Usa il mouse, frecce o sfoglia se touch
   numero di 27/03/2019
Finanza e investimenti

Elezioni europee: cosa potrebbe accadere sui mercati
Borowski, Vic-Philippe e Elmgreen (Amundi): nel breve termine ci aspettiamo tre principali implicazioni per i mercati del reddito fisso europeo, riguardo la valuta, gli spread e le obbligazioni dei Paesi periferici

Le prossime elezioni del Parlamento europeo si svolgeranno il 23-26 maggio 2019 negli Stati membri dell'Unione Europea. Data l'attuale complessità del contesto politico, queste elezioni stanno diventando una sorta di referendum sul progetto dell'Unione Europea e un test politico chiave per molti paesi dell'Unione.
Secondo i sondaggi, le elezioni porteranno probabilmente a un Parlamento più frammentato, con un peso crescente dei partiti populisti, anche se sembra improbabile una coalizione di forze euroscettiche contro i principali partiti. Le due maggiori forze politiche - il Partito Popolare Europeo e l'Alleanza progressista di Socialisti e Democratici - perderanno probabilmente la loro maggioranza attuale. Tuttavia, queste due forze politiche continueranno ad essere i maggiori partiti nel Parlamento Europeo e potrebbero quindi cercare di allearsi con altre formazioni politiche europee minori (per esempio, i Verdi).
Ne abbiamo parlato con gli esperti di Amundi Didier Borowski (Head of Macroeconomic Research), Isabelle Vic-Philippe (Head of Euro Govies and Inflation), Kasper Elmgreen (Head of Equities), che hanno anche indicato quali siano le prospettive per i mercati obbligazionario e azionario.
"Potrebbe essere necessario più tempo per trovare il giusto equilibrio tra le parti e formare la Commissione europea (C.E.). Pertanto, non ci aspettiamo che la Commissione Europea sia pienamente operativa prima del 2020. Riteniamo che l'emergere di una nuova coalizione "anti-populista" possa aprire la strada a un'agenda più pro-europea dal 2020 in poi. La Commissione dovrà occuparsi del quadro finanziario pluriennale del 2021-27 che è essenziale per il futuro dell'Europa", afferma il team di Amundi.

Quali potrebbero essere le implicazioni dell'incertezza politica sul reddito fisso europeo?

I mercati finanziari non amano l'incertezza, in particolare l'incertezza politica. Nel 2019, ci troviamo ad affrontare la Brexit e le elezioni del Parlamento europeo. Sulla base dei sondaggi attualmente disponibili, le elezioni europee potrebbero portare a un Parlamento più frammentato e a una crescita dei partiti euroscettici.
In questo scenario, nel breve termine, vediamo tre principali implicazioni:
1. La moneta unica potrebbe deprezzarsi riflettendo l'incapacità del Parlamento di prendere decisioni coraggiose per una maggiore integrazione.
2. Gli spread e le obbligazioni periferiche potrebbero essere impattate. Se la fragilità del panorama politico europeo dovesse aumentare, questo porterebbe probabilmente ad un aumento della volatilità generale del mercato e contribuirebbe a spread più ampi per le obbligazioni societarie e dei Paesi periferici e a tassi d'interesse più bassi sugli attivi ritenuti più sicuri (per esempio, i Bund tedeschi).
3. Un indebolimento dell'integrazione dell'euro significherebbe concentrarsi maggiormente sulla valutazione della solidità fiscale di ciascun Paese, che probabilmente si rifletterebbe sugli spread sovrani.
L'impatto delle elezioni europee non si concretizzerà nell'immediato, ma le conseguenze potrebbero essere significative nel medio periodo. Le principali decisioni riguardano le nomine del Presidente del Parlamento e della Commissione Europea. Questi rappresentano passi "tecnici", senza evidenti effetti diretti sui mercati finanziari. Tuttavia, l'effetto di segnalazione del risultato elettorale sulle diverse elezioni locali previste per il 2019 e il loro impatto sull'agenda dei governi degli stati membri dell'UE avranno un effetto di gran lunga più rilevante sui mercati.

