Usa il mouse, frecce o sfoglia se touch
   numero di 28/06/2017
Finanza e investimenti

Buone opportunità con l'approccio short duration per il credito europeo
Velot (Axa IM): il potenziale aumento della volatilità e il rischio politico rappresentano entrambi opportunità di investimento interessanti

A oltre due anni dal lancio nel gennaio 2015, il piano di Quantitative Easing della Banca Centrale Europea (BCE) continua ad avere un impatto significativo su chi investe nel credito. Effettivamente, l'acquisto di obbligazioni da parte della banca centrale ha spinto il 42% dei rendimenti dei titoli sovrani europei in territorio negativo, costringendo gli investitori a incrementare il rischio per ottenere un rendimento nominale e reale positivo.
Dopo che la BCE ha rivisto al rialzo le prospettive di crescita economica per il 2017 e il 2018, restiamo ancora ottimisti sui mercati del credito europei. Il miglioramento della crescita economica dovrebbe ridurre ulteriormente i tassi di default societari (che sono già bassi), infatti lo scenario economico positivo si riflette in un aumento dei ricavi e in un miglioramento dei margini e della leva finanziaria delle imprese.

Il costante miglioramento del ciclo del credito prova che continuano ad esserci opportunità d'investimento

Anche se la BCE ha iniziato a ridurre gradualmente il piano di acquisto di obbligazioni societarie (CSPP), la banca centrale ha ancora in programma di acquistare un volume significativo di titoli corporate ogni mese fino al dicembre 2017 prima di ridurre l'importo degli acquisti mensili a partire da gennaio 2018. Nel complesso, questa domanda dovrebbe contribuire a un restringimento degli spread di credito.
Lo scenario economico positivo e il costante miglioramento del ciclo di credito per noi significano che il mercato del credito europeo possa continuare a offrire opportunità interessanti. Più in generale, crediamo che il credito investment grade europeo offra rendimenti interessanti, soprattutto se paragonato ai titoli di Stato, in particolare sulle scadenze più brevi.
Tuttavia, nel breve termine, l'intensificarsi dei rischi politici globali dovuti alle incertezze negli Stati Uniti e a eventi come i negoziati sulla Brexit o le elezioni francesi potrebbe incrementare la volatilità sul mercato e offuscare temporaneamente le prospettive del credito europeo.

Potenziale aumento della volatilità nei tassi d'interesse e rischio politico potrebbero costituire attraenti opportunità di investimento

Le aspettative di forti stimoli fiscali negli Stati Uniti hanno fatto salire i rendimenti su scala globale. L'FOMC ha alzato i tassi di 25 punti base a marzo, mentre si prevede che la BCE intervenga in modo più graduale. Secondo la forward guidance ufficiale della Banca Centrale Europea, i tassi di interesse potrebbero restare ?sui livelli attuali o più bassi per un periodo di tempo prolungato', tuttavia ci aspettiamo indicazioni sul tapering da settembre in poi. Il periodo di normalizzazione potrebbe provocare volatilità nei tassi di interesse.
Crediamo che il potenziale aumento di tale volatilità e il rischio politico rappresentino entrambi opportunità di investimento interessanti nel credito investment grade europeo short duration. Infatti l'approccio short duration offre potenzialmente un'esposizione più bassa sulla volatilità, sia dei tassi di interesse che degli spread di credito.

Investire in una strategia short duration, non solo riduce la sensibilità nei confronti dei rialzi dei tassi di interesse, ma trae anche vantaggio da tale contesto, poiché un livello più alto di reinvestimento delle obbligazioni in scadenza consente un maggiore allineamento con i rialzi dei tassi. Nel contempo, la natura stessa di duration e spread duration più contenute dovrebbe consentire a una strategia short duration di limitare la volatilità e le perdite rispetto al resto del mercato.

Anne Velot, Head of Active Fixed Income presso Axa Investment Managers
 



Finanza e investimenti


Condividi su LinkedIn numero di 28/06/2017
Torna al SOMMARIO








SEGUICI