Usa il mouse, frecce o sfoglia se touch
   numero di 28/03/2018
Finanza e investimenti

Stati Uniti e Cina verso il bilateralismo e la BCE perde potere
Waechter (Natixis AM): il protezionismo USA e l'intenzione di Pechino di stabilire autonomamente le proprie iniziative commerciali avranno ripercussioni sul trend di crescita globale

Ogni Paese è tornato a crescere, anche se ognuno di loro vuole imboccare la propria strada. L'unione non è più una questione sul tavolo e l'economia mondiale sta rapidamente prendendo una strada molto diversa.
Durante la ripresa del 2016 e del 2017, la situazione a livello mondiale è stata relativamente stabile, senza grandi squilibri, e le banche centrali hanno ridotto un certo rallentamento al fine di superare eventuali sconvolgimenti. Questo approccio ha funzionato abbastanza bene, consentendo al ritmo di diventare più uniforme nelle varie aree del mondo, stimolando la crescita e lo slancio commerciale, tanto che gli economisti sono stati costantemente costretti ad aggiornare le loro previsioni.
Ma quei tempi sono ormai passati, e questa dimensione cooperativa e coordinata è scomparsa.
In Europa, Emmanuel Macron sembra essere l'unico a sostenere la riforma delle istituzioni europee per garantire che durino nel tempo. Il Cancelliere tedesco Merkel ha dovuto attendere la fine delle consultazioni con il partito SPD per capire e se sarebbe stata in grado di formare un nuovo governo, quindi il governo tedesco non ha più il controllo. Le preoccupazioni circa l'avanzata dell'AfD nei sondaggi erano pienamente giustificate in quanto ora è il principale partito di opposizione.
Nel frattempo, in Italia, i partiti populisti hanno vinto più del 50% dei voti alle elezioni dello scorso 4 marzo e i dubbi sono sempre più diffusi sulla possibilità di formare un governo con un forte orientamento europeo. Anche i dubbi che esistono sulla vera intenzione di Polonia e Ungheria di rimanere membri a pieno titolo dell'UE stanno indebolendo le istituzioni europee.
Quindi la crescita è tornata in Europa, ma le fondamenta politiche dell'area sono instabili e possiamo legittimamente preoccuparci di ciò che accadrà se essa, così come la creazione di posti di lavoro, dovesse rallentare: l'equilibrio politico potrebbe benissimo essere perturbato.
Guardando alla Cina, la Belt and Road Initiative (BRI) definisce una tabella di marcia per il commercio con i Paesi terzi e riflette la volontà del Paese di plasmare le proprie iniziative commerciali come ritiene opportuno per limitare i rischi sulla propria situazione. La logica alla base di questo programma non è necessariamente e pienamente compatibile con l'approccio del WTO.
L'intera questione è particolarmente importante alla luce della recente decisione degli Stati Uniti di applicare i dazi all'importazione sull'acciaio e l'alluminio, con il rischio di ripercussioni a livello mondiale e il pericolo di nuovi squilibri in tutto il mondo, soprattutto in Europa, che è il principale fornitore di importazioni di acciaio degli Stati Uniti. Il nuovo aspetto della situazione attuale è che gli Stati Uniti intendono rivolgersi ora a Paesi tradizionalmente considerati partner, per cui la logica alla base di queste iniziative è problematica.
Tali misure comporteranno probabilmente un aumento della produzione di acciaio e alluminio negli Stati Uniti, in quanto gli impianti di produzione del paese non stanno funzionando a pieno regime e la produzione estera sarà più costosa. Questo è in realtà uno degli argomenti addotti da Trump: gli impianti di produzione possono funzionare a capacità più elevate, per cui le importazioni dovrebbero essere limitate al fine di promuovere la produzione locale.
Ma ciò non sarà sufficiente per soddisfare tutta la domanda statunitense, con i prezzi destinati ad aumentare anche nei settori collegati, e determina allo stesso tempo una diminuzione delle esportazioni in Europa e una pressione sui prezzi per la produzione di acciaio e alluminio non statunitense. Ciò quindi penalizzerà anche i settori europei.
Anche questa iniziativa USA è preoccupante, in quanto sembra essere solo un pezzo del puzzle, piuttosto che l'intero quadro.
La Casa Bianca sembra addirittura voler portare avanti questa strategia, a parte per quei Paesi che chiedono condizioni speciali e sono disposti ad accettare i termini stabiliti da Washington, il che probabilmente non è una buona notizia. Questa strategia implica anche una rottura tra gli Stati Uniti e il WTO e servirà solo a rafforzare ulteriormente i programmi commerciali della Cina.
L'altro aspetto dell'attuale strategia statunitense è che la crescita è spinta verso l'alto da una politica fiscale molto aggressiva, in un'economia basata sulla piena occupazione. In generale, quando la disoccupazione è molto bassa, il disavanzo del governo statunitense diminuisce, il che è logico in quanto i due indicatori, la disoccupazione e il pareggio del bilancio, rispecchiano il ciclo economico complessivo. Il normale andamento di un simile grafico è destinato a essere interrotto nel 2018 dalle azioni della Casa Bianca e del Congresso. La disoccupazione è destinata a rimanere bassa, ma il disavanzo pubblico aumenterà, salirà facilmente al di sopra del 5% e passerà al 5,5% o addirittura al 6% e oltre.
Gli Stati Uniti stanno adottando una mera politica interna. Quando Reagan ha intrapreso mosse di stimolo, l'economia era lungi dall'avere una piena occupazione, a differenza della situazione attuale. L'obiettivo di questo approccio non è quindi macroeconomico, ma piuttosto una strategia di ridistribuzione della ricchezza verso la parte più ricca della popolazione, come dimostrano le simulazioni per il periodo 2018-2027, che è la durata di questa politica fiscale.
Questa politica è destinata a sostenere la domanda interna e ad accentuare ulteriormente lo squilibrio del commercio estero, come già osservato negli ultimi mesi. Inizialmente emergeranno pressioni sul mercato statunitense, quindi possiamo aspettarci una pressione crescente sull' inflazione. Per evitare le ricadute in tal senso, la Fed dovrà agire più rapidamente e con maggiore decisione del previsto, il che significa che nel 2018 si potranno prevedere maggiori aumenti dei tassi (almeno quattro) per frenare gli squilibri innescati dalla politica fiscale.
L'economia statunitense non ha registrato una crescita robusta in tutto il ciclo attuale (a partire dal secondo trimestre del 2009), ma ciò non ha innescato squilibri a lungo termine. La crescita avrebbe potuto durare a lungo, con la politica monetaria che salvaguardava l'equilibrio tra i vari aspetti del ciclo, ma la Casa Bianca ha intrapreso una strada diversa, provocando uno shock sulla politica fiscale insieme a uno shock sul commercio dovuto all' aumento dei dazi doganali.
Ciò dovrebbe portare ad un aumento dei tassi d'interesse da parte della Fed e ad una curva dei rendimenti piatta, in quanto gli investitori punteranno sulla credibilità della Fed la quale cercherà di evitare che le previsioni a lungo termine dell'inflazione incidano sui tassi di interesse di pari durata.
L'altra conseguenza è che la Fed dovrà normalizzare la politica monetaria più rapidamente del previsto, e per far fronte a questa possibilità la BCE non intende correre il rischio di informare il mercato quando cambierà la propria strategia monetaria. Benoit Coeuré è stato chiaro su questo punto durante la sua intervista alla radio francese, e questo riflette come l'indipendenza della BCE sia in via di declino, in quanto la sua strategia ora si basa sulle prossime mosse dalla Fed.

