Usa il mouse, frecce o sfoglia se touch
   numero di 08/03/2017
Fare Business

La moda italiana vale il 4% del Pil
I dati Mediobanca fino al 2015 (e proiezioni 2016 per le quotate) parlano di un settore in salute

La moda è un settore importante per il nostro paese, non solo a livello di notorietà, ma anche a livello di creatività e, ovviamente, di business. I dati presentati da R&S Mediobanca con l'indagine annuale sui principali Gruppi Moda in Italia, e un confronto con il mercato globale, dal 2011 ai primi nove mesi 2016 mostra come nel 2015 il giro d'affari mondiale della moda, inteso come beni di lusso per la persona, è cresciuto, rispetto all'anno precedente, del +12%, attestandosi a 251 miliardi di euro.
Gabriele Barbaresco, direttore dell'Area studi Mediobanca, ha preso in considerazione le 140 maggiori aziende della moda con sede in Italia e con almeno 100 milioni di euro di fatturato nel 2015 e le ha confrontate con le migliori 15 e sono emersi alcuni dati interessanti.
Le performance delle aziende italiane della moda sono migliori di quelle della grande industria manifatturiera e il sistema produttivo moda, in generale, ha avuto una crescita importante, +9,4% sul 2014 e addirittura +28,4% sul 2011. Inoltre, le aziende hanno tutte, in generale, una buona solidità finanziaria e la presenza dei debiti è molto sotto la media nazionale. A cercare con attenzione, c'è un dato che decresce, ed è la redditivita operativa, ma che è al 9%.

Incidenza sul Pil

La Moda e il lusso in generale hanno garantito un giro d'affari complessivo di 62,5 miliardi di euro nel 2015, una cifra che rappresenta il 4% del Pil dell'Italia. Il dato sarebbe già interessante, ma va considerato che nel 2011 il comparto pesava il 3%, quindi una crescita di un terzo in un periodo di creisi economica!

Non solo negozi, ma anche eCommerce

Il negozio tradizionale si conferma il canale di vendita principale per le aziende del settore, ma l'eCommerce continua ad aumentare la propria fetta di mercato e importanza, con un giro d'affari di 17 miliardi di euro nel 2015, ben 5 in più dell'anno precedente, con le proiezioni del 2016 parlano di una crescita superiore al 26%. I negozi resistono soprattutto perché cresce il giro d'affari degli outlet, i cui dati preliminari parlano di 26 miliardi nel 2016.

Le Top 15

Tra tutte le aziende del settore, Mediobanca ha analizzato le migliori 15. Qui il brand che registra nel periodo nell'arco degli ultimi 5 l'incremento più importante dei ricavi è Valentino (+102%), seguito da Moncler (+71,5%) e Calzedonia (+55,8%). Benetton, tra queste 15, è l'unica con il segno meno, mentre Luxottica è il gruppo con il fatturato maggiore, oltre 8,83 miliardi di euro, seguita da Prada (3,54 miliardi) e Armani con 2,65 miliardi. Proprio Luxottica, unendosi con Essilor, diventerà il secondo gruppo del settore a livello mondiale, dietro al gruppo Christian Dior.



Fare Business


Condividi su LinkedIn numero di 08/03/2017
Torna al SOMMARIO








SEGUICI