Usa il mouse, frecce o sfoglia se touch
   numero di 05/06/2019
Leisure

Ci salverà la retorica?
La proliferazione delle notizie nel web, l'esplosione delle immagini, le fake news, il linguaggio del populismo o l'uso manipolativo dei dati richiedono nuove competenze interpretative. Nuove sì, ma allo stesso tempo antiche

Secondo la Treccani, scusate, per retorica si intende "L'arte del parlare e dello scrivere in modo ornato ed efficace. La retorica ha riacquistato uno spazio rilevante nella linguistica e nella critica letteraria contemporanea, come teoria dell'argomentazione e come analisi delle realizzazioni lessicali, grammaticali e stilistiche, di testi scritti o anche orali, e delle loro funzioni espressive".
Bastano queste poche parole per capire che ci stiamo riferendo ad un caposaldo del sistema di relazione umana e della stessa intelligenza. La sua evoluzione ed importanza sono sotto gli occhi di tutti. Ebbene, che valore assume oggi la retorica nella società del social e del condiviso a tutti i costi? Non è forse proprio in questa nuova dimensione che la retorica torna ad essere centrale per distinguersi e comunicare in modo più efficace e distintivo?
A queste semplici, ma complesse al tempo stesso, domande offrono una stimolante risposta Andrea Granelli e Flavia Trupia, nel loro ultimo scritto "La retorica è viva e gode di ottima salute. Convincere, capire, vaccinarsi ai tempi del web", edito da FrancoAngeli.
Concepita in passato, giustamente sottolineo, come qualità del saper ben parlare ed argomentare, dove l'autorevolezza del messaggio era avallata dalla qualità della costruzione logica e dai richiami del pensiero, nel mondo d'oggi, dove guidano hasthag, brevità e superficialità (mi sia permesso aggiungere, ignoranza) e il culto dell'essere immediatamente visibili e presenti, gli autori la riportano al centro dell'attenzione.
Non conta più solo il messaggio, ha importanza anche il modo con il quale io lo comunico e lo argomento. Se ci pensate, troppo spesso, le value proposition sono o troppo sofisticate o troppo articolate per essere afferrate e fatte proprie da mandrie di superficiali persone che in metrò guardano il display del proprio device mentre accanto potrebbero avere un terrorista imbottito di tritolo?
Eppure è con questi soggetti che l'impresa deve relazionarsi. Ecco allora che si avverte la necessità di una nuova retorica, fatta di parole e ritmi narrativi diversi, ma comunque in grado di far breccia su menti leggere e distratte.
Retorica, come sostengono gli autori, è l'arte e la capacità di convincere qualcuno, di portarlo a modificare il suo giudizio e il comportamento conseguente. In tutti i settori: il voto, l'economia, l'acquisto, la lettura, il consumo.
Capiamo quindi quanto importante sia allora riaffermare e possedere le skills necessarie ad avere nella propria struttura organizzativa un retore di qualità, un soggetto oratore o maestro di eloquenza. Da non confondersi, possibilmente, con un maniaco di protagonismo? ahimè razza ben conosciuta nel nostro mondo.


Titolo: La retorica è viva e gode di ottima salute. Convincere, capire, vaccinarsi ai tempi del web
Autori: Andrea Granelli e Flavia Trupia
Editore: FrancoAngeli
Pagine: 172

@federicounnia - Consulente in comunicazione
@Aures Strategie e politiche di comunicazione
@Aures Facebook


 



Leisure

numero di 05/06/2019
SOMMARIO di questa settimana

Condividi su LinkedIn




Continua a sfogliare per il prossimo articolo -->

*/ ?>