Usa il mouse, frecce o sfoglia se touch
   numero di 14/11/2018
Fare Business

Le aziende zombie meglio che spariscano
Halloween è alle spalle, ma secondo Murray di Hermes IM, evitare di farle sopravvivere è una buona cosa nel lungo termine, per un ritorno a una sana crescita della produttività

Nei film, l'unico modo di eliminare uno zombie è rimuovere il suo cervello tagliandogli la testa, idealmente con una motosega, una spada da samurai o qualcos'altro di altrettanto drammatico.
Nella vita reale, eliminare le cosiddette "aziende zombie" è molto meno divertente, ma altrettanto efficace. In occasione di Halloween, ho pensato sarebbe stato il momento ideale per guardare a queste aziende, così come fatto dalla Bank of International Settlements (BIS), che ha recentemente pubblicato un report su di loro.
Così come i personaggi da cui prendono il nome, le imprese zombie sono creature che in realtà avrebbero dovuto passare nel regno dei trapassati già da tempo fa. Invece di abbracciare la morte, si armano, scatenando solitamente il caos sulle altre società.
Nel 2018 possiamo vedere un eccesso di aziende zombie, a causa di un periodo così lungo di bassi tassi di interesse che hanno permesso alle imprese che normalmente non avrebbero rispettato i tempi di rimborso dei loro prestiti, di indugiare a tempo indeterminato.
Come nei film, queste imprese zombie non crescono, maturano o offrono qualcosa di significativo per l'economia in generale e sembrano impermeabili a qualunque colpo o shock scagliatogli contro.
Bank of International Settlements sostiene che questo è stato un crescente problema fin dalla fine degli anni '80 ed è un freno alla produttività.
Immaginiamo uno zombie seduto alla tua scrivania che cerca di svolgere il tuo lavoro. Anche nel giorno più improduttivo in ufficio, è probabile otterresti comunque più quanto otterrebbe lui. Il problema è aggravato dal fatto che queste aziende zombie frenano gli investimenti e la crescita dell'occupazione in aziende più sane, contro le quali competono per le risorse, ostacolando di fatto la concorrenza. Questo non è ciò di cui una grande economia ha bisogno in questo momento.
Secondo il report di BIS, la loro fragilità mette anche i decisori politici in una difficile situazione, poiché sanno che un aumento dei tassi di interesse potrebbero eliminare molte di queste, provocando una significativa disoccupazione. Nessuno vorrebbe prendere una decisione così impopolare. Tuttavia, un aiuto può essere proprio dietro l'angolo.
Come anticipato precedentemente, una recessione potrebbe essere in arrivo. Se da un lato porterà qualche sofferenza a passanti innocenti - del resto non c'è film dove a rimetterci sono solo i cattivi - potrebbe tuttavia ad affrontare il nostro problema degli zombie.
Queste aziende sono capaci solo di sopravvivere in tempi di relativo equilibrio finanziario. Molto dell'impatto dell'ultima crisi fu attenuato da azioni finanziarie attuate dalle autorità di regolamentazione e dalle banche centrali.

Il punto fondamentale è che quando i tassi di interesse alla fine iniziano a salire, l'impatto potrebbe essere meno doloroso se questo aiutasse queste aziende a trovare la loro ultima dimora, con un impatto positivo complessivo sull'economia.
Come ogni film horror, è sempre più buio prima dell'alba, e l'eliminazione di queste aziende zombie, purtroppo, colpirà il mercato del lavoro nell'immediato periodo successivo.
Tuttavia, sbarazzarsi di questi zombie che stanno intasando l'economia è in definitiva una buona cosa nel lungo termine, e dovremmo vederla come un ritorno a una sana crescita della produttività.

Eoin Murray, Head of Investment di Hermes Investment Management



Fare Business

numero di 14/11/2018
SOMMARIO di questa settimana

Condividi su LinkedIn