Usa il mouse, frecce o sfoglia se touch
   numero di 01/11/2017
Finanza e investimenti

Le strategie alternative stanno entrando in un'era favorevole?
Ritchey (K2 Advisors): rischio geopolitico e normalizzazione dei tassi d'interesse da parte della Fed potrebbero offrire opportunità in questo segmento

Per parecchi anni, il quadro macroeconomico per le strategie alternative non è stato ideale. Ora pensiamo che la situazione potrebbe stare cambiando. In alcuni Paesi, la politica monetaria sembra in fase di cambiamento, le valute stanno diventando più volatili e negli ultimi tempi si sono intensificati i rischi geopolitici. Riteniamo che questi elementi fondamentali possano imprimere slancio all'alfa delle strategie alternative e creare nuove opportunità per gli investitori in questo segmento.
Vorremmo sfatare il mito che tutte le strategie alternative siano super-potenti ed ultra-efficienti e sostenere che in realtà intendono essere strategie monotone, a bassa volatilità. Ma le strategie alternative possono anche offrire diversificazione e potenziale crescita del capitale nel lungo termine.
A nostro giudizio, i bassi tassi d'interesse sono un fattore spesso trascurato in riferimento alla performance delle strategie alternative. Ora che i tassi d'interesse negli Stati Uniti stanno lentamente ma costantemente risalendo da minimi storici, pensiamo che alcune strategie alternative potrebbero avere nuove opportunità per dimostrare il proprio valore.
Qualora la Federal Reserve (Fed) dovesse continuare ad aumentare i tassi d'interesse quest'anno ed il prossimo, riteniamo che si potrebbe creare un contesto molto favorevole per alcune strategie alternative. L'aumento dei tassi d'interesse è stato storicamente associato a correlazioni più basse tra gli asset, facendo emergere maggiori opportunità per le strategie alternative.
Inoltre, l'incremento dei tassi si è di norma tradotto in periodi successivi di alfa superiore alla media, come indicato dall'Indice Hedge Fund Research Index Fund Weighted Composite Index (HFRIFWI).
Il secondo grafico illustra una correlazione positiva tra alfa e tassi d'interesse. Il livello medio di alfa è salito al massimo del 14,07% durante il periodo di misurazione, nel corso del quale il rendimento dei Treasury statunitensi decennali si è assestato sul 7,05%. Alla luce di quanto osservato in passato, pensiamo che i gestori di strategie alternative potrebbero avere l'opportunità di fruire di tale alfa, o sovraperformance, a mano a mano che i tassi d'interesse statunitensi continuano a salire.
Il rischio geopolitico è un altro elemento che a nostro avviso dovrebbe portare ad un cambiamento nel panorama delle strategie alternative. Sulla scia delle recenti tensioni geopolitiche, gli spread sulle valute principali hanno registrato un ampliamento e storicamente gli spread più ampi hanno giovato all'alfa delle strategie alternative. Ciò è particolarmente evidente nelle economie del Gruppo dei Sette (G7), in quanto esse si coordinano nell'intento di gestire i tassi di cambio primari in modo da conservare uno stretto legame tra le loro valute.
Di conseguenza, potremmo non essere ancora nell'età dell'oro per le strategie alternative (il contesto più ideale per i gestori al fine di sfruttare l'alfa), ma è possibile che ci stiamo avvicinando all'età dell'argento, in cui cominciano ad emergere opportunità favorevoli.

Fattori che influenzano lo sfruttamento di alfa

A) Tassi d'interesse: i tassi d'interesse più elevati hanno storicamente giovato all'alfa delle strategie alternative, sostenendolo. Quando i tassi d'interesse sono bassi, le società sono poco incentivate a risanare i bilanci e ristrutturare il debito.
b) Consistenti fluttuazioni delle valute G7: i gestori di strategie alternative possono beneficiare della maggiore volatilità valutaria mediante operazioni su coppie di titoli (pair trade) e spread, come pure della maggiore dispersione dei prezzi dei titoli in tutto il mondo.
c) Ampie differenze nei rapporti prezzo-utile (P/U) nei settori azionari: più grande è il divario, maggiori sono le opportunità per i gestori di beneficiare potenzialmente dei settori azionari che evidenziano un rapporto P/U inferiore alla media, che indica che un settore potrebbe essere sottovalutato o, al contrario, di rapporti P/U superiori alla media, che potrebbero indicare un valore eccessivo.

Allocazione ai temi d'investimento

Quando cambiano le condizioni, non tutte le strategie alternative reagiscono allo stesso modo. Prevediamo per esempio che il segmento delle strategie alternative event driven potrebbe trovarsi di fronte a difficoltà nel momento in cui le banche centrali di tutto il mondo comincino a normalizzare i tassi d'interesse. Le strategie alternative event driven cercano spesso di trarre profitto dall'attività sul fronte delle operazioni societarie di fusione ed acquisizione (M&A), che potrebbe diminuire a mano a mano che i tassi d'interesse salgono.

Tuttavia, le strategie global macro potrebbero beneficiare degli aumenti dei tassi. Negli ultimi due mesi il segmento global macro ha registrato un incremento del volume di negoziazioni e ci attendiamo che tale tendenza persista.
In conclusione, abbiamo osservato segnali indicanti che l'attuale panorama di mercato potrebbe diventare un terreno fertile per alcune strategie alternative, ma siamo solo all'inizio e riteniamo che durante questa età dell'argento potrebbero emergere altre opportunità.

Brooks Ritchey, Senior Managing Director e Head of Portfolio Construction di K2 Advisors
 



Finanza e investimenti


Condividi su LinkedIn numero di 01/11/2017
Torna al SOMMARIO








SEGUICI