Usa il mouse, frecce o sfoglia se touch
   numero di 20/09/2017
Finanza e investimenti

Biotech: un mercato in forte risalita
Secondo il team di gestione di Pharus Sicav, l'innovazione costituisce il fattore trainante per il settore, per il quale ci si attende una piena ripartenza

Lunedi 27 agosto, il colosso biotech Gilead Siciences ha annunciato l'acquisizione di Kite Pharma per circa 11,9 miliardi di dollari. È stata la risposta forte a tutti quegli investitori e analisti che da tempo richiedevano alla società un impiego per l'enorme ammontare di cassa disponibile.
Con l'acquisizione Gilead diventa il leader nel settore delle terapie cellulari CAR-T (Chimeric Antigen Receptor T) assieme a Juno e alla svizzera Novartis. Proprio quest'ultima, pochi giorni dopo, ha ottenuto l'approvazione da parte dell'FDA della sua terapia CAR-T.
Semplificando, le terapie CAR-T hanno la capacità di trasformare le cellule dei pazienti in una sorta di "farmaco vitale", insegnando loro a riconoscere le cellule tumorali e ad attaccarle per distruggerle. In pratica è lo stesso sistema immunitario di un individuo che viene in parte modificato per fare i conti con il tumore, per questo vengono chiamate anche con il nome di immunoterapie.
Essendo una terapia personalizzata il farmaco potrebbe costare fino a 600 mila dollari.Dopo Novartis, Kite dovrebbe essere la prossima a vedersi approvata la sua terapia CAR-T. Secondo esperti il mercato globale delle terapie CAR-T varrà 8.5 miliardi di dollari entro il 2028 e c'è chi pensa che questa sia una stima conservativa.
La notizia dell'acquisizione di Gilead è stata accolta in maniera molto positiva da parte del mercato. La società ha un ottimo track-record nelle acquisizioni, basti pensare che anche la terapia contro l'epatite C è frutto di una passata acquisizione successivamente sviluppata e lanciata da Gilead con il nome di Sovaldi, farmaco da tutti conosciuto per le sue vendite record. Il premio pagato si attesta al 29% rispetto alla chiusura del giorno prima e al 66% rispetto alla valutazione dell'azienda 12 mesi fa. A seguito di questo newsflow positivo il fondo Pharus Sicav Biotech ha messo a segno una settimana da oltre +6%, portando la performance YTD a +22.16%. (dati al 01.09.2017).
Dopo le ultime brillanti performance è interessante guardare il grafico del prezzo dell'indice Nasdaq Biotech, indice di riferimento, paragonato alle stime sugli utili del settore. Il mercato sta riscoprendo i fondamentali e il gap prezzo-utili si sta riassorbendo.

Sul mercato potrebbe permanere della volatilità dato il clima di incertezza sul futuro della sanità statunitense che al momento non appare prevedibile con precisione. Continuiamo, però, a mantenere una view costruttiva nei confronti del comparto biotecnologico, in quanto crediamo nella forza e nella persistenza dei fondamentali. Siamo convinti che l'innovazione costituisca il fattore trainante per il settore, per il quale ci attendiamo dunque una piena ripartenza.
 



Finanza e investimenti


Condividi su LinkedIn numero di 20/09/2017
Torna al SOMMARIO








SEGUICI