Usa il mouse, frecce o sfoglia se touch
   numero di 10/01/2018
Finanza e investimenti

Mercati emergenti: prospettive favorevoli a fronte di una ridotta liquidità del dollaro
Secondo l'outlook di Credit Suisse, continua in quasi tutti i Paesi la crescita economica, nonostante il previsto rallentamento della Cina

Le prospettive per il 2018 riguardo ai principali mercati emergenti sono generalmente positive. La prevista tendenza a una moderata decelerazione della crescita cinese non dovrebbe penalizzare in maniera significativa l'espansione altrove. Potrebbe invece causare qualche difficoltà la minore liquidità del dollaro statunitense in seguito a un inasprimento della politica monetaria della Federal Reserve.

Asia: crescita più sostenuta in tutta la regione

Le prospettive di crescita sono promettenti nella maggior parte dei paesi asiatici. In India, il rallentamento dovuto agli shock di politica economica del 2016 e 2017 dovrebbe lasciare spazio a una ripresa nel 2018. Anche altrove, il quadro si presenta sostanzialmente solido.
Per l'Indonesia si prevede una crescita leggermente superiore al 5% trainata perlopiù dai consumi privati. Le partite correnti potrebbero invece registrare un peggioramento e mettere sotto pressione la valuta e l'inflazione. Le principali economie orientate all'esportazione, Corea del Sud e Taiwan, dovrebbero continuare a beneficiare della ripresa globale e del recupero dei consumi privati e della spesa in conto capitale delle imprese.

EMEA: benefici dell'espansione dell'Eurozona e prezzi delle materie prime più stabili

Per quanto riguarda l'Europa centrale e orientale, si prospetta un'evoluzione particolarmente positiva in Polonia, Repubblica Ceca, Ungheria e in molte economie minori, che continuano a beneficiare della tendenza all'outsourcing da parte delle aziende dell'Europa occidentale e della ripresa ciclica in atto nell'Eurozona.
In Russia, l'economia dovrebbe proseguire sulla strada del recupero, beneficiando di prezzi delle materie prime più stabili nonché di un'inflazione bassa e di tassi d'interesse in calo. La ripresa europea e mondiale ha ricadute positive anche sulle industrie della Turchia, nonostante dipendano dall'afflusso di capitali esteri. Le previsioni per il Sudafrica sono offuscate dall'incertezza politica ma le forze riformiste del paese sembrano guadagnare terreno.

America latina: elezioni storiche in Brasile e Messico

Gli sviluppi politici in America latina determineranno le prospettive economiche per la regione. In Brasile, dopo anni di scandali e incertezze, è probabile che sarà eletto un presidente riformista in grado di attuare le iniziative a sostegno della ripresa economica di cui vi è grande necessità.

In Messico, le elezioni sono in programma a luglio del 2018. Con il candidato di sinistra López Obrador attualmente in testa ai sondaggi, le prospettive di ulteriori riforme economiche per il paese sono piuttosto incerte. Sebbene i nuovi negoziati NAFTA contribuiscano all'incertezza, ci attendiamo che la crescita del Messico sia grosso modo in linea con quella degli anni precedenti. Le politiche di riforma in corso in Argentina dovrebbero proseguire anche dopo le elezioni del Congresso nell'ottobre del 2017.



Finanza e investimenti


Condividi su LinkedIn numero di 10/01/2018
Torna al SOMMARIO








SEGUICI