Usa il mouse, frecce o sfoglia se touch
   numero di 30/08/2017
Idee e opinioni

Gli imprenditori over 50 sono una risorsa per l'economia mondiale
Herrington (GEM): hanno una forza intatta per la stabilità economica e offrono spesso "dividendi d'oro" alle economie che lottano contro l'invecchiamento delle popolazioni e che pongono un onere sproporzionato sulle risorse

Il 18% degli adulti di età compresa tra i 50 ei 64 anni e il 13% tra i 65 ei 80 anni sono autonomi rispetto al solo 11% degli adulti tra i 18 e i 29 anni. Il 18% di "invecchiati" (da 30 a 49 anni) sono autonomi. Tuttavia, i programmi e il sostegno dell'imprenditorialità sono generalmente orientati verso segmenti più giovani.
E' ciò che emerge dalla relazione del Global Entrepreneurship Monitor (GEM) sull'imprenditorialità senior, che raccoglie dati raccolti tra il 2009 e il 2016 sull'attività imprenditoriale in 104 Paesi. Il campione, considerevole, comprende 1.540.397 adulti di età compresa tra i 18 ei 80 anni in cinque regioni del mondo - Sud est asiatico (SSA), Medio Oriente e Nord Africa (MENA), Sudafrica (SEA), America Latina e Caraibi (LAC) e i Paesi della cultura europea (ECC).
"Il successo imprenditoriale e la prosperità non hanno limiti d'età", ha dichiarato Mike Herrington, direttore esecutivo di GEM. "Mentre la percezione tradizionale dell'imprenditorialità è legata alla gioventù ed alla forza che essa propaga, i dati ci mostrano che, in molti aspetti, le persone anziane sono una forza imprenditoriale significativa".
Tuttavia, i programmi e il sostegno dell'imprenditorialità sono generalmente orientati verso segmenti più giovani. La relazione suggerisce che un supporto specializzato per gli imprenditori più anziani potrebbe aiutare a sfruttare i vantaggi per la stabilità economica, soprattutto nelle economie in cui l'imprenditoria senior è sotto-rappresentata.
Secondo Thomas Schøtt, professore d'imprenditoria presso l'Università del Sud della Danimarca e autore della relazione, gli imprenditori anziani portano con sé una serie di vantaggi - economici, sociali e ambientali - che la relazione indica come "dividendi d'oro". Questi benefici includono anche la riduzione della pressione dovuta ad un invecchiamento della popolazione.
"Ogni adulto anziano che sia un lavoratore autonomo, ha meno probabilità di essere un onere finanziario per la società ed allo stesso tempo contribuisce all'economia del Paese nel quale risiede, attraverso il pagamento delle tasse e rimanendo economicamente attivo. Inoltre, gli imprenditori anziani hanno marginalmente maggiori probabilità, rispetto alle loro controparti più giovani, di assumere più di cinque persone. In questo modo non solo creano il posto di lavoro per sé stessi ma anche per gli altri", ha affermato il professor Schøtt.
Ulteriori benefici economici derivano dal fatto che le persone anziane che fungono da investitori informali, tendono a investire notevolmente più denaro rispetto agli adulti più giovani. Quasi due terzi (63%) dei business angels più anziani investono più della media di tutti gli investimenti. E gli imprenditori anziani in tutte le fasi di attività imprenditoriale riportano livelli di soddisfazione sostanzialmente più elevati sia nella loro vita, sia nel loro lavoro, rispetto ai dipendenti della stessa età. Ciò si traduce in una migliore salute e meno richieste di programmi di assistenza sociale.
Schøtt ha affermato che questi risultati hanno un significato particolare per le economie che lottano con il peso dell'invecchiamento della popolazione.
"Con circa il 16% della popolazione mondiale di 55 anni o più, le questioni dell'attività imprenditoriale in queste età più avanzate interessano direttamente più di 1,2 miliardi di persone ", ha aggiunto il professor Schøtt. "Il mondo comincia a capire come gli imprenditori anziani con la loro ricchezza di lavoro e di esperienza di vita, il loro entusiasmo e un network molto sviluppato, siano un'enorme risorsa enorme, ancora intatta".

Punti chiave del report

a) Gli individui più anziani hanno bassa fiducia nella propria capacità di avviare e gestire un'attività, ma la disponibilità al rischio è più elevata tra i gruppi di età più avanzata.

b) Gli adulti più anziani hanno una probabilità maggiore di essere imprenditori sociali rispetto agli imprenditori degli altri gruppi di età. Ciò suggerisce che le persone possono ritirarsi da posti di lavoro come dipendenti o come lavoratori autonomi, ma possono continuare a perseguire le imprese con un obiettivo sociale o comunitario. Questa è una scoperta interessante, visto che l'imprenditoria sociale è spesso associata ai giovani, idealisti per natura.
c) Il genere ha un'influenza sul comportamento imprenditoriale da parte delle persone anziane. Le intenzioni imprenditoriali sono più basse tra le donne anziane rispetto alle altre fasce d'età, con meno di sette donne che esprimono l'intenzione di avviare un'attività per ogni dieci uomini in questo gruppo di età. Le persone più anziane riportano il divario di genere più ampio in termini di attività imprenditoriale, con solo sei donne impegnate in attività di startup per ogni dieci imprenditori maschi in questa fascia di età.



Idee e opinioni


Condividi su LinkedIn numero di 30/08/2017
Torna al SOMMARIO








SEGUICI