Usa il mouse, frecce o sfoglia se touch
   numero di 21/02/2018
Idee e opinioni

Best Countries Report 2018: la Svizzera è il miglior Paese del mondo
Sable (Y&R): gli stati, proprio come i brand, devono focalizzarsi su un'ampia gamma di attributi per migliorare il proprio profilo e catturare il pubblico

La Svizzera mantiene la sua posizione di Paese N.1 al mondo, in base al Report Best Countries  2018, classifica realizzata da uno studio di Y&R BAV Group, U.S. News & World Report, e Wharton School della University of Pennsylvania. Per il terzo anno, la classifica valuta 80 Paesi in base a una serie di criteri, da influenza economica e potere politico a qualità di vita dei cittadini, in modo da comprendere come le nazioni sono percepite a livello mondiale.
Per la prima volta è stata chiesta agli intervistati anche la loro opinione sui principali leader mondiali.
Il primo Ministro del Canada Justin Trudeau e la Cancelliera tedesca Angela Merkel sono considerati i leader più stimati, mentre il Presidente americano Donald Trump e il Presidente russo Vladimir Putin hanno ricevuto il rating più alto in termini di disapprovazione.
Tra i top business leader, Eric Schmidt presidente esecutivo di Alphabet, casa-madre di Google, è risultato il più stimato.
Vediamo i pricipali risultati del report.
La Svizzera è al 1° posto, seguita dal Canada, in quanto i Paesi che attuano politiche sociali e ambientali progressiste dominano la classifica in generale. Le nazioni del Nord - Svezia, Finlandia, Danimarca e Norvegia - si posizionano nei primi 15 posti. La Danimarca è al 1° posto per le politiche nei confronti di donne e bambini e la Svezia vince sul fronte del green living.
La Germania è salita al 3° posto, mentre la Gran Bretagna è scesa al 4°. La reputazione della Germania come nazione aperta, con un governo all'insegna della trasparenza ed una forte attenzione all'uguaglianza di genere, l'ha portata a salire di un gradino nella classifica. La discesa della Gran Bretagna invece è un segnale della mancanza di fiducia nel suo potere economico post-Brexit.
Il Giappone rimane 5°, grazie a punteggi molto alti per imprenditorialità, economie emergenti e tradizione. Singapore e Cina, rispettivamente N°16 e N°20, sono tra i Paesi meglio classificati in Asia, grazie al forte potenziale di crescita economica.
Gli USA scendono di un posto e si classificano ottavi, dopo Svezia e Australia, cedendo terreno in due categorie: apertura al business ed economie emergenti. É diminuita la percezione degli USA come Paese politicamente stabile, democratico e aperto. Tuttavia rimane la percezione che siano la nazione più potente per il terzo anno di fila, seguiti dalla Russia al 2° posto.
Il Lussemburgo risulta essere il Paese più business-friendly, la Germania è al primo posto per l'imprenditorialità mentre la Svizzera è il Paese più adatto dove stabilire l'headquarter di una corporation.
La Gran Bretagna è al top per l'istruzione, il Canada per la qualità della vita e la Nuova Zelanda per ritirarsi in pensione. Il Brasile è il primo Paese da visitare, mentre l'Italia (N°15 in classifica generale) è percepita come una nazione trendy e si posiziona al top per cibo eccellente, moda e tradizioni.

"Guardando i Paesi che sono al top della classifica quest'anno, appare evidente che la forza militare e il potere economico non sono elementi determinanti per il successo del Paese come brand.
Il report Best Countries dimostra ancora una volta che gli stati, proprio come i brand, devono focalizzarsi su un'ampia gamma di attributi per migliorare il proprio profilo e catturare il pubblico, anche le nazioni che rispecchiano un'ampia gamma di caratteristiche, tra cui l'innovazione, hanno l'appeal che consente di emergere sul palcoscenico globale", ha commentato David Sable, Global CEO di Y&R.



Idee e opinioni


Condividi su LinkedIn numero di 21/02/2018
Torna al SOMMARIO








SEGUICI