Usa il mouse, frecce o sfoglia se touch
   numero di 13/12/2017
Sport Business

Tudor diventa sponsor della World Rugby
Con il mantra "Born to Dare", l'accordo pluriennale coprirà la Coppa del Mondo maschile, femminile, a 7, under 20 e i World Rugby Awards

La casa di orologi svizzera Tudor ha siglato una partnership ad ampio raggio con la World Rugby per sponsorizzare una serie di eventi legati alle competizioni per squadre nazionali.
L'accordo della validità di sette anni nomina Tudor come il cronometrista ufficiale delle Coppe del Mondo di rugby 2019 e 2023, della Coppa del Mondo femminile di rugby 2021, della Coppa del Mondo di rugby Sevens (si gioca a 7) nel 2018 e 2022, oltre che dell'annuale Campionato mondiale di rugby U20. La World Rugby ha dichiarato che l'accordo è il più importante del suo genere per la federazione.
Tudor sarà inoltre "partner di presentazione" per la World Rugby Hall of Fame e del World Rugby Breakthrough Player Award per le edizioni 2017 e 2018.
I World Rugby Awards premiano l'eccellenza in questo sport. In qualità di sponsor della categoria World Rugby Breakthrough Player of the Year, Tudor premia il giocatore più meritevole del titolo di rivelazione dell'anno a livello globale. Si tratta di individui che seguono la loro passione e fanno tesoro delle esperienze passate per realizzare la propria aspirazione a migliorarsi fino al massimo delle loro possibilità.
Il presidente del World Rugby, Bill Beaumont, ha dichiarato: "Siamo entusiasti della nostra partnership di lungo termine con Tudor. In linea con il mantra di Tudor "Born to Dare" (Nato per osare), il World Rugby ha la missione di far crescere il nostro sport al di là dei suoi mercati e comunità tradizionali, e non vediamo l'ora di lavorare con Tudor per promuovere la proiezione del rugby in un contesto globale".

Tudor ha in essere anche una partnership con il New Zealand Rugby, i mitici All Blacks. Le due parti hanno esteso la loro collaborazione a maggio, anche se la durata del nuovo accordo non sia stata divulgata.

 



Sport Business


Condividi su LinkedIn numero di 13/12/2017
Torna al SOMMARIO








SEGUICI