Usa il mouse, frecce o sfoglia se touch
   numero di 11/07/2018
Finanza e investimenti

Puntare sulle banche italiane ma in chiave tattica
Gannatti (WisdomTree Europe): assumere un'esposizione long sull'indice FTSE MIB Banks potrebbe essere un'operazione remunerativa

Dopo la solida performance registrata tra gennaio e aprile, a maggio i titoli bancari italiani hanno perso bruscamente terreno a fronte del livello di rischio molto più elevato per l'Italia scontato dagli investitori.
L'indice FTSE MIB Banks ha ceduto oltre il 19% nel mese in esame, più del doppio rispetto al calo evidenziato dal più ampio indice MSCI Italy nello stesso periodo. Nei primi cinque mesi del 2018 quest'ultimo ha registrato un modesto rendimento positivo, mentre il FTSE MIB Banks è arretrato di oltre il 7%.
Tuttavia, adesso che l'Italia ha un nuovo governo, un'importante fonte di rischio è svanita. Dato che il sentiment nei confronti dell'Italia tende a trovare ampio riflesso nell'andamento dell'indice FTSE MIB Banks, il prossimo movimento per quest'indice potrebbe essere al rialzo. Con la performance delle prime due settimane di giugno ormai alle spalle, questo trend sembra infatti trovare conferma nell'Indice FTSE MIB Banks che ha performato il 5,72%, rispetto all'Indice MSCI Italy al 2,72% e l'Indice MSCI EMU al 3,18%.
In merito ai rischi, due i parametri principali che continuiamo ad analizzare in relazione al settore bancario italiano. Il primo è il differenziale di rendimento (spread) tra i BTP italiani e i Bund tedeschi. Con riferimento ai titoli decennali, nel 2013 il rendimento del debito italiano era superiore del 3% a quello del debito tedesco. Ci sono voluti circa cinque anni - sino alla fine di maggio 2018 - prima che lo spread tornasse su tali livelli.
Il grafico mostra come il mercato sia passato dal percepire un grado di rischio piuttosto basso sui BTP italiani ad un livello di rischio molto più alto nell'arco di un giorno o due.
Non è possibile investire direttamente in un indice. I risultati passati non sono indicativi di quelli futuri e il valore di qualsiasi investimento può subire variazioni negative.
Tuttavia, in seguito all'annuncio della formazione di un nuovo governo, lo spread è diminuito di 70 punti base, dal 3,0% al 2,3%, suggerendo una riduzione del rischio.
L'altro parametro di rischio che teniamo in considerazione è lo spread dei Credit Default Swap (CDS) sulle banche italiane, relativo agli ultimi cinque anni. Gli spread a maggio si sono ampliati, senza tuttavia avvicinarsi ai livelli osservati nel giugno 2013, indice che i livelli di rischio sono nettamente inferiori a quelli di cinque anni fa.
Naturalmente nessun investimento è privo di rischi, quindi è essenziale trovare un compromesso tra rischio e rendimento. Vale la pena notare che l'indice FTSE MIB Banks presenta attualmente un P/E aggregato di 9,6x, con un rapporto prezzo/valore contabile (P/BV) di 0,7x. Si tratta di multipli di valutazione estremamente bassi, indicativi del fatto che gran parte del rischio è stato già scontato in questo segmento del mercato.

Alla luce di ciò, crediamo che le banche italiane rappresentino attualmente un'opportunità d'investimento interessante. Per chi mira a beneficiare del miglioramento del sentiment nei confronti dell'Italia, assumere un'esposizione long sull'indice FTSE MIB Banks potrebbe essere un'operazione remunerativa in chiave tattica.

Christopher Gannatti, Head of Research, WisdomTree Europe



Finanza e investimenti


Condividi su LinkedIn numero di 11/07/2018
Torna al SOMMARIO








SEGUICI