Quali sono le vostre convinzioni sui mercati obbligazionari dell'UE in questa fase?

Dopo aver raccomandato una posizione difensiva nel 2018, ci siamo spostati con cautela verso un posizionamento neutrale sul credito e leggermente più positivo in termini di duration. In particolare, il mercato primario ha offerto all'inizio di quest'anno interessanti opportunità sia per le emissioni societarie che per quelle governative.
Riteniamo che l'attuale livello dei tassi sia molto basso e un aumento della duration delle obbligazioni governative funge da copertura contro il rischio di credito in fasi turbolente. La nostra principale convinzione sul reddito fisso in euro continua ad essere l'appiattimento della curva europea.
Riteniamo che questa tendenza proseguirà in un movimento di bull flattening (i tassi di interesse lunghi scendono, la curva dei rendimenti si appiattisce) a meno che non ci sia una normalizzazione della politica di tassi zero della Banca Centrale Europea (in questo caso, potremmo vedere un movimento di bear flattening con i tassi di interesse a breve in salita). Infine, c'è spazio per sfruttare le opportunità di valore relativo tra gli attivi europei: per esempio, tra le obbligazioni governative, prediligiamo Spagna e Portogallo che offrono premi di rendimento e mostrano un continuo miglioramento dei fondamentali.

Passando ai titoli azionari, quali aree del mercato europeo hanno già prezzato lo scenario peggiore e sono quindi interessanti anche in presenza di una maggiore volatilità politica?

Il contesto politico in Europa è incerto. Riteniamo che molte delle incertezze siamo già scontate. Il forte inizio d'anno ha corretto parte del brusco calo che abbiamo registrato nell'ultima parte del 2018. Dopo questo inizio molto forte, la nostra view favorevole ai titoli ciclici rispetto ai difensivi sembra in parte meno convincente, ma comunque positiva.
All'interno dei settori ciclici, la dispersione delle valutazioni è molto ampia tra i settori. Per esempio, le aspettative nel settore automobilistico e dei trasporti sembrano particolarmente basse e qui identifichiamo opportunità selettive.
In generale, riteniamo che il contesto di maggiore incertezza, minor correlazione intra-settoriale e maggiore dispersione a livello di titoli sia ideale per la selezione di titoli all'interno di un processo bottom-up fondamentale. Infine, mentre molte incertezze politiche sono già scontate dai mercati azionari europei, un esito molto negativo della Brexit o un deterioramento della situazione politica in Europa non lo sono e potrebbero causare un'ulteriore sell-off delle azioni europee.


Quali sono le vostre convinzioni attuali sulle azioni europee e in che modo l'esito delle elezioni potrebbe cambiarle?

Gli investitori con un approccio fondamentale bottom-up dovrebbero concentrarsi sulla ricerca di aziende solide che è possibile acquistare a livelli di valutazione giusti e interessanti. Pertanto, la selezione dei titoli e la costruzione del portafoglio dovrebbero essere senza bias per ogni scenario politico possibile. Seguiamo questo approccio, bilanciando la necessità di attenuare il rischio di downside (con particolare attenzione ai titoli di qualità) e la ricerca di opportunità che potrebbero emergere se il rischio che pesa sulle azioni europee dovesse attenuarsi.
Quest'anno l'agenda politica è molto fitta per l'Europa e questo è un rischio da gestire. Tuttavia, vale la pena sottolineare che esiti più favorevoli ad alcuni eventi come la Brexit potrebbero portare a una prospettiva migliore per l'Europa con una successiva ripresa delle azioni europee. In termini di principali convinzioni, riteniamo che le opportunità nell'ambito delle azioni Value europee siano le più interessanti.



Finanza e investimenti

numero di 27/03/2019
SOMMARIO di questa settimana

Condividi su LinkedIn




Continua a sfogliare per il prossimo articolo -->

*/ ?>