BusinessCommunity.it

04/11/2020

economia

Nel breve la minaccia più grande à la deflazione

 

Philippe Waechter (Ostrum AM): in Francia l'abbassamento delle imposte sulla produzione, un investimento pubblico più forte o la formazione sono gli strumenti giusti che permetteranno il ritorno di una crescita robusta che generi posti di lavoro

La bassa inflazione osservata nella zona Euro si tradurrà in una dinamica salariale molto debole. La domanda sarà debole, mentre i vincoli sanitari peseranno sull'attività. Una situazione che non consentirà di fissare prospettive a medio termine compatibili con i piani di ripresa. L'inflazione è la risposta. I governi su questi aspetti hanno più potere delle banche centrali.
Le misure di contenimento/coprifuoco nella zona Euro pongono due tipi di domande
La prima riguarda il ritmo dell'attività economica. Su questo punto, in Francia, gli economisti e il ministro delle Finanze prevedono una contrazione del Pil nell'ultimo trimestre di quest'anno. Il recupero osservato durante l'estate non ha resistito all'aumento del numero dei contagi. La dinamica dell'occupazione sarà penalizzata. Si può già osservare che a settembre, in Francia, il ritmo dei nuovi posti di lavoro misurati da Acoss (previdenza sociale) si è indebolito. L'aumento delle assunzioni a più di un mese dalla fine del confino si è fermato a settembre sia con contratti a breve termine (CDD) sia con contratti a lungo termine (CDI).

Nel breve la minaccia pi grande  la deflazione

Il secondo tipo di domanda riguarda l'evoluzione dei prezzi. Tutte le misurazioni indicano che l'inflazione sta rallentando molto rapidamente nella zona Euro. Il tasso di inflazione sottostante a settembre è dello 0,2% e l'inflazione mediana* è dello 0,28%. Queste due misure sono al loro livello più basso con i prezzi confrontati alla scala della zona Euro. Nel dettaglio, vediamo che i settori colpiti dalle turbolenze dell'epidemia hanno un contributo molto limitato. Pertanto, date le misure restrittive adottate per combattere la pandemia e a causa del previsto calo della domanda, il profilo dell'inflazione non si invertirà rapidamente.
E dopo? La deflazione potrebbe essere la risposta?
Le due osservazioni si riferiscono innanzitutto al rallentamento dell'attività e dell'occupazione nelle prossime settimane/mesi a causa delle misure sanitarie che limitano l'attività. Si riferiscono anche al lievissimo aumento dei prezzi. La combinazione di questi due fattori è terribile per lo slancio economico. I lavoratori avranno un potere contrattuale molto limitato, considerate le problematiche del mercato del lavoro. Anche la discussione sull'aumento dei salari sarà limitata dall'attuale livello di inflazione, che servirà da riferimento per l'andamento futuro dei salari. Anche anticipando un miglioramento delle condizioni sanitarie, l'inflazione rimarrà molto bassa. Non troverà un percorso convergente verso le previsioni della BCE. Nelle trattative salariali, gli accordi possono essere stipulati solo su un basso slancio dei salari che non alimenti una domanda supplementare, limitando così la capacità dell'economia di tornare su una traiettoria autosufficiente. Questa dinamica deflazionistica renderebbe la domanda insufficiente.

Seguici: 

E che dire della politica economica?
La politica economica, così come sta emergendo attraverso i vari piani di stimolo, permetterà all'attività di riprendere un ritmo sostenuto, ma solo nel medio periodo. La dinamica a breve termine deve semplicemente essere abbastanza forte perché l'economia sia in grado di adattarsi a queste prospettive di medio termine. A questo punto, in Francia, l'abbassamento delle imposte sulla produzione, un investimento pubblico più forte o la formazione sono gli strumenti giusti che permetteranno il ritorno di una crescita robusta che generi posti di lavoro. Tuttavia, a breve termine, la deflazione è una minaccia e il numero di persone colpite da vincoli sanitari sarà elevato. I rapporti del tipo Secours Populaire (una ONG francese) hanno già mostrato l'impatto molto negativo del confinamento per studenti, lavoratori temporanei o lavoratori autonomi. Per stimolare la domanda, il governo potrebbe anche creare un'illusione nominale, modificando le condizioni di indicizzazione dei salari. Questo effetto inflazionistico creerebbe una spinta alla domanda, in attesa degli effetti degli stimoli. In assenza di ciò e per i motivi citati, la domanda rimarrà debole e non permetterà all'economia di stabilizzarsi a un ritmo più sostenuto. Tutti rischiano quindi di rimetterci. Solo il governo ha la capacità di fare un po' più di inflazione. Questo è il suo compito.

Philippe Waechter, Chief Economist di Ostrum AM



Se l'articolo ti è piaciuto, condividilo con gli amici e colleghi


Copyright © 2009-2020 BusinessCommunity.it. Tutti i Diritti Riservati. P.I 10498360154

BusinessCommunity.it - Supplemento a G.C. e t. - Reg. Trib. Milano n. 431 del 19/7/97
Dir. Responsabile Gigi Beltrame - Dir. Editoriale Claudio Gandolfo


Sommario di questo numero
Copertina BusinessCommunity.it