Usa il mouse, frecce o sfoglia se touch
   numero di 17/01/2018
Sport Business

Wanda Group valuta l'IPO per le sue unità sportive
Secondo la Reuters, riguarderebbe una quotazione ad Hong Kong per asset come Infront, World Triathlon Corp e Ironman

Il conglomerato cinese Wanda Group sta meditando una quotazione ad Hong Kong per le sue attività sportive come parte degli sforzi per ristrutturare il suo portafoglio, secondo quanto riportato dalla Reuters. L'agenzia di stampa, citando cinque persone che coinvolte con la situazione, ha detto che il mese scorso Wanda si è rivolta alle banche di investimento per una potenziale offerta pubblica iniziale (IPO) delle sue attività sportive. Citic Securities, la più grande società di brokeraggio della Cina, è considerata una delle banche coinvolte.
Ricordiamo che Citic è stata più volte identificata come una delle aziende finanziarie coinvolte a qualche titolo con la proprietà attuale dell'AC Milan, e che la quotazione ad Hong Kong del team rossonero è già stata dichiarata come evoluzione naturale per la crescita societaria.
Reuters ha detto che una IPO delle attività sportive di Wanda includerebbe l'agenzia Infront e la World Triathlon Corp, l'organizzatore e promotore della serie di triathlon Ironman, che sono stati acquisiti per 1,2 miliardi e 650 milioni di dollari, rispettivamente, nel 2015.
L'offerta azionaria includerà anche i piccoli asset sportivi di Wanda in Cina, come le leghe ciclistiche e di basket, ma non il 20% del consorzio holding della squadra di calcio spagnola Atletico Madrid. L'IPO è stata studiata per Hong Kong, ma si dice che siano presi in considerazione anche gli Stati Uniti.
Le mosse di Wanda nel settore dello sport, dell'intrattenimento e della proprietà di team, sono state colpite lo scorso anno dopo che il governo cinese si è mosso per reprimere i forti trasferimenti di capitali all'estero.
A luglio, il Ministero del commercio cinese aveva esortato le aziende nazionali a procedere con cautela quando investono in proprietà all'estero come le squadre sportive. Ma se leggiamo attentamente le parole di Gao Feng, portavoce del Ministero del commercio cinese, quando gli è stato chiesto degli investimenti di Wanda, di proprietà di Wang Jianlin, uno degli uomini più ricchi della Cina, vediamo che c'è molto di più rispetto allo sport.
"Per quanto riguarda gli investimenti in uscita in real estate, alberghi, cinema, intrattenimento e club sportivi, suggeriamo che le imprese rilevanti prendano decisioni con cautela", ha detto Gao. Quindi il perimetro della cautela si allarga, ma non parla di divieti. Questi ultimi sarebbero però aggirati da Wanda dalla quotazione ad Hong Kong.

Reuters inoltre ha aggiunto che Wanda sta anche considerando un round di finanziamento pre-IPO per le sue unità sportive. Tuttavia, tutti i piani sono solo in una fase iniziale, in quanto Wanda sarebbe alla ricerca di un Chief Financial Officer (CFO) per il business degli sport, allo scopo di guidare gli sforzi di reperimento dei fondi.



Sport Business

numero di 17/01/2018
SOMMARIO di questa settimana

Condividi su LinkedIn