Usa il mouse, frecce o sfoglia se touch
   numero di 19/04/2017
Marketing

Top Brands: i migliori account corporate del mondo bancario
Dall'indagine Blogmeter emerge che su Facebook i migliori brand sono Postepay, Credem Banca & BPER Banca, mentre su Twitter spopolano Intesa San Paolo e CartaSi

Eventi, partnership e offerte: sono questi i temi che i brand del mondo Banking condividono sui propri canali social per comunicare con i propri utenti, nella speranza di coinvolgerli. Ma quali sono i profili più coinvolgenti? E quali le content strategy più efficaci? L'indagine Top Brands di Blogmeter, relativa al mese di marzo, ha voluto approfondire questi temi, individuando i migliori cinque account corporate su Facebook e Twitter secondo le due metriche di engagement (somma delle interazioni) e nuovi fan/follower. 

Facebook

Ad aprire la classifica dell'engagement di Facebook troviamo la pagina di Postepay che colleziona nel mese di marzo oltre 30 mila interazioni. Grande successo per l'iniziativa Postepay Sound, il picco dell'engagement arriva infatti con il post dedicato al concerto di Ed Sheeran.  Durante il mese di marzo, diverse pagine del mondo banking hanno puntato sulle giornate delle Festa della Donna e del Papà per coinvolgere gli utenti: è il caso di Banca Mediolanum che, con quasi 25 mila interazioni, occupa il secondo posto della nostra classifica o anche di BPER Banca e CheBanca!  rispettivamente in terza e quarta posizione. Chiude la classifica dell'engagement Unicredit Italia molto attiva a marzo con una media di 2,6 post al giorno e un piano editoriale diversificato e ricco di promozioni, nuovi prodotti e consigli.
Ad accrescere maggiormente la propria fan-base a marzo è la pagina di Credem Banca con oltre 10 mila nuovi fan, seguita a stretto giro da BPER Banca (più di 9 mila). Buone performance anche per Cartasi che si distingue per i contenuti promozionali dell'offerta #SmartSi in partnership con brand come Fiorella Rubino ed Elena Mirò, che generano un alto tasso di engagement. Si classifica quarta UBI Banca che durante il mese di marzo assiste a una costante crescita della propria community di Facebook riuscendo a coinvolgere gli utenti con contenuti ironici come "I consigli di Zia Prudenza".  All'ultimo gradino della Top 5 dei nuovi fan, c'è infine la pagina di Postepay, prima per engagement.

Twitter

Se Facebook è il social che i brand del mondo banking prediligono per comunicare offerte, partnership e iniziative, su Twitter invece, a coinvolgere maggiormente gli utenti sono gli eventi, in occasione dei quali i brand analizzati realizzano attività di live tweeting molto efficaci. Entrando nel dettaglio, è il profilo Twitter di Intesa Sanpaolo ad avere la meglio per numero di interazioni (circa 4 mila), la maggior parte delle quali generate in occasione dell'evento #SharingItaly che si è svolto il 30 e 31 marzo a Torino. Il tweet più coinvolgente del mese, tuttavia, riguarda un concorso dedicato alle startup. Banca Popolare Etica conquista la seconda posizione, merito soprattutto della sua partecipazione al "Fa' la cosa giusta" che si è tenuto a Milano dal 10 al 12 marzo, mentre in terza posizione troviamo Poste Italiane con un buon numero di interazioni legate principalmente ai tweet per la Festa della Donna. Completano la classifica dei brand più coinvolgenti su Twitter i profili di Unicredit, che a marzo ha lanciato in Italia Apple Pay catturando l'interesse degli utenti Twitter, e Widiba che ha riscosso grande successo con un tweet dedicato alla sciatrice Sofia Goggia. Infine ad aprire la Top 5, stilata secondo la metrica dei nuovi follower, è CartaSi con ben 1800 nuovi follower grazie alla nuova offerta #SmartSi. Secondo posto per Credem Banca che ha comunicato su Twitter l'assegnazione della certificazione Top Employers Italia 2017, ottenendo molta visibilità. Nelle successive due posizioni, troviamo i già citati UnicreditIntesa Sanpaolo, mentre in ultima posizione si trova il profilo Twitter di Mastercard che durante il mese di marzo ha costantemente incrementato la propria follower-base. 

 



Marketing


Condividi su LinkedIn numero di 19/04/2017
Torna al SOMMARIO








SEGUICI