BusinessCommunity.it

29/07/2020

leisure

Il cloud oggi non è più un'opzione ma una piattaforma - Punto e a capo

 

Le soluzioni oggi puntano anche al mission critical e soprattutto impattano sul business delle imprese

In una fase storica come quella attuale qualsiasi azienda ha preso consapevolezza del fatto che il cloud ha aiutato a portare a termine i compiti in una fase di lockdown dove, banalmente, si aveva difficoltà ad accedere ai server aziendali. Non è una semplice questione di organizzazione, in fondo anche per il cloud c'è del personale che verifica che tutto funzioni e quindi accede alle macchine, ma di processi.
Lo dicono le varie ricerche e studi condotti da marzo ad oggi: le aziende che erano strutturate con i dati in cloud hanno risentito di meno dell'impatto del lockdown.

Il cloud oggi non  pi un'opzione ma una piattaforma - Punto e a capo

In questo contesto, l'annosa discussione tra cloud pubblico, privato o ibrido è andata in pensione, addirittura c'è chi porta le modalità di fruizione del cloud nei data center delle aziende, come il recente annuncio da parte di Larry Ellison di Oracle.
La modalità di fruizione dei dati e delle applicazioni su un'infrastruttura cloud, perché il cloud è prima di tutto un'infrastruttura, offre un vantaggio enorme, che non è legato alla sicurezza o alla disponibilità dei dati, non è nemmeno legato alla possibilità di scalare e quindi di crescere, non è legato ai costi o alla manutenzione, ma è legato all'approccio filosofico, ossia di "macchine" che possono venire accese o spente all'occorrenza, ma che offrono una totale trasparenza, facilità di ispezione e grande adattamento.

Questa modalità, ovviamente, cambia il modo di ragionare intorno alle applicazioni aziendali e costringe a rivedere i processi, non tanto quelli informatici, su cui l'impatto iniziale è evidentemente poderoso, ma quelli di business.
Rivedere i processi aziendali in modalità cloud significa poter abbracciare, anche se non necessariamente, le metodologie "Agile".
Qual è il problema?
Per molte aziende del nostro Paese il cloud è ancora qualcosa di nuovo e il processo di integrazione è molto trasformativo, la digital transformation di cui si parla da anni stenta a prendere forma. Il problema reale non è comprendere i vantaggi di adottare il cloud, ci sono operatori che offrono grandi aiuti, ma molte aziende non hanno le skill adatte per utilizzare il cloud. Questo è un problema enorme perché così fanno fatica ad articolare ciò che le esigenze di business desiderano e capire come realizzarle. Le metodologie Agile, semplificando, permettono di realizzare prototipi di applicazioni celermente, testarli e poi decidere se investire nella produzione o passare ad altro: sembrano "nate per il cloud"!

Il cloud è trasparente nel senso che si conosce dove risiedono dati e applicazioni, è ispezionabile perché ci sono strumenti adeguati per il controllo ed è adattabile.
Il fatto che Oracle abbia pensato di portare il cloud nei data center dei clienti, con il Dedicated Region Cloud@Customer, sembrerebbe un ritorno al passato, ossia usare tecnologie presso i clienti, anche se con le modalità tipiche del cloud.
In realtà è un passo in avanti verso l'uso del cloud come standard per applicazioni, servizi e dati, abbattendo anche l'ultima barriera. Il cloud come piattaforma, per un business che non è più "as usual" come lo conoscevamo fino a pochi mesi fa.
Le grandi manovre dei colossi informatici non nascono solo dall'esigenza di fare quattrini, come molti credono, ma soprattutto di accaparrarsi i clienti, perché sono i clienti che pretendono il cloud e dopo l'esperienza del lockdown lo fanno con maggiore insistenza.

Seguici: 

Ci vorranno mesi per cambiare le strategie, ma la strada è tracciata.

 


Iscriviti al canale YouTube

Il libro ''Digilosofia: la filosofia del digitale'' le sfide della digital transformation
Guarda l'ultima puntata del #LateTechShow .


Se l'articolo ti è piaciuto, condividilo con gli amici e colleghi


Copyright © 2009-2020 BusinessCommunity.it. Tutti i Diritti Riservati. P.I 10498360154

BusinessCommunity.it - Supplemento a G.C. e t. - Reg. Trib. Milano n. 431 del 19/7/97
Dir. Responsabile Gigi Beltrame - Dir. Editoriale Claudio Gandolfo


Sommario di questo numero
Copertina BusinessCommunity.it