Usa il mouse, frecce o sfoglia se touch
   numero di 15/02/2017
Fare Business

M&A: tempo di trasformazione per i dealmaker che cercano opportunità di crescita
Scaffidi (Willis Towers Watson): nell'ultimo trimestre 2016 calano i volumi complessivi del settore, ma emerge una maggiore qualità delle operazioni

Secondo l'ultima edizione dell'indagine Quarterly Deal Performance Monitor (QDPM) di Willis Towers Watson, nell'ultimo trimestre 2016 l'attività di M&A ha avuto una significativa diminuzione dei volumi. I deal conclusi però hanno registrato alte prestazioni e registrato una sovraperformance di 0,4 punti percentuali sopra l'indice (MSCI World Index è usato di default). Su base YTD, gli acquirer hanno sovraperformato l'indice di hanno sovraperformato l'indice 5.4pp.
L'indagine, realizzata in collaborazione con la Cass Business School, evidenzia come nel periodo il numero dei deal conclusi si sia ridotto a 273, rispetto ai 307 del 4 ° trimestre 2015. Un numero record di deal si sono conclusi nelle ultime 2 settimane dell'anno: 72 rispetto ai 48 dello stesso periodo del 2015.
Secondo Andrea Scaffidi, Senior Consultant di Willis Towers Watson Italia, "il calo globale dei volumi delle attività di M&A sono stati guidati una scarsa attività sia in Nord America che in Europa. L'indagine mostra che, nonostante i bassi tassi a livello globale siano un incentivo per l'impiego di capitali in attività M&A, l'incertezza economica post Brexit e pre-elezioni negli Stati Uniti abbia frenato il mercato, suggerendo alle aziende di aspettare e vedere prima di intraprendere nuove possibili operazioni. Il calo delle performance dei trimestri precedenti indica una maggiore cautela causata dall'attuale clima economico. Inoltre, la complessità dei deal transfrontalieri e la crescente dimensione delle operazioni completate, prolunghi la durata di tutto l'iter dell'operazione. Tuttavia è giusto evidenziare che nonostante questo, gli acquirer continuano a performare ben al di sopra degli indici di mercato, registrando un forte ritorno sulle operazioni completate".
A livello regionale la ricerca rivela che gli acquirer del Nord America sono i più attivi, con 84 deal conclusi e una performance di mercato di 4.0pp sopra l'indice regionale, questo è però inferiore rispetto al trimestre precedente. Nell'area Asia-Pacifico si registra una significativa diminuzione delle prestazioni attualmente appena sopra l'indice regionale a 0.3pp, è però aumentato il numero di operazioni completate nel 4° trimestre rispetto al trimestre precedente. Gli acquirer provenienti dall'Europa mostrano una sottoperformance di -4.3pp in contrasto con una sovraperformance di 11.6pp del loro indice regionale nel trimestre precedente.
A livello settoriale, l'analisi mostra come prodotti di consumo e servizi, servizi finanziari, sanità, alta tecnologia, materiali e delle telecomunicazioni siano stati poco performanti rispetto ai loro indici. Tuttavia nei risultati complessivi, grazie alle buone performance di inizio anno, con l'eccezione del settore delle telecomunicazioni, Energy & Power e alta tecnologia, tutti i settori hanno sovraperformato i loro indici rispettivi.
Continua Scaffidi: "quasi tutti i settori mostrano un trend positivo in termini di prestazioni di M&A quest'anno, suggerendo che i giorni di predominio del Pharma nel M&A possono essere ormai lontani. M&A è diventato un modo tradizionale per cercare di crescere e quello che mostra sempre maggiore ritorno sugli investimenti rispetto ad altre strategie di crescita".
Nel quarto trimestre 2016, le performance degli acquirer dei deal Large, Domestic, Intra-Regionali, Cross-Sector and Slow sono stati significativamente inferiori rispetto al trimestre precedente e allo stesso periodo del 2015. In un'inversione di tendenza, i mega deal, quelli di medie dimensioni, i Cross-Border, Cross-Regional, Intra-settoriali e deal rapidi hanno sottoperformato il mercato in questo trimestre, ma da inizio anno di tutti i tipi di deal hanno mostrato un eccesso di performance nel mercato.
Conclude Scaffidi: "questo trimestre ha visto un rallentamento naturale mentre nel precedente è stato rilevato un maggior volume di affari rispetto ai deal completati. Ciò suggerisce che le aziende, precedentemente alla turbolenza legata alle elezioni negli Stati Uniti, hanno approfittato dei tassi di interesse più bassi di sempre. Tuttavia è necessaria prudenza prima di prendere i risultati di un trimestre e considerarli un trend. In aggiunta, però la fortuna aiuta gli audaci e con una media di tre anni di corso dei mercati di 5.8pp, M&A rimane un'attività molto interessante per le organizzazioni".

