Usa il mouse, frecce o sfoglia se touch
   numero di 27/09/2017
Fare Business

Mercato Meetings & Events: costi e trend da tenere sotto controllo nel 2018
Fisher (CWT): sono attesi incrementi del 3,7% nelle tariffe alberghiere e del 3,5% in quelle aeree per il prossimo anno

Il costo giornaliero per partecipante ai meeting ed eventi è aumentato a livello globale nel corso del 2017 e il medesimo trend è atteso per il prossimo anno, secondo il report  Meetings and Events Future Trends 2018.
Pubblicato da CWT Meetings & Events (CWT M&E), la divisione dedicata agli eventi di Carlson Wagonlit Travel, il report mette in evidenza le previsioni dei costi e le differenze tra i vari Paesi, nonché gli ultimi trend del settore e le destinazioni top.
"I costi stanno aumentando nei principali mercati M&E a livello globale ed è probabile che il trend prosegua in questo senso", afferma Cindy Fisher, senior vice president e global head di CWT M&E. "Anche perché sono attesi incrementi del 3,7% nelle tariffe alberghiere e del 3,5% in quelle aeree per il prossimo anno".
Di conseguenza si avrà un impatto significativo su alcune delle destinazioni top a livello globale come Londra, San Paolo e Rio de Janeiro, anche se alcune delle location più utilizzate in queste città potrebbero registrare un calo nei costi per il prossimo anno.
La capacità dell'industria del trasporto aereo globale dovrebbe aumentare circa del 7% nel 2017 e del 6% nel 2018. La segmentazione delle tariffe sta attirando sempre più viaggiatori visto che possono scegliere tra varie opzioni, da tariffe economy base molto restrittive fino a tariffe che includono una serie di servizi aggiuntivi. Per quanto riguarda gli hotel, i fornitori stanno progressivamente spingendo i corporate buyer ad abbandonare le tariffe fisse negoziate, in favore di quelle dinamiche.

Trend e suggerimenti per migliorare la gestione di meeting ed eventi nel 2018

Il report mette in evidenza gli ultimi trend dell'industria e fornisce alcuni indicazioni, andando anche al di là dei numeri per considerare gli aspetti più importanti nell'organizzazione di un meeting o un evento. Ecco i 5 suggerimenti top:
1. Focalizzarsi sul "perchè" - Avere obiettivi chiari sin dal principio e utilizzarli per definire il budget. Ma anche porre maggiore attenzione all'engagement dei partecipanti e misurarlo.
2. Budget - Iniziare sempre considerando il valore che il meeting o l'evento possono generare. Dimostrare in modo chiaro il ROI è fondamentale per la continuità degli investimenti e per creare meeting di successo.
3. Esperienza dei partecipanti - Semplificare il più possibile l'intero processo.
4. Tecnologia - Usare la tecnologia per facilitare la comunicazione e creare un'esperienza user-friendly personalizzata per ogni partecipante.
5. Sicurezza - Pianificare i meeting ed eventi, tenendo conto in ogni situazione dei rischi sia dal punto di vista fisico che della cyber security, evitando disagi ai partecipanti.
Vediamo nel dettaglio le due aree principali, l'EMEA e il Nord America

Europa, Medio Oriente e Africa (EMEA)

Il costo giornaliero per partecipante ai meeting ed eventi in Europa, Medio Oriente e Africa è aumentato del 4% quest'anno. I costi stanno aumentando sensibilmente, mentre l'economia resta stabile, tenendo conto della fluttuazione della moneta e dell'inflazione. Ci si attende che questo trend continui per tutto il 2018.
Inoltre, la Brexit potrebbe rappresentare un elemento di grande cambiamento in Europa. Ad oggi, la conseguenza più significativa è stato l'aumento dei flussi verso il Regno Unito grazie alla perdita di valore della sterlina. Tuttavia, è troppo presto per definire l'impatto effettivo della Brexit: il quadro definitivo si avrà entro il 2019, quando il Regno Unito dovrebbe lasciare formalmente l'Unione Europea.
Il mercato alberghiero in EMEA non mostra una forte pressione sull'offerta, come accade in America. Gli hotel sempre più spesso disaggregano i costi: ci si sta spostando da tariffe negoziate a massimali di spesa e da tariffe giornaliere per partecipante a tariffe relative alla camera, al food and beverage, ai servizi audio-video, ecc.
Secondo i dati Cvent, le prime 10 destinazioni M&E in Europa, Medio Oriente e Africa nel 2017 sono:
1. Londra, Regno Unito
2. Barcellona, Spagna
3. Berlino, Germania
4. Amsterdam, Olanda
5. Parigi, Francia
6. Madrid, Spagna
7. Francoforte, Germania
8. Roma, Italia
9. Monaco di Baviera, Germania
10. Praga, Rep. Ceca
L'impatto del tema sicurezza sulla scelta delle destinazioni in Europa, Medio Oriente e Africa è senz'altro importante, e diversi Paesi non vengono più presi in considerazione. Gli attacchi terroristici a Barcellona, Berlino, Londra, Manchester e Parigi hanno avuto ripercussioni negative, anche se sul breve termine.
Al contrario, Italia e Portogallo sono sempre più apprezzate grazie a tariffe equilibrate. Germania e Regno Unito continuano a restare tra le favorite. Mete specifiche, quali Berlino, Düsseldorf, Colonia e Vienna stanno diventando ancora più interessanti.

Vi sono, inoltre, nuove destinazioni emergenti per i viaggi incentive quali Bordeaux, Tolosa e Palma di Maiorca, favorite dalla costruzione di nuove strutture e servizi, dai buoni collegamenti già esistenti o in via di sviluppo e dai prezzi convenienti.

Nord America

In Nord America il costo giornaliero per partecipante è aumentato del 3% nel 2017, in presenza di una crescita dell'offerta leggermente superiore alla domanda. Negli USA i prezzi di hotel e trasporti aerei sono attesi in aumento del 2,5% nel 2018.
Inoltre, poiché il turismo domestico leisure è in aumento, alcuni hotel e resort potrebbero limitare gli "allotment" di camere nei periodi di picco.
Secondo i dati delle prenotazioni CWT, le prime 10 destinazioni M&E nel Nord America per il 2017 sono:
1. New York, USA
2. Toronto, Canada
3. Cupertino/San José, USA
4. Chicago, USA
5. Indianapolis, USA
6. San Francisco, USA
7. Austin, USA
8. Houston, USA
9. Orlando, USA
10. Las Vegas, USA
Destinazioni quali Hawaii, Washington DC e la regione vinicola della California restano tra le favorite per i meeting e gli eventi. Inoltre, alcune località dell'Arizona potrebbero diventare più popolari grazie all'apertura di nuove strutture nel 2018.



Fare Business


Condividi su LinkedIn numero di 27/09/2017
Torna al SOMMARIO








SEGUICI