La strategia della Fed è destinata a spingere il dollaro verso l'alto nei mesi a venire, e il differenziale dei tassi d'interesse finirà per avere un impatto, soprattutto se la Fed dovrà accelerare il ritmo degli aumenti dei tassi.
L'aumento dei tassi sarà più rapido e più netto del previsto, per cui la volatilità si farà sentire sui mercati azionari. C'è sempre un ritardo di 18-24 mesi tra il ritocco dei tassi della Fed e l'aumento della volatilità, quindi questo si verificherà tra il 2019 e il 2020.
Le tre grandi aree geografiche non adottano più un approccio coordinato e cooperativo. Gli Stati Uniti e la Cina vogliono stabilire le proprie regole per il commercio internazionale, con il rischio che si allontanino dalle regole del WTO e che riprendano una strategia bilaterale a tutto campo, che non sarà equa per le parti in generale.
Nel frattempo, in Europa, la mancanza di iniziative politiche solleva molti interrogativi. Gli economisti hanno proposto soluzioni, ma questi sono solo castelli in aria se non hanno il sostegno politico.
Lo slancio innescato dalla ripresa si è quindi concluso e l'emergere di un nuovo ordine politico sta portando a incertezze sulla capacità dell'economia mondiale di sostenere il ritmo di crescita raggiunto finora nel 2017 e 2018. La crisi non è finita perché la trasformazione politica non è completa.

Philippe Waechter, Chief Economist di Natixis Asset Management



Finanza e investimenti


Condividi su LinkedIn numero di 28/03/2018
Torna al SOMMARIO








SEGUICI