Usa il mouse, frecce o sfoglia se touch
   numero di 17/05/2017
Sport Business

Real Madrid e Adidas: un accordo da un miliardo di euro
Der Spiegel ha svelato i particolari del contratto: si parla di 70 milioni fissi più diversi bonus fra il 2015 e il 2024

E dopo i Leaks che hanno riguardato politica, economia e Vaticano, sono arrivati anche quelli sul mondo del calcio. Anche questa volta, l'organizzazione di Assange, ha avuto nel magazine tedesco Der Spiegel una delle sue "caselle della posta" preferenziali. I redattori, analizzando le varie mail ricevute hanno così scoperto i termini dell'accordo di sponsorship tra Adidas e Real Madrid.
L'accordo è stato stipulato nel 2015, ma le cifre erano rimaste segrete negli uffici di Florentino Perez. Dopo le rivelazioni del magazine, il contratto fra il Real Madrid e Adidas è stato reso pubblico.
A quanto si apprende l'azienda tedesca si è assicurata due anni fa l'esclusiva di posizionare il proprio logo sulle maglie con un accordo di nove anni, partito nel 2015 e in scadenza nel 2024, in cambio di una cifra che si aggira intorno a 1 miliardo di euro complessivi, bonus inclusi.
Numeri che fanno rumore, anche se messi a confronto con quanto il Chelsea ha strappato alla Nike a partire dalla prossima stagione: 900 milioni in 15 anni. Cifre che però sono già stati superati dal Barcellona che ha già nel cassetto da tempo un accordo da 1,5 miliardi con Nike, che partirà dal 2018 e avrà una durata di dieci anni.
L'accordo fra Real Madrid e Adidas da 1 miliardo di euro prevede nel dettaglio un compenso fisso annuale di 70 milioni a cui vanno aggiunti il 22,5% dei ricavi provenienti dal merchandising (circa 30 milioni) e altri bonus legati ai risultati: 2,5 milioni, che saliranno a 3,5 dal 2020, per la vittoria della Liga e 5 milioni (7 sempre dal 2020) per la conquista della Champions League.

Insomma, se nel prossimo mese il Real Madrid dovesse centrare il "doblete de oro" (campionato e Champions League), incasserebbe solo dallo sponsor tecnico un ricco bonus di 7,5 milioni di euro.
Non stupiamoci quindi se le due squadre spagnole risultano in testa ai team più ricchi del mondo, in grado di acquistare - con una certa attrazione economica - qualsiasi giocatore di talento.
 



Sport Business


Condividi su LinkedIn numero di 17/05/2017
Torna al SOMMARIO






SEGUICI