Usa il mouse, frecce o sfoglia se touch
   Magazine del 19/02/2020
Finanza e investimenti

Si intravede una timida ripresa
Naumer (AllianzGI): è importante che gli attuali segnali di ripresa proseguano e diano slancio agli utili aziendali. Nel complesso, in un'ottica di medio periodo, i rischi di recessione sono leggermente diminuiti

Nelle ultime settimane si è intravisto qualche seppur timido segnale di ripresa economica. In base a quanto segnalato da diversi importanti indicatori anticipatori, gli ostacoli alla crescita economica potrebbero gradualmente venir meno.
Di recente, ad esempio, il barometro della fiducia delle imprese del Belgio, un indicatore fondamentale per l'Eurozona, ha fatto segnare un rialzo, e negli USA gli indici dei responsabili degli acquisti hanno evidenziato progressi.
Nel complesso, in un'ottica di medio periodo, i rischi di recessione sono leggermente diminuiti: tuttavia, non si può ancora escludere una recessione negli USA nel corso del 2020. Allo stesso tempo si è verificata una distensione sul fronte geopolitico, dove comunque permangono dei rischi potenziali. Basti pensare alle significative ripercussioni negative sulla crescita economica causate dal conflitto commerciale tra USA e Cina.
Per quanto riguarda il processo per la Brexit, ora che l'uscita dall'UE è confermata vi è un maggiore grado di prevedibilità. Alla luce dei minori rischi geopolitici ci aspettiamo un miglioramento del sentiment in ambito industriale e un atteggiamento di minore prudenza, ad esempio per quanto riguarda gli investimenti tecnici. Simili sviluppi sarebbero positivi per l'economia.
Si attende con impazienza il risultato della revisione delle strategie di politica monetaria di Banca Centrale Europea (BCE) e Federal Reserve (Fed). Dagli anni della crisi economica, 2008-2009, il moltiplicatore del credito ha evidenziato una netta flessione sia negli USA che nell'Area Euro, e sino a ora non si è mai ripreso. Risulta evidente come la politica monetaria persistentemente accomodante non si traduca in una maggiore concessione di prestiti da parte del sistema bancario. Sembra che neppure i tassi di deposito negativi applicati dalla BCE, che penalizzano le banche, abbiano sortito qualche effetto.
Anche in riferimento all'inflazione non ci sono movimenti degni di nota. I tassi core (che escludono energia e alimentari), meno soggetti a oscillazioni, dovrebbero evidenziare un ulteriore graduale rialzo data la riduzione degli output gap; in ogni caso questo non dovrebbe essere sufficiente per indurre la Fed o la BCE ad adottare politiche più restrittive.

È essenziale che gli attuali segnali di ripresa proseguano e diano slancio agli utili aziendali, poiché in alcuni importanti segmenti del mercato azionario le valutazioni sono già molto elevate e per evitare delusioni occorrono solide basi.

Hans-Jörg Naumer Director Global Capital Markets & Thematic Research Allianz Global Investors



Finanza e investimenti

numero di 19/02/2020
SOMMARIO di questa settimana

Condividi su LinkedIn




Sfoglia il prossimo articolo -->

*/ ?>