Usa il mouse, frecce o sfoglia se touch
   Magazine del 26/02/2020
Leisure

Quando il digitale è utile per le persone e per le aziende - Punto e a capo
In un mondo di dati e di informazioni, non sempre è garantito che a vincere siano davvero tutti

Quando racconto che viviamo in un periodo di cambiamenti, non mi riferisco solo a quelli più evidenti come succede nei vari convegni, parlando di Amazon, Netflix, Spotify o Airb&b. Io cerco di andare un po' più in là, spiegando come oggi esistano piattaforme di dati che permettano agli utenti/clienti, che poi siamo tutti noi, ma anche alle aziende o alla pubblica amministrazione, di ottenere dei vantaggi.
Non sto parlando di sfruttamento di dati, ma di vantaggi per tutti.
Ultimamente trovo che vi sia il caso di un'azienda che riesca a coniugare nel modo migliore il proprio profitto, perché le aziende non sono delle Onlus ed è bene sempre tenere presente la questione, ma anche i vantaggi per la collettività, in questo caso per gli utenti e per le aziende, in questo caso di trasporto.
L'azienda si chiama Moovit, ma non voglio parlarne in generale o dei servizi, ma di una semplice integrazione tra i dati a disposizione delle reti di trasporto pubblico e un'informazione puntuale ai cittadini. Non racconto come funziona o quali sono i vantaggi, ma semplicemente come oggi sia possibile individuare con precisione, per esempio, una fermata dell'autobus in una città che non conosciamo.
Di solito questo genere di App raccontano quanto tempo servirà per compiere un determinato tragitto, tra quanto passa il prossimo mezzo e via di seguito, ma l'utente fatica a trovare la fermata, magari in luoghi in cui si incrociano più mezzi.
Moovit crea delle immagini che si sovrappongono automaticamente alle immagini reali inquadrate dalla fotocamera dello smartphone dell'utente e permettono di non sbagliare.
Una sciocchezza, qualcuno dice, ma è un passaggio importante perché non solo racchiude un'esperienza di uso di un servizio davvero efficiente, ma coniuga più tecnologie in una soluzione molto pratica, realtà aumentata, geolocalizzazione, informazioni della municipalità e via di seguito, il tutto utilizzabile in un secondo.
Questa è trasformazione digitale, poco conta la tecnologia e l'intelligenza degli algoritmi, come tutto ciò può accadere e chi sfrutta questi dati, anche Moovit ha contratti con le principali aziende di trasporto italiane, perché quel che conta è il risultato.

@gigibeltrame su LinkedIn e su Twitter 

Podcast su SpotifyiTunes e Spreakr
Il libro "Digilosofia: la filosofia del digitale" le sfide della digital transformation


Questo è l'ultimo articolo. Clicca qui per tornare al sommario.



Leisure

numero di 26/02/2020
SOMMARIO di questa settimana

Condividi su LinkedIn




Sfoglia il prossimo articolo -->

*/ ?>