Usa il mouse, frecce o sfoglia se touch
   numero di 31/10/2018
Cover story

Bandelli (Peroni): portiamo il Made in Italy nel mondo

Continueremo a puntare sull'export, soprattutto con il nostro brand Nastro Azzurro, puntando sull'italianità e sui valori che ne hanno fatto la birra premium italiana più venduta e bevuta all'estero

Il Food&Beverage è un settore estremamente dinamico e l'Italia è sicuramente uno dei Paesi con più storia e tradizione nel mondo. Da questo punto di vista Peroni è uno dei nomi di punta, non solo sul nostro mercato, ma anche a livello internazionale. E un comparto quello della birra, che ha dato e può dare molte soddisfazioni. Ne abbiamo parlato con Francesca Bandelli, Marketing & Innovation Director, Birra Peroni.

Come si declina l'innovazione in questo settore, sia in termini di prodotto, sia di marketing?

Quando parliamo di innovazione di prodotto, possiamo parlare di "estensione" del brand e ampliamento della gamma, come nello specifico il lavoro sui brand della famiglia Peroni, con le Peroni Gran Riserva, con l'ultima nata Peroni Gran Riserva Bianca, che si va ad aggiungere alle altre specialità delle Peroni Gran Riserva - Doppio Malto, Rossa e Puro Malto - o su Nastro Azzurro che nell'ultimo anno ha conosciuto novità importanti come il lancio di Nastro Azzurro Prime Brew.
Allo stesso tempo innovazione è anche differenziazione di un prodotto a seconda dei canali di distribuzione, per rispondere alle esigenze del mercato e dei consumatori, come il nuovo lancio fatto su Peroni main brand con la bottiglia dedicata al canale horeca.
In termini di marketing possiamo parlare di innovazione a livello di comunicazione con lo studio di sempre nuove piattaforme, come il lavoro fatto con Nastro Azzurro in questi anni con la piattaforma Crowd per il supporto fattivo al talento italiano. Ma anche consumer engagement e influencer marketing, leve che sfruttiamo sempre di più soprattutto in termini di digital activation.

Peroni è un'azienda simbolo del Made in Italy. Al suo interno però vi sono altri brand di successo, anche internazionali. Come riuscite a valorizzarli al meglio?

Birra Peroni è oggi un'azienda italiana che fa parte di Asahi Europe LTD. Grazie al successo dei propri marchi è diventata una delle maggiori realtà imprenditoriali italiane e uno dei simboli più riconosciuti del Made in Italy nel mondo.
Ogni brand ha un proprio posizionamento e una propria strategia di marketing e comunicazione che tende a valorizzarne le principali caratteristiche, il racconto e i valori che più si legano al target di riferimento. Quindi è importante la definizione delle strategie e delle iniziative più efficaci alla crescita dei singoli brand.

Il brand Peroni ha una forte connotazione territoriale. Quali sono e quali saranno le vostre mosse per i mercati internazionali?

Birra Peroni è italianità, passione per la qualità e per le cose fatte bene. Una realtà estremamente legata alla filiera produttiva, con marchi storici fortemente radicati e integrati nel territorio italiano e conosciuti in tutto il mondo.
Il legame con il territorio italiano è un legame profondo che ha radici antiche ma che rivolge anche lo sguardo al futuro, all'innovazione, allo sviluppo di prodotto e che ci spinge a guardare lontano e ad esportare il nostro Made in Italy nel mondo. Continueremo a puntare sull'export, soprattutto con il nostro brand Nastro Azzurro, puntando sulla forza dell'italianità e sui valori che ne hanno fatto la birra premium italiana più venduta e bevuta all'estero.

Come intendete rafforzare il segmento premium e superpremium con Nastro Azzurro e Asahi Super Dry?


Continueremo a investire in comunicazione sui due brand, sulla loro presenza sul mercato, sul territorio e sul racconto dei profili di qualità e innovazione che i due brand sintetizzano. Nastro Azzurro continuerà a puntare sulla piattaforma del talento italiano, sulla forza del Made in Italy nel mondo, sulla creatività italiana che ci ha portato lontano e sul consolidamento dell'ultima nata Nastro Azzurro Prime Brew.
Asahi Super Dry continuerà il suo lavoro capillare sul territorio per affermarsi nelle aree più interessanti per la marca con selected events, key activities e key partnership per continuare a parlare del gusto "Karakuchi": quel gusto unico, pulito, secco e rinfrescante che è il risultato della filosofia giapponese del Kaizèn applicata al processo produttivo. Il successo di Asahi in Giappone e nel resto del mondo nasce da qui, dallo spirito innovativo, dalla cura del dettaglio e dal miglioramento continuo e la ricerca dell'eccellenza.



Cover story

numero di 31/10/2018
SOMMARIO di questa settimana

Condividi su LinkedIn