Usa il mouse, frecce o sfoglia se touch
   numero di 08/05/2019
Leisure

Le basi da cui ripartire e i trend 2020
Il testo offre una ricostruzione impietosa, dati alla mano, di come sia cambiato il nostro sistema industriale e produttivo. Con tanti spunti per manager e imprenditori

Un libro potrebbe essere come una confezione di ottima salsa di pomodoro. Fai pressione per aprire il barattolo, superi il sottovuoto e improvvisamente assapori con l'olfatto aromi e profumo straordinari.
Dicevamo del libro. Sfogli la copertina, leggi l'indice, parti dalla premessa o prefazione, e poi, pagina dopo pagina, con nel sottofondo l'odore della stampa e della carta, ti immergi in un percorso senza fine.
La licenza che mi sono permesso non è casuale, anzi. Segnalo ai manager ed imprenditori un libro sui generis. Si tratta di "IBC Trends 2020. Obiettivi per l'Industria dei Beni di Consumo e sfide per il Paese", a cura di Fedele De Novellis, con introduzione di Aldo Sutter, edito da IBC (Associazione Industrie Beni di Consumo). Chi lo desidera può richiederlo a IBC o scaricalo qui.
Perché questo testo? Semplice: offre una ricostruzione chiara e lineare di quello che ha attraversato il nostro Paese negli ultimi due decenni e butta lo sguardo e il cuore, oltre il fatidico 2020.
Stiamo parlando, per quei pochi che non lo sapessero, dell'associazione che raggruppa ben 32 mila imprese, alimentari e non, che sviluppano nel loro insieme 70 miliardi di euro di fatturato (30% del Pil generato dall'industria in Italia), occupando circa un milione di addetti.
Produttori di beni alimentari (una freccia nell'arco del sistema Paese rivolta sempre di più all'estero), di prodotti per la casa, di cosmetici, moda, e per il settore intrattenimento. Non poco, quindi, sia nell'attuale equilibrio del sistema economico del Paese sia a tendere con le opportunità di crescita dell'export.
Il testo offre una ricostruzione impietosa, dati alla mano, di come sia cambiato il nostro sistema industriale e produttivo, di come l'incapacità competitiva di molti segmenti del sistema Paese si sia ribaltata sui consumi e gli stili di vita di milioni di italiani. Dell'impatto inarrestabile che lo sviluppo delle tecnologie e delle imprese-piattaforma abbia colpito da un lato una fascia molto ampia della catena distributiva ma al tempo stesso abbia creato e stimolato nuovi acquisti e aperto nuovi mercati.
Come se ne esce, viene da chiedersi? Non ci sono ricette magiche, è certo, ma solo buon senso a molto pragmatismo.
Cercando di migliorare al proprio interno, sviluppando filiere che sappiano creare valore, aggiornandosi e cercando di anticipare i bisogni, guardando molto all'estero, che per ragioni sistemiche è la più solida ancora cui aggrapparsi per vincere i marosi di un mercato sempre più instabile.
Lo insegnano le storie e i risultati raccontati nelle 144 pagine del volumetto dell'IBC (129 in digitale), associazione in cui spiccano tanto le multinazionali quanto le piccole imprese capaci di resistere sul mercato adeguandosi alla febbre del sistema internazionale. Una lezione cui guardare con attenzione anche se si opera in settori diversi. Non è forse anche questo un esempio positivo di contaminazione manageriale?


Titolo: IBC Trends 2020. Obiettivi per l'Industria dei Beni di Consumo e sfide per il Paese
Autore: Fedele De Novellis
Editore: IBC
Pagine: 144

@federicounnia - Consulente in comunicazione
@Aures Strategie e politiche di comunicazione
@Aures Facebook

 



Leisure

numero di 08/05/2019
SOMMARIO di questa settimana

Condividi su LinkedIn




Continua a sfogliare per il prossimo articolo -->