Usa il mouse, frecce o sfoglia se touch
   numero di 26/09/2018
Fare Business

Perchè i trasporti sono diventati più costosi
De Martini (Transporeon): oltre al prezzo del gasolio, la capacità di trasporto disponibile oscilla verso uno livello storicamente basso, che spinge i prezzi verso l'alto

La trentaseiesima edizione del Transport Market Monitor (TMM) di Transporeon e Capgemini Consulting rivela una crescita dei prezzi di trasporto a seguito di una diminuzione delle capacità di trasporto e dell'aumento dei costi del carburante. I principali punti salienti della relazione:
- Nel secondo trimestre del 2018, il capacity index è sceso del 36.3% al 70.1 rispetto al trimestre precedente (indice 110.1). Il valore dell'indice nel secondo trimestre 2017 era di 65.8, il che significa che nel secondo trimestre 2018 è aumentato del 6.6% rispetto al 2017.
- L'indice dei prezzi è aumentato nel secondo trimestre del 2018 a un valore di 107.9, che rappresenta una crescita del 17.2% rispetto al primo trimestre 2018 (indice 92.1). In relazione al secondo trimestre 2017, l'indice dei prezzi è aumentato del 6.6%.
- L'indice del gasolio presenta una crescita del 9.3% rispetto al primo trimestre 2018.
- Nel secondo trimestre 2018, il volume del commercio in Europa dovrebbe diminuire dell'11.6% a 2.060 miliardi di euro rispetto al primo trimestre 2018 (2.330 miliardi).
Lars Vitters, Supply Chain Manager in Capgemini Consulting, afferma che "la nostra previsione sui costi di trasporto si è avverata. Nel secondo trimestre, i costi hanno raggiunto il record avuto nel quarto trimestre 2017. Inoltre, è importante sottolineare che i costi di trasporto potrebbero crescere ulteriormente raggiungendo un nuovo record nella seconda metà di quest'anno.
Questo è il risultato diretto della continua crescita dei prezzi del carburante, dei costi dei conducenti e dell'aumento simultaneo della richiesta di trasporto in tutte le industrie".
Secondo Alessandro De Martini, Country Manager Italia di Transporeon, "la capacità di trasporto disponibile oscilla verso uno livello storicamente basso, che spinge i prezzi del trasporto verso l'alto.

Un recente sondaggio di Transporeon dimostra che le più grandi sfide del 2018 per gli spedizionieri sono la carenza di autisti e la riduzione della capacità di carico.
In questo contesto, i due terzi dei provider di servizi di trasporto vede l'espansione dei processi digitali come un'opportunità per ottenere più carichi dai clienti e per ridurre i chilometri a vuoto. Infatti, gran parte della capacità mancante potrebbe essere recuperata da un networking più efficiente tra le aziende speditrici ed una saturazione dei mezzi più efficace".



Fare Business

numero di 26/09/2018
SOMMARIO di questa settimana

Condividi su LinkedIn