Usa il mouse, frecce o sfoglia se touch
   numero di 21/11/2018
Finanza e investimenti

Verso un dollaro più debole
Delitala e Piersimoni (Pictet AM): ci attendiamo una ripresa degli attivi di rischio nel breve termine, tenendo però in debita considerazione gli effetti delle elezioni americane

Il mese di ottobre è stato caratterizzato da una forte correzione dei mercati azionari, favorita da diversi fattori tra i quali vanno menzionate indubbiamente le previsioni riguardanti gli utili delle società americane per il 2019, sebbene gli utili trimestrali attuali abbiano continuato a sorprendere al rialzo.
I mercati temono una compressione dei margini futuri, in particolare a causa di un più elevato costo del denaro, di pressioni salariali che iniziano a farsi sentire e della guerra tariffaria che rischia di inasprirsi nei mesi a venire.
Gli indici azionari di tutte le aree geografiche hanno subito correzioni importanti da inizio ottobre, mentre il recupero parziale del fronte obbligazionario si spiega principalmente considerando le operazioni di ricopertura e di ricerca di protezione.
A livello valutario sono state premiate le valute rifugio. Per quanto concerne l'evoluzione macroeconomica, gli indicatori leading rimangono solidi, con un miglioramento sensibile per quanto riguarda l'Eurozona.
Ci attendiamo pertanto una ripresa degli attivi di rischio nel breve termine, tenendo però in debita considerazione gli effetti delle elezioni americane che, come ampiamente anticipato, hanno visto i democratici ottenere il controllo della camera bassa (al momento 223 seggi vanno ai democratici contro i 197 dei repubblicani), mentre i repubblicani hanno mantenuto la maggioranza dei seggi controllati in senato (al momento sono 51 rispetto ai 47 dei democratici).
Di conseguenza, ci aspettiamo che il settore Healthcare possa soffrire a seguito delle pressioni politiche congiunte di democratici e repubblicani, che sul tema della diminuzione del costo dei medicinali potrebbero trovare un punto di compromesso.
Pertanto, dopo una buona sovra-performance (+4% contro S&P500), prendiamo profitto sulla posizione. Ci aspettiamo inoltre un indebolimento del dollaro e una minor pressione al rialzo sui tassi di interesse, in quanto le politiche di Trump saranno ostacolate da una Camera Bassa a maggioranza democratica.


Andrea Delitala, Head of Investment Advisory di Pictet Asset Management
Marco Piersimoni, Senior Portfolio Manager di Pictet Asset Management


Per approfondimenti: https://www.am.pictet/it/italy/articles/home-page/box-strategia  



Finanza e investimenti

numero di 21/11/2018
SOMMARIO di questa settimana

Condividi su LinkedIn