Usa il mouse, frecce o sfoglia se touch
   numero di 05/04/2017
Finanza e investimenti

Che ne sarà del mercato obbligazionario USA?
Gundlach (Nordea): il mix tra le politiche della Fed e quelle di Trump porterà il rendimento del Treasury a 10 anni al 3%. Se il rialzo dovesse essere maggiore, il segmento high yield rischia di cadere nel buco nero dell'illiquidità

La Federal Reserve ha fatto quello che ci si aspettava, alzando i tassi di interesse dello 0,25% e rendendo in questo modo più oneroso far fronte al costo del debito. Una situazione che potrebbe diventare difficile per gli Stati Uniti, dato che la linea politica di Donald Trump sembra orientata ad aumentare il passivo dei conti pubblici Usa. Questo il punto di vista di Jeffrey Gundlach, CEO di DoubleLine e gestore del fondo Nordea, riconosciuto come uno degli esperti più importanti a livello mondiale per quanto riguarda gli investimenti obbligazionari.
Come sottolinea Gundlach, la nuova presidenza Trump ha dato agli investitori un nuovo senso di fiducia che si è reso palese dal rinnovato interesse verso l'azionario, in particolare per i titoli finanziari e industriali che hanno avuto una performance molto positiva nel periodo post-elezioni. Senza contare che "il dollaro è salito ai suoi massimi da anni a questa parte, aiutato dalla crescente incertezza su quale sarà la linea commerciale del neo presidente", afferma il gestore. "La misura del successo di Trump, tuttavia, potrebbe dipendere molto dall'andamento di dati macroeconomici come quelli del mercato del lavoro. Quello che sappiamo è che probabilmente le politiche del presidente Usa, orientate al supporto di infrastrutture e difesa, hanno il potenziale per incentivare la crescita nel breve termine, se condotte correttamente, ma nel lungo termine potrebbero vedere il deficit statunitense salire di oltre un trilione".
Per l'esperto rimane comunque da vedere quale sarà la struttura di queste politiche commerciali e fiscali e che effetto tali iniziative avranno sull'economia. Nello specifico, il lato commerciale "rimarrà un mistero finché la linea non sarà chiaramente definita. Di sicuro, maggiori tariffe imposte sui prodotti provenienti da Cina e Messico si faranno sentire per i consumatori che le percepiranno come una tassa aggiuntiva".
L'effetto combinato delle azioni della Federal Reserve, attesa operare due ulteriori rialzi nel corso di quest'anno, e delle politiche trumpiane, "dovrebbe portare i rendimenti del decennale Usa intorno al 3%, un rialzo che se dovesse essere maggiore potrebbe determinare la fine del mercato obbligazionario bull e non solo. I tempi stanno cambiando e la maggior parte dei mercati ne saranno affetti".
Se il rendimento del Treasury a 10 anni dovesse salire sopra il 3%, prosegue Gundlach, "i bond corporate ad alto rendimento potrebbero cadere in un buco nero di mancanza di liquidità". Orizzonti poco sereni anche per l'azionario. "I titoli stanno scambiando a livelli molto elevati rispetto agli utili: il coefficiente prezzo/utile ponderato per il ciclo (Cape, ndr) è prossimo ai livelli del 1929. Mi aspetto che quest'anno i profitti aumentino e che il rapporto prezzo/utile scenda", stima l'esperto, raccomandando una minore esposizione verso i listini Usa e una maggiore diversificazione a livello globale, in particolare verso i mercati emergenti, l'India e l'indice Nikkei.



Finanza e investimenti


Condividi su LinkedIn numero di 05/04/2017
Torna al SOMMARIO






SEGUICI