Usa il mouse, frecce o sfoglia se touch
   Magazine del 11/12/2019
Leisure

I contratti del futuro
La blockchain apre le porte ad una straordinaria nuova stagione contrattuale, nella quale i negozi giuridici, come siamo abituati a conoscerli, mutano, divenendo sempre più tasselli di una catena di relazioni certificata e sicura

L'impatto della rivoluzione tecnologica è sotto gli occhi di tutti. Il diritto, inteso in senso ampio e pervasivo, non sfugge a questa regola. Interessante al riguardo è un recentissimo volume, curato di una moltitudine di contributori, curato da Raffaele Battaglini e Marco Tullio Giordano, dal titolo "Blockchain e Smart Contract". Funzionamento, profili giuridici e internazionali, applicazioni pratiche, edito da Giuffrè Francis Lefebvre.
Il presente volume, primo di una nuova ambiziosa collana avente ad oggetto la sempre più frequente interrelazione tra diritto e tecnologia, tratta delle implicazioni che la blockchain ha in ambito contrattuale.
Secondo i curatori, per una consapevole gestione dei profili giuridici dei temi in questione, è fondamentale una preventiva ed approfondita conoscenza e comprensione dei profili tecnologici, posti alla base dei nuovi strumenti a disposizione dei cosiddetti "code lawyers", figura emergente che proietta giuristi e avvocati nel prossimo futuro.
Dette innovazioni possono rappresentare un valido strumento che rafforza l'autonomia dei cittadini, nei loro differenti rapporti nel vivere associato, rafforzando così anche la loro attività negoziale.
Siamo quindi alla vigilia di quella che viene comunemente definita la fase della disintermediazione, ovvero la possibilità di relazionarsi a distanza attraverso il controllo che la blockchain consente.
Questo permette anche di aprire le porte ad una straordinaria nuova stagione contrattuale, nella quale i negozi giuridici, come siamo abituati a conoscerli, mutano, divenendo sempre più tasselli di una catena di relazioni certificata e sicura. Negli ultimi anni, le tecnologie che si basano sui registri distribuiti, tra cui la più conosciuta e discussa è senz'altro la blockchain, hanno generato sempre maggior interesse negli operatori di mercato, nella Pubblica amministrazione e più in generale nel grande pubblico.
Questi impatta moltissimo il business delle imprese,
Nel libro sono analizzati gli aspetti giuridici della rivoluzione blockchain, e di come questa modifichi il senso e la valenza stessa del contratto. Le imprese possono già oggi immaginare l'utilizzo di queste nuove opportunità tecnologiche per garantire ai propri clienti la filiera della qualità, la provenienza di un diritto, l'acquisto sicuro di beni e servizi.
Questo prepotente ingresso nel mondo degli affari e delle relazioni commerciali, spesso nella forma applicativa degli smart contract, ha indotto legislatori e regolatori di diversi Paesi, non ultima l'Italia, a discutere, redigere e rilasciare le prime normative dedicate. Insomma, sempre più imprese, startup, enti ricorreranno a questi meccanismi per vendere beni e servizi. Il diritto, sembrerebbe, una volta tanto essere al passo con i tempi.


Titolo: Blockchain e Smart Contract
Curatori: Raffaele Battaglini, Marco Giordano
Editore: Giuffrè Francis Lefebvre
Pagine: XXVI - 598

@federicounnia - Consulente in comunicazione
@Aures Strategie e politiche di comunicazione
@Aures Facebook



Leisure

numero di 11/12/2019
SOMMARIO di questa settimana

Condividi su LinkedIn




Sfoglia il prossimo articolo -->

*/ ?>