Usa il mouse, frecce o sfoglia se touch

Editoriale
L'Italia non la Turchia

Sui media si trova frequentemente chi accosta la situazione economica italiana a quella della Turchia, o peggio dell'Argentina. Al di l delle competenze o buonafede di chi ne parla, accostare la crisi dei due Paesi all'Italia profondamente sbagliato. La Turchia (come l'Argentina) vede la situazione precipitare sperimentando la tipica crisi di un Paese emergente che si finanziato in valuta estera, principalmente euro o dollari. In questo modo ha potuto dar vita ad un prodigioso programma di investimenti pubblici per dotare la propria economia di tutte le moderne infrastrutture (strade, porti, aeroporti, ferrovie, ospedali, scuole, ecc.), rivolgendosi ad imprese straniere per la realizzazione, pagate - appunto - in valuta estera. Questo ha portato ad una fortissima esposizione (pubblica e privata) verso le banche spagnole, francesi, tedesche e italiane. Guardando alle partite correnti, a differenza dell'Italia per Ankara non pu contare sul surplus della bilancia dei pagamenti e il debito cresciuto a dismisura. Il rafforzamento del Dollaro, con conseguente svalutazione della Lira turca, ha poi fatto il resto. Il debito italiano in euro, una moneta che lo stato non controlla, ma pu essere considerato in valuta domestica. Peraltro, la maggior fonte di export della Turchia l'oro, mentre il tessuto produttivo costituito principalmente di fabbriche assemblatrici di materiale proveniente dall'estero, quindi non certo produzioni ad alto valore aggiunto, come quelle provenienti dalle nostre PMI. A ben vedere il Paese sperimenta una crescita da far invidia alla Cina (+7,4% l'ultimo dato), ma non abbastanza da generare un surplus, e un'inflazione quasi al 18%. L'emergenza quindi politica, come alcuni analisti rilevano ormai da mesi, mettendo in luce le scelte azzardate di Erdogan. Bastano solo queste poche considerazioni per evidenziare come Italia e Turchia non possono esser messe sullo stesso piano, neanche per ipotesi scolastica.
PS: sarebbe interessante che la Consob istituisse oltre che a quello per le azioni, un registro sulle transazioni delle obbligazioni di qualsiasi specie. E' presente nel regolamento EU n.236 del 14.3.2012. Sapremmo subito chi vorrebbe una nuova guerra dello spread.



Claudio Gandolfo

In questo numero


 

Idee e opinioni

I 10 consigli per tornare al lavoro in modo smart

Perché tutte le aziende sono aziende di tecnologia

La crescita delle richieste di veicoli green traina la domanda di metalli

Cover Story

Iacono (Engie Italia): puntiamo a diventare una energy platform

Finanza e investimenti

Forte calo del Sentiment Index per l'Italia

Recessione mondiale? Non a breve termine

I timori legati alle guerre commerciali non minano l'ottimismo

Trump: nuovi dazi in arrivo?

Misure di stimolo dalla Cina: un appiglio per gli emergenti

Il miglioramento della corporate governance in Europa potrebbe trainare i rendimenti

Immobiliare retail: gli outlet sono protagonisti

Marketing

Il Temporary Store negli Stati Uniti: un'opportunità irrinunciabile per le aziende italiane

Digital Business

Affittare un appartamento a Milano non è mai stato così facile e sicuro

Fare Business

Occupazione: nel 2017 +1,2% su anno, ma troppo poco rispetto ad altri Paesi UE

Oltre 650mila imprese investono nelle competenze ambientali del capitale umano

Le startup al femminile generano un miglior ritorno degli investimenti

Il settore finance cerca figure ad alta specializzazione

L'83% delle aziende innova ma solo il 30% è soddisfatta dei risultati ottenuti

Nelle sfide della cybersicurezza l’automazione è tutto

Sport Business

TAG Heuer rinnova l'accordo con la Ligue 1 per altri tre anni

Leisure

La santa impresa

BusinessCommunity.it
Settimanale economico finanziario

Direttore Responsabile:
Gigi Beltrame

Direttore Editoriale:
Claudio C. Gandolfo

Per informazioni clicca qui.