Usa il mouse, frecce o sfoglia se touch
   numero di 01/03/2017
Idee e opinioni

L'impatto di Trump sul futuro del business negli Stati Uniti
Secondo Frost & Sullivan, le aziende devono adattarsi a un'amministrazione maggiormente incentrata sugli USA, che influenzerà le loro strategie

Le politiche proposte dal presidente Donald Trump avranno implicazioni significative per diversi settori e per l'intera economia globale. Mentre molte delle politiche proposte sul commercio, l'ambiente e la sanità potrebbero richiedere tempo per essere attuate, la spesa per le infrastrutture e la difesa darà slancio a breve termine all'economia degli Stati Uniti.
Se ampiamente distribuito, sostenendo così i progetti sia pubblici che privati, l'aumento della spesa creerà opportunità per aggiornamenti tecnologici sicuri e intelligenti sia nell'ambito delle infrastrutture sia della difesa, spianando la strada alla prossima generazione di servizi legati a viaggi, trasporti, banda larga e utility. Tuttavia, c'è mancanza di chiarezza riguardo ai modi in cui la spesa, insieme ai tagli fiscali, influenzerà la crescita economica a medio termine, specialmente se le riforme commerciali proposte da Trump porteranno alla contrazione economica.
Lo studio intitolato "Trump's Impact on Future Business in the United States" fa parte del programma Visionary Innovation (Mega Trends) Growth Partnership Subscription di Frost & Sullivan. Frost & Sullivan ha creato anche i nuovi workshop: New Populism Pendulum Custom Workshops, delle consulenze di un giorno con esperti del settore.
"L'autodeterminazione avrà un ruolo sempre più importante nella cultura americana nei prossimi quattro anni e i cittadini, le aziende, le città e gli stati si adatteranno allo spostamento delle responsabilità dal governo federale", afferma Jillian Walker, Senior Consultant per il gruppo Visionary Innovation di Frost & Sullivan. "Le decisioni relative al reddito, agli investimenti e ai finanziamenti diventeranno ancora più specifiche, personalizzate e consequenziali, e ci sarà una maggiore necessità di guidare i consumatori".
Ci sarà anche una maggiore attenzione alle tecnologie di automazione nel settore manifatturiero, in cui i produttori troveranno un equilibrio tra il controllo dei costi e l'espansione delle operazioni americane. I settori che trarranno il maggior beneficio dalla deregolamentazione proposta sono l'energia e i servizi finanziari.
"In termini di consumatori, prevediamo che i modelli di erogazione connessi per l'istruzione, la sanità e i servizi finanziari guadagneranno terreno, soddisfacendo la maggiore domanda dei consumatori per una più ampia gamma di alternative convenienti, a prezzi accessibili e on-demand", osserva Walker.
Il commercio, in particolare, è avvolto in una nube di incertezza, portando le aziende a rivalutare le proprie catene di approvvigionamento e strategie di investimento a lungo termine. Le aziende si stanno inoltre adattando all'utilizzo di Trump dei social media e attueranno sempre più strategie proattive che enfatizzano il proprio impegno verso l'America.

"In termini di politica estera, Trump ha iniziato la sua amministrazione con un atteggiamento molto più amichevole verso la Russia e c'è una forte possibilità che gli Stati Uniti rimuoveranno le sanzioni", osserva Walker. "Le relazioni degli Stati Uniti con il Messico e la Cina saranno tese nei primi mesi della presidenza Trump. È evidente che il Messico subirà il colpo più duro, poiché i produttori americani stanno già riconsiderando l'espansione degli investimenti di capitale verso il Paese".
Complessivamente, il progetto economico di Trump, il suo approccio al commercio e il suo riallineamento alle potenze globali potrebbero stimolare un boom nel breve periodo, ma potrebbero anche portare a una contrazione economica nel medio periodo se gli approcci pianificati non daranno i risultati previsti.



Idee e opinioni


Condividi su LinkedIn numero di 01/03/2017
Torna al SOMMARIO






SEGUICI