Usa il mouse, frecce o sfoglia se touch
   numero di 19/06/2019
Digital Business

Le Data Driven Company crescono anche in Italia
Maio (Oracle): con l'evento ExplAIn Your Tomorrow, Today, abbiamo voluto proporre e comunicare l'innovazione, e mettere a confronto le esperienze

Il digitale, la trasformazione digitale, il business moderno sono argomenti che affascinano imprenditori e manager ma faticano a diventare progetti concreti nelle aziende. Eppure di casi di successo ce ne sono tantissimi. Oracle ha proposto un format particolare, raccolto in speech da 8 minuti l'uno, per proporre e divulgare l'innovazione. Abbiamo incontrato Stefano Maio, Country Leader Big Data & Analytics di Oracle Italia per farci raccontare i motivi dell'evento e quali sono gli obiettivi.

Cos'è ExplAIn Your Tomorrow, Today?

É l'occasione per conoscere lo stato dell'arte sull'adozione delle più avanzate tecnologie da parte delle aziende italiane. Un incontro che vuole offrire anche spunti di riflessione e di ispirazione, alla luce delle testimonianze dirette di realtà che insieme a Oracle hanno intrapreso il cammino per trasformarsi in aziende 'data driven',  per comprendere come sia possibile elaborare una strategia vincente grazie ai dati e alle tecnologie "autonomous".

Come si è sviluppato?

ExplAIn Your Tomorrow, Today edizione 2019 ricalca un po' il format dello scorso anno. L'obiettivo è quello di mostrare molte esperienze a confronto all'interno di un'unica mattinata. In uno spazio veramente breve di soli 8 minuti, ogni cliente o partner racconta le esperienze importanti e utili per chi ascolta, e che hanno a che fare con il tema dei dati. Le lettere AI di ExplAIns sono maiuscole perché vogliamo dare enfasi alle applicazioni che sono state realizzate attraverso l'uso dell'Intelligenza Artificiale.

Cosa significa per Oracle Intelligenza Artificiale?

Viviamo nell'epoca "autonomous", tutto funziona da solo. Le telecamere di precisione, i droni e i tanti sensori prendono decisioni da soli, in maniera autonoma. Oggi, capire se una fragola è più matura di un'altra non è impossibile, le macchine riescono a capire. Non è più una questione interessante per i "nerd", ma diventa parte dell'evoluzione umana avere delle macchine intelligenti che aiutano l'uomo. L'utilità di avere una macchina che si guida da sola ancora non l'avvertiamo, ma quando pensiamo ad un viaggio per raggiungere Marte il concetto ci è più chiaro perché l'ottimizzazione diventa fondamentale.

Dati, informazioni e decisioni. Cosa sta accadendo?

Abbiamo parlato dell'era della consumerizzazione del dato e del fatto che le aziende sono guidate dai dati, sono "data driven company". Possiamo usare le informazioni, spesso nascoste, per scoprire nuovi business o per avere dei vantaggi competitivi. Il nostro Autonomous database è il primo database completamente autonomo, ma cosa significa? Che le informazioni viaggiano e vengono catalogate in modo automatico: è previsto un auto tuning, il database si ripara da solo, compatta le informazioni e le accantona se hanno finito il loro ciclo di vita. Per gli uomini è un risparmio di tempo significativo, si eliminano operazioni ripetute e noiose perché essere autonomi è un'esigenza del business attuale.

Quali sono stati i casi più interessanti?


Sul palco di ExplAIn Your Tomorrow, Today si sono susseguite le esperienze di aziende di vari settori dalla produzione manifatturiera e dell'energia al retail, dal comparto bancario e assicurativo al mondo dello sport e a quello del marketing, comunicazione e advertising. Realtà quali Bitron, CNP Vita, Coca Cola HBC, Generali, Luiss Sport Academy, Sisal per testimoniare il potenziale dell'innovazione cloud di Oracle legata alle tecnologie emergenti e all'Autonomous Database. Quest'ultima, in particolare, è un'esclusiva di Oracle, che grazie alle tecnologie autonomous garantisce la gestione dei dati aziendali in sicurezza e con totale continuità di servizio (anche in fase di operazioni di auto-riparazione e auto-patching del DB), prevenendo così danni da errore umano, attacchi di hacker e virus e, di conseguenza, rischi operativi e di reputazione.



Digital Business

numero di 19/06/2019
SOMMARIO di questa settimana

Condividi su LinkedIn




Sfoglia il prossimo articolo -->

*/ ?>