assicurare un livello minimo di armonizzazione e il rafforzamento delle considerazioni prudenziali nelle pratiche di storno (write-off) potrebbe anche accelerare lo smaltimento dei crediti non performanti (NPL).
Aumentare la deducibilità fiscale delle perdite sui crediti. Consentire la piena deducibilità degli accantonamenti sui crediti e, se lo spazio lo fiscale consente, accelerando la deducibilità su quelli vecchi incoraggerebbe altri accantonamenti e storni, facilitando in tal modo i prestiti.
Accelerare il processo giudiziario. Ampliare l'utilizzo di tribunali fallimentari specializzati (oltre a Milano) potrebbe ridurre il tempo di solvibilità, mentre un maggiore affidamento sulla documentazione processuale e decisioni on-line potrebbe accelerare il processo di preclusione collaterale. L'introduzione di linee guida sulle migliori pratiche in materia incoraggerebbe ulteriori ristrutturazioni stragiudiziali.

12. Garantire un capitale adeguato e riserve di liquidità rafforzerebbe il credito bancario. Le banche italiane hanno consolidato le loro posizioni patrimoniali in questi ultimi anni. I risultati dei test di stress del Financial Sector Assessment Program del FMI (FSAP) hanno trovato il livello complessivo del capitale nel sistema nel suo complesso essere ben al di sopra dei minimi regolamentari, e sufficiente ad assorbire gli ulteriori requisiti di Basilea III. Ma, dato il basso livello di redditività, in uno scenario macroeconomico sfavorevole, le riserve di capitale in più andrebbero rapidamente esaurite. Azioni mirate a migliorare la redditività ed efficienza delle banche e rafforzare i piani di capitali dove necessario, puntellarebbero le difese delle banche italiane e rafforzerebbero la loro capacità di prestito.

13. La corporate governance del settore bancario dovrebbe essere rafforzata. Le Fondazioni dovrebbero disporre di adeguate strutture di governance, tra cui un limite al leverage, severe procedure di disinvestimento, una più efficace misura, e appropriati test per direttori di banca e gli azionisti di controllo. Le più grandi banche cooperative dovrebbero anche essere incoraggiate a convertirsi in società per azioni. Le autorità dovrebbero monitorare attentamente l'attuazione del piano di ristrutturazione del Monte dei Paschi di Siena ed essere pronti ad agire rapidamente se la banca non riescisse a raggiungere i suoi obiettivi.

14. Un quadro più solido per il finanziamento delle PMI potrebbe attenuare i problemi del credito. Le iniziative come, per esempio, il lancio del mini-bond sostenuto dalla Cassa Depositi e Prestiti, e l'espansione del Fondo Centrale di Garanzia hanno allentato i vincoli di credito per le PMI. Allo stesso tempo, il governo dovrebbe controllare l'espansione delle garanzie sul credito pubblico e rafforzare il sistema di pagamento per limitare il “moral hazard”. La cartolarizzazione delle PMI e i covered bond possono essere espansi, per agevolare l'accesso delle PMI al credito, con un potenziale sostegno della Bce attraverso una riduzione delle garanzie negli “haircut”.


IV IL RUOLO DELL'EUROPA 
15. Gli sforzi italiani dovrebbero essere integrati a livello dell'area dell'euro con misure per rafforzare l'unione monetaria e sostenere la crescita. Acquisti di asset diretti da parte della BCE (come per esempio per i crediti alle PMI), un altro LTRO di notevole tenore e “haircut” più bassi su garanzie idonee, aiuterebbero ad abbassare i costi di finanziamento dalle banche e i tassi di prestito. Maggiori progressi nell’unione bancaria, in particolare il meccanismo di risoluzione unico e l’ESM, contribuirebbero a indebolire il collegamento bancario sovrano. Azioni per rafforzare il mercato comune, come ad esempio la direttiva sui servizi, aumenterebbero i benefici delle riforme transnazionali. Progressi nelle politiche europee, in combinazione con vigorose riforme in Italia, andrebbero lontano nella produzione di un'unione monetaria più vivace e dinamica.



Finanza e investimenti

numero di Luglio_2013
SOMMARIO di questa settimana

Condividi su LinkedIn




Continua a sfogliare per il prossimo articolo -->

*/ ?>