Il 2016 è stato un anno di crescita per i dealmakers ma con risultati inferiori rispetto all'anno precedente

- Gli acquirer hanno sovraperformato l'indice del 5,4% in calo rispetto alla sovraperformance del 10,1% del 2015;
- Il numero dei deal conclusi è sceso 1.041 nel 2015 a 942;
- Nel 2016 il Nord America ha registrato il maggior volume di deal conclusi nel (429), seguito da Asia-Pacifico (314) e l'Europa (171), resto del mondo (28);
- I deal domestici sono quelli che performato meglio (7,6% sopra l'indice) seguiti da quelli intra-regionali (6,8%), cross sector (5,8%) e intra-settoriali (5,4%);
- Un numero record di deal (72) sono stati completati nelle ultime due settimane del 2016, rispetto ai soli 48 offerte per lo stesso periodo nel 2015.
Secondo Scaffidi, "il numero di deal completato nelle ultime due settimane dell'anno, in particolare in Nord America, Asia e Cina ha notevolmente aumentato la performance del settore nell'anno. Il calo della sovraperformance dei deal può essere un segno di profonda fiducia degli investitori nella capacità degli acquirenti di integrare modelli di business diversi e realizzare una crescita a lungo termine".

Previsioni per il 2017

1. I deal locali domineranno

Fattori politici ed economici favoriranno i deal interni poiché si deciderà di favorire il mercato interno. La ricaduta dalle elezioni degli Stati Uniti costringerà le aziende del Nord America ad investire internamente al Paese piuttosto che a livello internazionale. L'incertezza politica in Europa, con le prossime elezioni in Francia, Germania e Olanda, insieme alle ricadute della Brexit, il referendum italiano, deprimeranno i volumi del settore. Tuttavia, i dealmaker che saranno nel posto giusto al momento giusto saranno ricompensati.

2. Deal più grandi, ma in minor numero

Significativi venti contrari porteranno gli acquirer a riflettere a lungo circa la possibilità di completare e creare valore di business sul lungo periodo nei deal di maggiori dimensioni. Tuttavia, l'ambiguità economica e politica darà luogo ad opportunità a cui sarà difficile resistere. La stampa economica è da tempo concentrata su 'mega deal' dal valore di più di 10 miliardi di dollari. Il 2017 sarà l'anno in cui un accordo di questo valore si concluderà dando vita ad un colosso deal valore di oltre $ 100 miliardi.

3. Creazione di più valore dalle operazioni di M&A

Il 2017 sarà un anno di riflessione. A causa di un maggiore controllo da parte degli azionisti, i dirigenti d'azienda metteranno più impegno nella creazione di maggior valore dalla passata attività di M&A. Ciò comporterà la cessione di asset non core e insoddisfacenti, la generazione di nuovo denaro per finanziare il futuro sviluppo del business. Queste dismissioni potranno fornire il denaro necessario per investire in una maggiore digitalizzazione interna come conseguente vantaggio competitivo.

4. M&A e responsabilità sociale

A seguito di movimenti politici populisti e del crescente malessere sociale nei paesi in via di sviluppo; nel 2017 le aziende in espansione all'estero avranno un comportamento maggiormente responsabile relativamente al loro impatto sulle economie locali, come creazione di posti di lavoro, equa occupazione e rispetto dei diritti umani. Questo creerà ulteriori problematiche per gli acquirer globali che cercano di espandersi in nuovi mercati e che si troveranno ad affrontare un accresciuto controllo da parte dei regolatori governativi e politici.

5. Analytics per ridurre le tempistiche di chiusura dei deal

L'utilizzo di dati da parte dei dealmaker, per sostenere due diligence e attività di integrazione, si tradurrà in trattative più brevi e conseguente creazione di valore. L'utilizzo di dati nei deal accelererà l'adozione di analisi per il futuro dell'organizzazione, che consentirà ai dirigenti di identificare sinergie in modo più veloce.
"Il 2017 sarà un anno di trasformazione per i dealmaker che cercano opportunità di crescita. Di fronte a molte sfide, tra cui le incertezze politiche ed economiche, ci sarà un numero più o meno uguale di opportunità che animeranno il mercato M&A", conclude Scaffidi



Fare Business


Condividi su LinkedIn numero di 15/02/2017
Torna al SOMMARIO








SEGUICI