Usa il mouse, frecce o sfoglia se touch
   numero di Dicembre_2013
Cover story

Dollaro forte, piu’ alti tassi di interesse e di volatilita’ i rischi per il 2014

Browning (BofA Merrill Lynch): Nel 2013 abbiamo visto il mercato più “toro” da 30 anni, con un forte recupero dal 2009 rispetto agli ultimi cinque cicli di mercato

Una forte crescita economica guidata dagli US, rendimenti più elevati e solidi guadagni azionari statunitensi, inferiori nel 2013, ma superiori a quelli del consenso. Nel frattempo, un dollaro statunitense in crescita e tassi in aumento, così come la volatilità dei tassi, che avranno conseguenze per i mercati di tutto il mondo come i cicli del credito divergeranno.

In sintesi l’Outlook di BofA Merrill Lynch per il 2014

Gli analisti riassumendo la storia macro del prossimo anno, vedono un rischio al rialzo insito in un mercato toro vigoroso per il dollaro e un basso, ma crescente, aumento dei tassi di interesse.
"Nel 2013, abbiamo visto il mercato più toro da 30 anni con le obbligazioni che puntavano verso il basso e le azioni che salivano, con un forte recupero dal 2009 rispetto agli ultimi cinque cicli di mercato", ha dichiarato Candace Browning, Head di BofA Merrill Lynch Global Research. "Mentre ci muoviamo verso il 2014, ci aspettiamo che questa tendenza si attenui, ma continuerà finchè la Federal Reserve farà il tapering a metà anno".
Ribassista sui tassi e materie prime, lunga sulla volatilità e toro su beni immobili e titoli azionari, il team di BofA Merrill Lynch si aspetta un cambiamento verso minore liquidità/maggiore crescita nel 2014 e rendimenti degli asset nel complesso positivi. Rifiutando totalmente il caso di un mercato orso per i titoli azionari, gli analisti restano ottimisti in merito a guadagni di borsa nel breve termine, di alta qualità, con le società americane con esposizione globale che creeranno valore. Tuttavia, essi consigliano di passare a vie di mezzo, riversando gli estremi dei titoli ad alto rendimento e ad alta crescita, come le tendenze a lungo termine della grande rotazione globale continuano a indicare.
Il team Lynch Global Research BofA Merrill ha fatto la seguenti 10 macro chiamate per l'anno a venire:

• Lo S&P 500 Index è previsto in aumento verso 2000 e il MSCI All-Country World Index raggiungerà quota 444 entro la fine dell'anno. Guadagni nel prossimo anno implicano un price return di circa l’11%, con una crescita degli utili modesta del 7%, guidata da un aumento delle vendite e riacquisti supplementari.

La crescita del PIL USA e quella globale dovrebbero accelerare nel 2014, al 2,6% e 3,5% rispettivamente. L'economia statunitense è destinata ad aumentare nella seconda metà dell'anno a un tasso del 3%, trainata dalla fine dell’austerità fiscale e della domanda repressa per i beni strumentali. Una lenta crescita dello 0,8% è attesa in Europa, dove il credito e la politica fiscale rimangono stretti. La crescita del PIL della Cina sarà marginalmente in discesa dal 7,7% nel 2013 al 7,6% nel 2014, ma rimane la più elevata tra le principali economie emergenti, mentre il Giappone è in fase di transizione, con un altro anno di crescita al 2%.

Modesto rimbalzo per i mercati emergenti. Dopo una crescita piatta come non si vedeva dal 2007, i mercati emergenti dovrebbero risultare resilienti nel 2014, con la ripresa della crescita modesta e aumento della produttività. Il PIL dei mercati emergenti è previsto in aumento del 4,9% nel 2014, con rendimenti modesti del 2,9%, 0,7% e 0,3% per il debito locale emergente, mercato dei cambi e debito pubblico estero.

