Usa il mouse, frecce o sfoglia se touch
   numero di Dicembre_2013
Fare Business

Da consumatori passivi a imprenditori sostenibili grazie alle startup
I ricercatori di 14 università europee studiano il ruolo che gli utenti finali svolgono nel promuovere lo sviluppo di prodotti sostenibili

Dalle tariffe verdi per energia elettrica ai sistemi di car sharing, molti prodotti e servizi sostenibili sono stati portati sul mercato da entusuaste startup. Più che mai i consumatori stanno diventando imprenditori, nel tentativo di risolvere i problemi sociali e ambientali. Tuttavia, si è relativamente poco indagato su come e perché gli individui prendono questa decisione e se le loro startup diventano di successo. Quattordici istituti di ricerca europei, coordinati da Technische Universität München (TUM) studieranno questa tendenza per vedere le sue potenzialità e quanto vale per un'economia sostenibile. Potranno anche osservare come le società coinvolgeranno gli utenti finali nello sviluppo di prodotti sostenibili. Il progetto riceverà 4,7 milioni di euro di finanziamenti da parte dell'UE.

Mercato, startup e scelte di vita

Ogni giorno, tonnellate di derrate alimentari vengono buttate nella spazzatura. In alcuni casi, i prodotti freschi sono scartati semplicemente perché non sembrano buoni. Un gruppo di consumatori è stato alimentati con questo tipo di “rifiuti” e ha deciso di fondare una società che utilizza il cibo scartato per fare marmellate e chutney. E ci sono molti altri esempi, tra cui le prime organizzazioni di car-sharing e le imprese tessili sostenibili.
"Queste persone non stanno cercando politici o organizzazioni non governative per risolvere i problemi sociali ed ecologici. Vogliono fare qualcosa loro stessi e vedere il business come uno strumento efficace per risolvere questi problemi", spiega il Prof. Frank-Martin Belz, presidente di Corporate Sustainability presso la TUM. "Altri semplicemente riconoscono la sempre crescente domanda di scelte di vita sostenibili e fanno una mossa consapevoli di colmare una lacuna del mercato".
Le imprese affermate sono a loro volta desiderose di beneficiare di idee di consumo basate su una vita sostenibile. Molte organizzazioni incentivano processi di innovazione aperti che coinvolgono gli utenti finali nello sviluppo di nuovi prodotti. Questi possono essere qualsiasi cosa: da società di alimentari e bevande, che organizzano una competizione di brainstorming, a un costruttore di automobili che unisce comunità online per discutere nuove idee per le auto elettriche. "I consumatori non sono solo gli utenti del prodotto. Molti hanno anche una grande quantità di know-how tecnico", afferma Belz.

Utilizzo di stampanti 3D per creare prototipi in casa

Le nuove tecnologie come le stampanti 3D potrebbero aprire ancora più opportunità per gli individui di progettare prodotti in proprio o in collaborazione con le aziende. "Presto, chiunque sarà in grado di fare un prototipo a casa”, spiega Belz. "Crediamo che ci sia un enorme potenziale creativo e imprenditoriale che potrebbe alimentare lo sviluppo di un'economia sostenibile".
Eppure sembra che nessuno sappia veramente come sfruttare sistematicamente tale potenziale. "Sustainable Lifestyles 2.0: End User Integration, Innovation and Entrepreneurship (EU-InnovatE)” mira a cambiare tutto questo. Circa 40 scienziati presso 14 istituti di ricerca europei sono coinvolti in questo grande progetto finanziato dall'UE. Attraverso la realizzazione case study, nonché indagini e valutazione di database, i ricercatori vogliono saperne su più su questa tendenza. Concentreranno le loro attività su più di 50 società in 15 paesi europei, soprattutto nei settori food and beverage, costruzioni/residenziale, e mobilità ed energia.
Il piano è quello di analizzare le startup che offrono prodotti e servizi sostenibili. Cosa ha motivato i fondatori? Come sono arrivati all’idea di una startup? Come vengono finanziate? Quali fattori sono favorevoli al loro successo sul mercato? La politica ostacola l'innovazione?

Inoltre, i ricercatori esploreranno l'integrazione dell'utente finale nelle aziende di medie e grandi dimensioni. Ciò che i consumatori sono impegnati a fare con le aziende e perché? Quali strumenti e domande stanno usando? Come sono queste aziende stanno organizzando e finanziando i processi sottostanti? Quali sono i fattori make-or-break?
Il progetto riunisce economisti e sociologi e politologi, storici e filosofi. Indagheranno su come le politiche nazionali e comunitarie promuovono e/o ostacolano le start-up socialmente ed ecologicamente motivate. Essi potranno anche osservare il ruolo che i consumatori hanno giocato negli ultimi 100 anni. E come le aziende che stanno analizzando, gli scienziati vogliono coinvolgere anche gli utenti finali nel progetto. Si terranno infatti una serie di workshop per trasmettere i risultati ai consumatori orientati al business e alle imprese.



Fare Business

numero di Dicembre_2013
SOMMARIO di questa settimana

Condividi su LinkedIn




Sfoglia il prossimo articolo -->

*/ ?>