Usa il mouse, frecce o sfoglia se touch
   numero di 12/09/2018
Marketing

Il Temporary Store negli Stati Uniti: un'opportunità irrinunciabile per le aziende italiane
Miranda (ExportUSA): continua a crescere il numero di negozi a tempo che puntano a conquistare i consumatori americani 

Negozi a tempo, con un obiettivo ben preciso: offrire un'esperienza d'acquisto unica e prodotti esclusivi, magari a edizione limitata e prezzi vantaggiosi. Un'opportunità irrinunciabile per le aziende italiane che vogliono farsi conoscere dai consumatori americani.
"Il mercato americano - dichiara Lucio Miranda, presidente di ExportUSA, società di consulenza che aiuta aziende e professionisti italiani a entrare, con successo, nel mercato statunitense - sta diventando sempre più complesso e uscire dal coro, soprattutto per una azienda nuova, è indispensabile. Come? Per esempio, sfruttando l'effetto sorpresa dei temporary store (definiti anche Pop Up Store) per guadagnare clienti ed espandere la propria presenza sul territorio. E i numeri lo confermano: solo nel 2017 le vendite generate nei negozi a tempo hanno raggiunto i 10 miliardi di dollari, in aumento del 50% rispetto all'anno precedente".
Marketing, edizioni limitate e prezzi vantaggiosi: la strategia per conquistare i consumatori americani. A causa della crisi del retail, che ha colpito moltissime città degli Stati Uniti, è cresciuto esponenzialmente il numero di negozi sfitti. Usati inizialmente soltanto per fare profitto nel breve periodo, questi spazi si sono evoluti e sono diventati un vero e proprio fenomeno, capace di attrarre un numero sempre crescente di clienti. Non solo shopping, ma anche esperienza di intrattenimento che deve essere amplificata grazie ad un'imponente campagna di comunicazione online e, magari, all'appoggio di qualche influencer.

Cosa si aspettano quindi i fruitori dei Pop-Up in America?

a) il 61% dei clienti cerca prodotti stagionali quando compra nei Temporary Store;
b) il 39% è alla ricerca di prodotti e servizi unici e personalizzati;
c) il 34% si aspetta di trovare prezzi migliori rispetto ad altri canali;
d) il 30% vuole vivere un'esperienza divertente e inedita.

"La chiave vincente - aggiunge Miranda - è il dialogo costante tra tra web e pop up, non solo in termini di viralità, ma anche di vendite. Una volta che il prodotto è stato presentato in store, infatti, sarà possibile continuare a venderlo online.
Grazie ad una rete di partner di altissimo livello, ExportUSA è in grado di offrire alle aziende italiane un canale di vendita diretto e preferenziale, che permetta loro di farsi conoscere attraverso un'azione decisa e creativa, in grado di creare consapevolezza tra la clientela e, dopo la fase di test, aprire le porte al mercato statunitense su vasta scala".

Il supporto di ExportUSA è funzionale a questo tipo di iniziative poiché, attraverso il background di molteplici esperienze, riesce a pianificare ogni step dell'intera operazione, ottimizzandone costi e tempistiche:
- Valutazione portfolio prodotti;
- Costruzione listino per bilanciare le vendite nel temporary shop con il futuro posizionamento;
- Verifica concorrenza americana e compatibilità con altri brand in negozio;
- Ricerca e selezione del personale locale;
- Promozione verso la stampa, i media online e social;
- Invito agenzie e showroom all'evento di lancio;
- Organizzazione spazio interno e arredamento;
- Presentazione del brand a partner commerciali;
- Followup post-chiusura con agenti e showroom.



Marketing

numero di 12/09/2018
SOMMARIO di questa settimana

Condividi su LinkedIn