Cresceranno i tassi USA, con i rendimenti del Tresaury a 10 anni che dovrebbe raggiungere il 3,75%. Un aumento dei rendimenti del Tesoro di 85 punti base avrà conseguenze per i mercati di tutto il mondo, probabilmente con un aumento del differenziale di interesse a favore del dollaro, in particolare contro l'euro, che dovrebbe scendere a 1,25 entro la fine dell'anno. Inoltre, l'aumento del tasso di volatilità potrebbe sorprendere. La volatilità dei tassi di interesse è previsto che faccia la sua entrata nel 2014, con un obiettivo di 100 per il Merrill Option Volatility Expectations (MOVE) Index. Il compiacimento del mercato sui tempi e l'impatto del tapering della Federal Reserve è riuscito a conquistare alcuni investitori impreparati per l'aumento della volatilità dei tassi. Le posizioni lunghe sui tassi USA e in dollari, e posizioni lunghe sugli swap spread sono favorite come assicurazione contro la maggiore volatilità dei tassi di interesse.

Un anno di sfide per il reddito fisso. Il restringimento degli spread e i tassi in aumento potrebbero rendere i rendimenti totali una sfida per gli investitori a reddito fisso. I corporates sono favoriti rispetto ai titoli di Stato. Le obbligazioni ad alto rendimento dovrebbero produrre rendimenti positivi, anche se con circa la metà dei guadagni visti nel 2013. Le obbligazioni ad alto rendimento USA possono offrire un miglior potenziale, con un rendimento complessivo dal 4% al 5%. Tra le obbligazioni investment grade, l'Europa dovrebbe aprire la strada con un rendimento fino al 2%, seguita dagli Stati Uniti all’1,5%, mentre l'Asia e nei mercati emergenti possono subire rendimenti negativi.

Il tasso di inflazione globale rimarrà stabile a quasi il 3%. Dopo l'impennata nel 2011, l'inflazione è scesa in quasi tutti i Paesi, ad eccezione di quelli che hanno visto i cambi alimentare gli aumenti dei prezzi, in particolare in Giappone, Brasile, India e Turchia. L'inflazione nei mercati emergenti è prevista in aumento dal 4,7% nel 2013 al 5,3% nel 2014.

Il recupero immobiliare statunitense continua. Il continuo rafforzamento dell'economia degli Stati Uniti prevede di far aumentare i valori immobiliari di un altro 5% nel 2014.

Eccesso di offerta per contenere i prezzi delle commodities. I prezzi globali delle materie prime saranno contenuti nel 2014 grazie a un eccesso di offerta nei settori chiave, olio e grano, un dollaro forte statunitense e una modesta crescita economica globale. Il Merrill Lynch Commodity Index (MLCX) prevede un calo dell’1,6 %, inferiore al brusco calo del 5% nel 2013. Il valore dell’oro dovrebbe scendere a 1.250 dollari l'oncia nel primo trimestre, per poi risalire a livelli normali nel corso dell'anno. Altri metalli non in eccedenza, tra cui zinco, platino e metalli industriali, potrebbero sovraperformare.


Prove di grande rotazione. Maggiori rendimenti obbligazionari, un dollaro più forte e titoli bancari più elevati (barometro principale della domanda interna) nel 2014, corroborano la prova di una grande rotazione nei mercati: sovraperformance dei beni immobili sulle materie prime, delle azioni rispetto alle obbligazioni, i mercati sviluppati rispetto ai emergenti mercati, small cap su large cap, high yield su investment grade, e ciclici su difensivi. Il cambiamento continuerà nel 2014, con il tapering della Fed che causerà una piccola, nel caso ci fosse, pausa nel processo.

• Rotazione istituzionale inversa. Mentre l'attrattiva delle azioni attira investitori retail lontano dalle obbligazioni, gli investitori istituzionali, tra cui assicurazioni, fondi sovrani, banche centrali e anche i fondi pensione americani, sono attesi a partecipare ad una "rotazione inversa": vendere azioni e per l'acquisto di obbligazioni.



Cover story

numero di Dicembre_2013
SOMMARIO di questa settimana

Condividi su LinkedIn




Sfoglia il prossimo articolo -->

*/ ?>