Usa il mouse, frecce o sfoglia se touch
   numero di 01/11/2017
Finanza e investimenti

S&P: la storia potrebbe ripetersi?
Lafferty (NGAM): il mercato oggi è caratterizzato da fattori che sono simili al 1987, quando l'indice sprofondò di 508 punti in una sola seduta

I confronti storici tra le diverse situazioni di mercato sono sempre un po' fuori luogo: i tempi cambiano e i confronti diretti non sono mai perfetti. Ma in occasione del 30° anniversario del crollo di Wall Street del 1987, vediamo alcuni elementi di vulnerabilità che ricordano il caos che si è venuto a creare quando l'indice S&P500 sprofondò di 508 punti, perdendo oltre il 20% del suo valore di mercato in un'unica seduta. Mentre le vendite di questa entità sono oggi limitate dalle regole di scambio, gli investitori dovrebbero riconoscere i rischi del mercato odierno.
Anche se non vi è alcuna certezza, è molto probabile che i programmi di trading e le strategie di "assicurazione del portafoglio" abbiano giocato un ruolo chiave nel crollo dell'87. Non sembra però che la lezione sia stata imparata, dal momento che negli anni recenti abbiamo assistito a una crescita importante delle strategie di trading quantitativo e algoritmico, tra cui i CTA, le strategie managed futures, le risk parity products o le strategie di hedging o protection. Questi approcci osservano il mercato e reagiscono in tempo reale, creando il rischio di circoli viziosi significativi e spirali dei prezzi. Alcuni hanno assimilato le strategie momentum come un fattore chiave che può portare anche a una dilatazione dei movimenti di prezzo sia verso l'alto che verso il basso.
Benché non gemelle, alcune di queste strategie sono in qualche modo simili alle tattiche di assicurazione del portafoglio spesso giudicate responsabili del crollo del 1987. Molte di queste strategie hanno un'importanza vitale nel portafoglio, in quanto offrono nuove opportunità di rendimento, diversificazione o gestione del rischio. Tuttavia, gli effetti che si creano quando troppi attivi confluiscono in strategie simili nello stesso momento dovrebbero preoccupare gli investitori. Oggi i modelli di gestione del rischio e le tecniche hanno fatto molta strada. Certo, sono stati apportati dei miglioramenti, ma gli investitori dovrebbero essere prudenti.
Il mercato oggi è caratterizzato da fattori che sono simili a quel periodo. La Federal Reserve stava iniziando a stringere i rubinetti, l'espansione economica statunitense si stava infatti protraendo da un po' di tempo, e gli investitori erano preoccupati delle eccessive valutazioni. Come alla fine degli anni '80, la forza oggi dell'economia globale sta nascondendo alcune vulnerabilità del mercato.
Mentre non ci aspettiamo che si ripeta ciò che è accaduto nel 1987, dobbiamo riconoscere che alcuni cigni neri, per definizione, sono inattesi. Per assurdo i bassi livelli del VIX contraddicono i potenziali shock futuri. Indipendentemente dai fattori catalizzatori, crediamo che la crescita quantitativa e algoritmica del trading possa aumentare le perdite future. Come nel 1987, il mercato oggi rappresenta oggi la teoria della "Tragedia dei Comuni". Gli investitori individuali hanno più strumenti per proteggersi di fronte a valutazioni estese e banche centrali meno accomodanti. Comunque, a livello aggregato, il desiderio di protezione dai ribassi e le strategie col pilota automatico potrebbero generare maggiori perdite in futuro.


Dave Lafferty, Global Chief Strategist, Natixis Global Asset Management



Finanza e investimenti


Condividi su LinkedIn numero di 01/11/2017
Torna al SOMMARIO








SEGUICI