Usa il mouse, frecce o sfoglia se touch
   numero di 27/02/2019
Leisure

Punto e a capo. Stem non è solo un problema in questo Paese
La presentazione di #steminthecity a Milano è stata l'occasione per pensare agli insegnamenti

Gli insegnamenti Stem (Science, Technology, Engineering and Mathematics per dirlo in inglese) sono fondamentali per la società moderna, non perché gli insegnamenti umanistici non servono, ma la grammatica del digitale deve entrare nel patrimonio delle persone, almeno con pari dignità.
Durante la presentazione dell'evento #steminthecity a Milano, si è parlato molto di come le ragazze siano quasi sempre allontanate dalle materie scientifiche e matematiche a causa dello stereotipo della società.
Non posso che confermare il tutto, in fondo l'immagine del maschio con la chiave inglese in mano e la femmina con il ferro da stiro sono difficili da eliminare dall'inconscio, eppure lo smartphone dovrebbe, tutto sommato, aver democratizzato la tecnologia e gli strumenti di lavoro/socializzazione.
Il pregiudizio di genere, quindi, non dovrebbe esistere, ma per fortuna, grazie all'impegno dell'Assessore al Comune di Milano Roberta Cocco, le materie Stem invadono le scuole, e non solo, della città di Milano nel prossimo mese di aprile, per raccontare come anche questi studi non solo siano affascinanti per i giovani, ma anche per le ragazze di cui c'è una vera e propria carenza strutturale.
A Milano Stem si declina con una A finale, posta come se si trattasse di una potenza matematica, perché anche l'arte, la creatività devuno diventare patrimonio comune e le materie scientifiche sono ricche di creatività.
Basta la sensibilizzazione su questi temi?
La formazione non si riposa mai, la conoscenza degli strumenti deve diventare sempre più centrale per le persone di questo secolo, ma anche qui si lotta contro un pregiudizio incredibile: si ritiene che quelli che sono nati con il digitale e ce "l'hanno fisicamente sempre in mano", la generazione Z,  siano preparati, ma non è così. Conoscono come usare gli strumenti, ma non conoscono gli strumenti e quindi non hanno le competenze per sfruttarli.

Molto c'è da fare sotto questi aspetti, vale per i giovani, vale ancora di più per le giovani, ma vale per tutti.



Leisure

numero di 27/02/2019
SOMMARIO di questa settimana

Condividi su LinkedIn




VAI AL SOMMARIO DEL NUMERO PER LEGGERE TUTTI GLI ARTICOLI