Usa il mouse, frecce o sfoglia se touch
   numero di 04/07/2018
Finanza e investimenti

OPEC: ridotti i tagli alla produzione di petrolio
Minter (Aberdeen Standard): l'incremento sarà spalmato in modo proporzionale tra i vari Paesi, ma non tutti saranno in grado di estrarre più greggio (come l'Iran e il Venezuela)

Far sì che Paesi con interessi così diversi come quelli di Nigeria, Arabia Saudita, Russia e Venezuela si accordino su qualcosa sarà sempre una sfida. Soprattutto se si parla di argomenti così importanti in termini geopolitici e nazionali come il petrolio. Ciò rende ancora più significativo l'accordo concluso nel novembre 2016 tra l'OPEC e 13 Paesi non OPEC per ridurre l'offerta di petrolio e le scorte in eccesso, il cosiddetto "accordo di Vienna". L'ultima riunione dell'OPEC del 22 giugno ha visto la coalizione mantenere la sua posizione, ma con un cambio di rotta: un rialzo di un milione di barili al giorno, anche se in realtà non saranno più di 600mila, per via delle limitazioni di Iran e Venezuela.
A Vienna era stato raggiunto un accordo perché gli interessi della coalizione erano sufficientemente allineati sull'aumento dei prezzi attraverso il taglio dell'offerta e la razionalizzazione delle scorte. Il caso era ovvio. Le scorte erano a livelli quasi da record. Con la fine delle sanzioni verso l'Iran e la risoluzione delle restrizioni sulla fornitura in Nigeria e Libia, stavano per essere immessi sul mercato altri due milioni di barili al giorno (bpd).
L'accordo ha eliminato 190 milioni di barili dalle scorte esistenti e ha in gran parte rispettato le restrizioni alla produzione che hanno aiutato i prezzi a rimbalzare da 44 dollari al barile a 60 dollari al barile. Quello che non era chiaro nell'accordo di Vienna era cosa sarebbe accaduto quando i tagli avessero svolto il loro compito. I prezzi sono aumentati da 60 dollari a 80 dollari al barile e questo ha costretto i maggiori produttori di petrolio a ripensare l'accordo.
Un fattore significativo in questa rivalutazione è costituito dagli Stati Uniti. I prezzi del petrolio più alti si sono tradotti in prezzi più alti della benzina negli USA, che sono passati da 2,11 dollari per gallone lo scorso gennaio a oltre 3,00 dollari per gallone. Gli americani percepiscono il prezzo della benzina come una tassa più che un fattore legato a domanda e offerta.
Dunque, in vista delle elezioni di mid-term, Donald Trump, che vuole evitare che gli elettori pensino che il governo stia aumentando le tasse (o che ci sia una riduzione dei benefici della riforma fiscale per i consumatori), ha esercitato pressioni sull'Arabia Saudita per svincolare ulteriori scorte a prezzi inferiori. L'Arabia Saudita, che dipende fortemente dal sostegno degli Stati Uniti per la propria agenda regionale, è felice di acconsentire, perché le sue scorte di petrolio sono accessibili in modo facile ed economico, quindi ha poco da temere da prezzi leggermente inferiori.
D'altro canto, anche la Russia ha interesse ad aumentare la produzione. Il Paese ha aumentato la propria capacità produttiva negli ultimi anni. Ciò significa che potrebbe portare la produzione a 400.000 bpd in brevissimo tempo e alcuni segnali indicano che la produzione di giugno sia già arrivata a 100.000 bpd.
Il sistema fiscale russo permette al governo di partecipare ai profitti derivanti dal petrolio all'aumentare dei prezzi, fino a quando non vengono superati i 70 dollari. A quel punto le entrate pubbliche aumentano solo all'aumentare della produzione petrolifera. Le compagnie petrolifere russe sono ansiose di evitare ulteriori aumenti dei prezzi, che favorirebbero l'aumento della produzione statunitense. Non vedono il senso di limitare le proprie scorte favorendo, in questo modo, un aumento della produzione statunitense, fattore che in ultima analisi aumenterà l'offerta e indebolirà i prezzi. Sia il governo che le compagnie petrolifere sono pertanto allineati.
Tutto ciò significa che gli interessi della Russia e dell'Arabia Saudita - i due maggiori produttori tra i firmatari dell'accordo di Vienna - sono ora allineati nella direzione di un graduale aumento della produzione. I due Paesi hanno raccomandato un aumento un'offerta di circa 750.000 bpd alla riunione OPEC. E sono riusciti in questo intento prendendo nuovamente in prestito il linguaggio da banca centrale e "riducendo" a livelli più moderati le attuali restrizioni alla produzione, per poi monitorare i dati prima di aumentare l'offerta.
La maggior parte dei rialzisti del petrolio ritiene che il prezzo dovrebbe essere a circa 80 dollari al barile data l'entità dei problemi geopolitici nel mondo, sostenendo che tali tensioni pesano per circa 15-20 dollari sul prezzo per barile. Due delle maggiori questioni geopolitiche che in questo momento incidono sui prezzi sono il ritorno delle sanzioni verso l'Iran e il timore di un completo esaurimento delle forniture venezuelane.

Tuttavia, le sanzioni avranno un impatto relativamente modesto, di circa 200.000-350.000 bpd, sulla produzione iraniana e i creditori del Venezuela, ossia Cina e Russia, non permetteranno al Paese di chiudere semplicemente la produzione, poiché pretendono che i loro prestiti vengano rimborsati. La combinazione di questi fattori, unitamente al previsto aumento dell'offerta, dovrebbe portare a un assestamento dei prezzi del Brent.
Non dobbiamo infine sottovalutare i risultati ottenuti da Arabia Saudita e Russia grazie all'accordo di Vienna. Sono riusciti a influenzare i prezzi tagliando leggermente la propria produzione per sostenere i membri più deboli come la Libia e la Nigeria e poi immettendo più barili sul mercato per bilanciare le interruzioni di fornitura da paesi come Venezuela e Iran. Questo è esattamente ciò che volevano fare, ma apportare queste modifiche ha comportato un'enorme quantità di lavoro dietro le quinte. Potrebbe essere un rapporto difficile, ma questo deve essere considerato un successo.

Bob Minter, Investment Strategist di Aberdeen Standard Investments



Finanza e investimenti


Condividi su LinkedIn numero di 04/07/2018
Torna al SOMMARIO








SEGUICI